Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Amicizia e giustizia senza mascherine, di Rocco D’Ambrosio

Amicizia e giustizia senza mascherine, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 20/06/2022 09:05
Via le mascherine per riscoprire il volto dell’altro, per confermare amicizia e giustizia delle nostre relazioni, perché, come ha scritto Levinas, “il volto mi parla e così mi invita ad una relazione che non ha misura comune con un potere che si esercita, foss’anche godimento o conoscenza”...

Pian piano le mascherine sono lentamente archiviate e pian piano recuperiamo i volti della gente, di familiari, amici e conoscenti, ma anche di sconosciuti o lontani. Il post pandemia, specie nel periodo estivo, è certamente un tempo di ricostruzione di rapporti e lo svelare il volto ha un’enorme portata simbolica (Emmanuel Levinas). Qualcosa si è frapposto tra noi e gli altri (restrizioni, spazi interdetti, lontananze, assenza di contatto); il volto è stato spesso coperto; le mani hanno conosciuto più igienizzante che contatto con altre mani. Tutto ciò è stato un peso e credo che la prima indicazione salutare sarebbe quella di alleviare il peso condividendolo. Le ferite si rimarginano da sole quando sono piccole, ma, se grandi, hanno bisogno di più mani. Il dopo pandemia porta con sé un bisogno anche di evasione: ovviamente sta alla coscienza personale stabilire i limiti salutari di essa. Infine il post pandemia, che si incrocia con la guerra vicina-lontana in Ucraina, necessita di rifondare le relazioni logore già da prima della pandemia. Non è fuori luogo chiedersi se le nostre amicizie stiano risentendo dell’essere state a lungo “mascherate”. Ma, in fondo, cosa vogliamo da esse?

La forza vitale di tutta la società, secondo Aristotele, insieme alla giustizia, è la philia, che è scambio di benevolenza, amore, amicizia. Essa è la sostanza che fonda tutte le relazioni umane, è il legame del sentimento, diverso per intensità e stabilità, a delle relazioni che viviamo (familiari, professionali, occasionali). L’amicizia non fa bene se è basata sull’utilità o il piacere; invece toccherà il nostro profondo se è basata su una vita virtuosa. Per Aristotele il vero amico è chi desidera e fa ciò che è bene per il suo amico, desidera che il suo amico viva ed esista per il bene e nel bene (Etica Nicomachea). Cosa c’entra tutto questo con il post pandemia? C’entra eccome! Durante la pandemia abbiamo visto persone che hanno dato il meglio di sé, in dedizione agli altri, sacrificio e promozione del bene pubblico; ma abbiamo visto anche chi ha dato il peggio di sé in illegalità, corruzione, cinismo, mancanza di cura per gli altri. Si può ripartire solo se abbiamo le idee chiare su ciò che fonda le nostre relazioni come su ciò che le distrugge.

L’amicizia è un bene prezioso, ma raro, perché si fonda su una rettitudine etica difficile da maturare e condividere. In una realtà familiare, lavorativa, culturale, religiosa, burocratica, politica, i veri amici sono comunque pochi, ma ciò non autorizza a considerare tutti gli altri nemici. Essi, se non sono amici, restano conoscenti, vicini, colleghi, concittadini, compagni di strada in un’esperienza; in altri termini condividono con noi, senza l’intimità e l’intesa dell’amicizia, i fini dell’istituzione in cui ci ritroviamo. Se l’amicizia, la philia aristotelica, è bussola per ricostruire i rapporti intimi, la giustizia lo è, in egual misura, per ricostruire i rapporti professionali, sociali, politici.

Purtroppo, viste le carenze umane ed etiche della nostra classe politica nazionale – fatte salve le nobili e rare eccezioni – è molto raro trovare, specie nei nostri parlamentari, testimonianze autentiche di amicizia e giustizia. Molto semplicemente perché chi vive amicizia e giustizia non opera sulla direttrice consenso-potere-interessi, bensì su quella legami-cura-crescita, di sé come degli altri.  Consenso-potere-interessi portano alcuni dei nostri politici a trasformare la normale competitività in conflittualità permanente, ricerca ossessionata del consenso, identificazione di se stessi con la causa politica, abbandono dell’interesse comune per il proprio, ponendo l’istituzione in uno stato di perversione. Il loro male è tutt’altro che innocuo o tollerabile, ma affonda le sue radici in deliberate e ponderate riflessioni che distruggono qualsiasi persona e forma di convivenza umana dal suo interno. Il riferimento più pregnante – specie in tempi di guerra – va al problema della pace nelle istituzioni e tra le istituzioni: solo persone ed istituzioni che hanno trasformato il conflitto violento in lotta sana, hanno reso, il nemico, avversario e possono costruire e garantire la pace.

Via le mascherine per riscoprire il volto dell’altro, per confermare amicizia e giustizia delle nostre relazioni, perché, come ha scritto Levinas, “il volto mi parla e così mi invita ad una relazione che non ha misura comune con un potere che si esercita, foss’anche godimento o conoscenza”.

https://formiche.net/2022/06/amicizia-giustizia-senza-mascherine/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.