Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Altro che partito, ai cattolici serve un sinodo. Il commento di Cristiano, di Riccardo Cristiano

Altro che partito, ai cattolici serve un sinodo. Il commento di Cristiano, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 11/11/2019 20:36
Ma davvero qualcuno in Italia avverte l’esigenza di un partito cattolico? I tempi del non expedit sono lontani, i Patti Lateranensi sono stati grazie al cielo riscritti, il pericolo dell’ateismo comunista è un lontano ricordo, non è un bene che sia un lontano ricordo anche il partito dei cattolici?…

Il vescovo statunitense McElroy ha dichiarato in questi giorni che la chiesa americana è alla deriva e un sinodo sulla situazione dei cattolici statunitensi sarebbe urgente. Le sue parole si adattano bene, a mio avviso, anche alla situazione italiana. Dove però sui giornali si parla di più dell’opportunità di un partito cattolico piuttosto che di un sinodo sulla situazione del cattolicesimo italiano.

Ma davvero qualcuno in Italia avverte l’esigenza di un partito cattolico? I tempi del non expedit sono lontani, i Patti Lateranensi sono stati grazie al cielo riscritti, il pericolo dell’ateismo comunista è un lontano ricordo, non è un bene che sia un lontano ricordo anche il partito dei cattolici? Tutto sommato nello stesso manifesto di Zamagni e altri non si parla di partito solo di cattolici.

Resta invece che la situazione della nostra vita civile non brilli. Si potrebbero fare infiniti esempi: serve? Non serve, credo. Serve però dire che se la nostra vita civile non brilla e questo riguarda anche la Chiesa italiana, che è parte di questo momento difficile, nel senso che vi è coinvolta. Non sarebbe un sinodo della Chiesa in Italia la sede migliore per discutere di questo, per vedere cosa serva e cosa manchi? Non sarebbe questa la strada migliore per ottenere quel rinnovato impegno dei cattolici anche nella vita italiana auspicato in queste ore dal presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti? Eppure la sua intervista ad Avvenire di sinodo non parla. Eppure servirebbe se davvero ci fossero i segni di un qualche smarrimento.

Non penso a cosa significhi la difficoltà vocazionale, che significa che la Chiesa vive nel tempo più che nelle regole. C’è questo, ma c’è molto altro. Per esempio un discernimento sinodale sul fatto che in alcuni ambienti cattolici italiani sta entrando davvero il virus dell’etnonazionalismo non sarebbe importante? 

È importante parlare con qualche politico famoso o aprire anche su questo una riflessione ecclesiale, sinodale? Ragionare insieme, come Chiesa di popolo, dei giovani con i giovani cattolici, dei disoccupati con i disoccupati cattolici, degli imprenditori con gli imprenditori cattolici, delle donne con le donne cattoliche, le donne casalinghe e cattoliche, le donne divorziate e cattoliche, le vittime del maschilismo cattolico e cattoliche, dei meridionali con i meridionali cattolici, degli studenti con gli studenti cattolici, le studentesse cattoliche e altro ancora; no?

E i preti cattolici avranno piacere di dire la loro, o sono soltanto i vescovi che devono parlare di Chiesa? Capire cosa sia la “speranza cristiana” per un Paese come il nostro, immerso nei tumulti mediterranei che non capiamo e non conosciamo, parlare delle nostre periferie o delle nostre aree metropolitane con chi le vive cristianamente, non servirebbe alla Chiesa italiana? Forse non servirebbe ad alcuni vescovi, quelli che non hanno voluto neanche eleggere direttamente il loro presidente come li ha scongiurati di fare il Papa. 

Al riguardo: quasi nessuna conferenza episcopale ha un segretario vescovo, ma quella italiana sì. Aiuterà questa immodificabile consuetudine a capire meglio la situazione del clero, della vita parrocchiale? Mettendo questo e tanto altro insieme: è un partito dei cattolici quello che aiuterà la Chiesa italiana a riscoprire cosa sia la “speranza cristiana” per un Paese, o un sinodo?

Se la nostra vita civile appare un po’ deficitaria e per qualche verso in difficoltà in buona parte dipende dalla difficoltà di far crescere la capacità di vivere insieme: settentrionali e meridionali, italiani e stranieri, ricchi e poveri, credenti e non credenti, maschi e femmine, malati e robusti, anziani e giovani, genitori e figli, nonni e nipoti

Questo vivere insieme migliorerà con un partito cattolico o con un partito che dimostri nella sua formazione la voglia e la possibilità di vivere insieme? Un sinodo della Chiesa in Italia potrebbe aiutare anche in questa prospettiva, se -ad esempio- raccogliendo finalmente l’indicazione di Papa Francesco, ragionasse su cosa la Chiesa in Italia potrebbe fare per essere di più Chiesa in uscita, e in certe zone “ospedale da campo”.

La “speranza cristiana”, si legge in fin dei conti non in un documento di questo Papa così poco seguito dall’episcopato italiano ma nel catechismo, “si sviluppa fin dagli inizi della predicazione di Gesù nell’annuncio delle beatitudini. Le beatitudini elevano la nostra speranza verso il cielo come verso la nuova terra promessa.” 

Rinfrescare la memoria sulle beatitudini è sempre opportuno: “Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati gli afflitti, perché saranno consolati. Beati i miti, perché erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.”
Se la Chiesa cattolica in Italia vuole ridare un po’ di speranza cristiana all’Italia, più che un partito dovrebbe fare un sinodo.

https://formiche.net/2019/11/cattolici-italia-partito-sinodo/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.