Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Antonella Palmisano, la piccola marciatrice cresciuta nella lezione di don Lorenzo Milani, di Elisa Chiari

Antonella Palmisano, la piccola marciatrice cresciuta nella lezione di don Lorenzo Milani, di Elisa Chiari

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/08/2021 17:29
Nel 2010 Famiglia Cristiana andò a conoscere una società sportiva di Mottola (Taranto) in cui un maestro cresceva giovani marciatori tenendo a mente la lezione di don Lorenzo Milani. Vi riproponiamo quel racconto. C'era anche Antonella fresca diciottenne…

Anche da un binario morto si può imparare a vivere. A patto di avere chi te lo insegna. E di sapere dove si vuole andare. Alla scuola di marcia di Tommaso Gentile, a Mottola, cocuzzolo di collina tra Bari e Taranto, il binario morto è perfetto per tenere il passo: due traversine una falcata, così nessuno sbaglia. Non è che lo suggeriscano i manuali di marcia, ma ci si arrangia con quel che c’ è. Per allenarsi va bene tutto: la spiaggia, il bosco, le stradine saliscendi del centro, con la pietra che diventa lucida sotto la pioggia, e appunto il binario morto. Per i piccoli quando piove si apre la palestra della scuola elementare, i grandi si allenano all’ acqua. Solo da poco gli atleti più o meno in erba hanno sulla tuta il logo Terra Jonica, segno di un piccolo aiuto dalla Provincia di Taranto, ma il più è volontariato, dispendioso anche. Tommaso Gentile, allenatore che più di strada non si può (la sede della società è di fatto un pulmino carta da zucchero), ha imparato la sua filosofia da don Lorenzo Milani e la applica alla marcia, che poi è un pretesto come un altro per insegnare delle cose lungo il percorso. E infatti la società si chiama Polisportiva Don Milani: «Il mio obiettivo», spiega Gentile con l’aria di chi non è abituato a raccontarsi, «non è far crescere campioni, ma persone, se poi vengono i campioni tanto meglio. Ma non è la cosa più importante».

E, infatti – i ragazzi confermano passandosi parola l’ un l’ altro –, la lista delle priorità è nell’ordine: famiglia, scuola, sport: «Tommaso va a parlare con i nostri professori e maestri, e se scopre che ci comportiamo male a casa o a scuola sono dolori». Gentile lo è di nome e di fatto ma se serve conosce la ruvidezza: «Divento durissimo se mi prendono per il naso, se capisco che usano me e l’ allenamento come paravento per nascondere qualcosa ai genitori, perché questo incrina il rapporto di fiducia. Io sono uno che a 50 anni se sbaglia chiede scusa a dei ragazzini, ma pretendo la stessa trasparenza». I ragazzi vanno dai sei anni di Giuseppe ai 18 di Antonella Palmisano, la “chioccia”, come dice Tommaso, ma anche la punta di diamante che il mondo dell’ atletica che conta osserva con grande interesse. «Come alla scuola di Barbiana, dove non sono mai stato ma dove sogno di portare i ragazzi, qui i grandi insegnano ai piccoli e, fatte le debite proporzioni, si sta insieme. Antonella senza i piccoli non sarebbe dov’ è». E lei conferma. L’ entusiasmo con cui arrivano tutti semplicemente per la faticaccia di marciare dice più delle parole: «Qualcuno», continua Gentile, «viene come si va in ludoteca perché sta bene con gli altri, ma è sempre meglio che stare in strada. Ricordo una bambina dei primi tempi, ci guardava sempre da lontano. Stava alla pioggia e sbirciava, quando la invitavo ad avvicinarsi, bestemmiava. E io niente, il giorno dopo la invitavo ancora. Finché si è inserita nel gruppo. Sono fiero di come è cresciuta, è diventata una donna forte».

La storia della Don Milani risale a un libro portato a Tommaso da un amico: «Stavo facendo un percorso spirituale, mi sono imbattuto in Lettera a una professoressa e nelle Lettere alla madre di don Milani e ho capito che non mi bastava fare l’ imprenditore immobiliare e il padre di tre figli, dovevo fare qualcosa per i ragazzi. Mi piaceva correre e sono partito da lì. La marcia è venuta dopo, con un ragazzino che non amava correre. L’ ho iscritto a una gara di marcia, ma non sapeva marciare e l’ hanno squalificato. La sua delusione ha innescato il resto. Ho capito che nessuno avrebbe dovuto più stare male per quello che non avevo saputo insegnargli e ne ho fatto un punto d’ onore». I risultati si vedono. Antonella Palmisano, appena entrata in Guardia di Finanza, non è l’ unica: Giovanni Renò, Anna Clemente, Leonardo Serra sono già nell’ orbita della Nazionale, Giada Scarano ha il primato italiano sui duemila metri categoria ragazzi e ormai Gentile sta nel giro degli allenatori azzurri. Ma lo stile resta atipico: «Dopo ogni gara facciamo il processo: tutti in cerchio parliamo di com’ è andata. Una volta mentre festeggiavo il successo di una ragazza mi è arrivato da un’ altra un Sms piccato di gelosia. Il giorno dopo ho letto a tutti quanti la lettera a Pipetta di don Milani. Dopo un po’ mi è arrivato un altro Sms di scuse, firmato Pipetta. Era la stessa di prima che aveva capito che stavo leggendo a tutti, ma parlando a lei. Leggo spesso con loro, di tutto, anche le cose che piacciono a loro, Moccia per dire, poi però ne discutiamo insieme. Non ho una formazione accademica ma amo i libri: ne compro sempre due o tre copie e poi li semino». Qualcosa da qualche parte germoglia, sul pulmino si parla di tutto, ogni spunto è buono per confrontarsi e i cellulari sono spenti, benché nessuno lo pretenda. Se poi arriva, come arriva, la partecipazione alla Coppa del mondo di marcia in Messico, proprio in questi giorni, tanto meglio. Da Mottola a Chihuahua fanno a spanne 10 mila km. Ecco dove portava il binario morto. E non sarà certo l’ ultima stazione.

Ps. La stazione, in effetti era molto più lontana, a Tokyo, nel 2021: una stazione tutta d'oro

 

https://m.famigliacristiana.it/articolo/antonella-palmisano-la-piccola-marciatrice-cresciuta-nella-lezione-di-don-lorenzo-milani.htm

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.