Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / All'Onu l'autorità morale di Francesco: "Grave mancanza di rispetto per la dignità umana”, di Riccardo Cristiano

All'Onu l'autorità morale di Francesco: "Grave mancanza di rispetto per la dignità umana”, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/09/2020 08:56
Il video-messaggio di Francesco all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: "E’ doloroso constatare quanti diritti umani siano impunemente violati e seguitino ad esserlo”…

Papa Francesco sembra aver preso in parola il Segretario di Stato Americano, Mike Pompeo. Per quest’ultimo l’autorità morale del Vaticano sarebbe in discussione se la Santa Sede decidesse di procedere nell’accordo provvisorio con Pechino. E’ un accordo relativo ai criteri di nomina dei vescovi in Cina, Paese che non ha relazione diplomatiche con la Santa Sede.

Nel suo video-messaggio all’Assemblea Generale dell’Onu, nel quale non ha mai menzionato alcuna autorità politica, il Papa è parso chiederci se non sia il caso di affrontare la pandemia, la crisi ambientale, i conflitti, la questione migratoria, le persecuzioni, in modo da ridare autorità morale a chi governa questo mondo. Pompeo si è soffermato sulle persecuzioni in Cina. Che ovviamente ci sono.

Il papa ha detto: “Alle origini della cultura dello scarto c’è una grave mancanza di rispetto per la dignità umana, la promozione di ideologie con una comprensione riduttiva della persona, una negazione dell’universalità dei diritti umani fondamentali e il desiderio di potere assoluto e del controllo così diffuso nelle società odierne. Chiamiamo le cose con il loro nome: un attacco contro la stessa umanità. 

E’ doloroso constatare quanti diritti umani siano impunemente violati e seguitino ad esserlo. E’ un lungo elenco, e ci offre una fotografia che fa paura di un’umanità abusata, ferita, privata di dignità, libertà e speranza nel futuro. In questo contesto, tanti credenti continuano a sperimentare ogni tipo di persecuzione, compreso il genocidio, a causa delle loro fedi. Anche noi cristiani ne siamo vittime: quanti nostri fratelli e sorelle nel mondo soffrono, obbligati a volte a lasciare i loro luoghi di nascita, tagliati fuori dalla loro ricca storia e cultura. 

Dobbiamo ammettere che le crisi umanitarie sono diventate lo status quo, nel quale il diritto alla vita, alla libertà, e alla sicurezza personale non sono garantiti. Infatti, come dimostrano i conflitti in tutto il mondo, l’uso di armi da fuoco in aree popolate sta assumendo un impatto importantissimo sul versante umanitario nel lungo termine. Le armi convenzionali sono sempre meno convenzionali, e le armi di distruzione di massa, sempre più numerose, distruggono città, scuole, ospedali, siti religiosi, infrastrutture e servizi di base di cui la popolazione ha bisogno.

Di più, grandi numeri di persone sono forzati a lasciare le loro case. Rifugiati, migranti, sfollati interni si trovano frequentemente abbandonati nei loro paesi di origine, transito o destinazione, privati di ogni possibilità di una vita migliore per loro e le loro famiglie. Ancora peggio, a migliaia vengono intercettati in mare e forzatamente rimandati nei campi di detenzione, dove hanno incontrato tortura e abuso. Molti diventano vittime dei trafficanti di esseri umani, della schiavitù sessuali, dello sfruttamento in lavori degradanti o nei lavori forzati, privati di una giusta remunerazione. Questo è intollerabile, per quanto intenzionalmente ignorato da molti.”

Dunque Francesco ha posto la questione del recupero della autorità morale del mondo, e quindi anche o forse in primis dell’Occidente, davanti al coacervo di problemi che attanagliano il mondo e che la pandemia obbliga ad affrontare tempestivamente e unitamente: ambiente, migrazioni, guerre, economia selvaggia.

L’economia selvaggia, l’economia che uccide, ha condotto il papa a porre il problema del debito internazionale. Questo debito va ripensato strutturalmente perché così come è oggi, con i fondi avvoltoio che possono renderlo una macchina che genera altro debito dal quale si può uscire solo creando altro debito fino a morire, non consente più a molti Paesi di vedere una luce in fondo al tunnel.

L’appello per il multilateralismo e l’abbandono definito della deterrenza, che sposta verso gli apparati militar-industriali somme enormi, ha accompagnato l’altro grande indicazione, quella di affrontare sempre insieme la gravissima crisi ambientale. Non a caso l’unica crisi che il papa ha citato è quella dell’Amazzonia, dove economia, disastri ambientali, pandemia, sopraffazione e scelte politiche a dir poco miopi stanno causando un disastro unico.

In definitiva il papa ha spiegato all’ONU perché la pandemia ci obbliga a capire che siamo tutti fratelli, e che solo scegliendo la via della fraternità nelle diversità ne potremo uscire, tutti insieme. 

https://www.globalist.it/world/2020/09/25/all-onu-l-autorita-morale-di-francesco-grave-mancanza-di-rispetto-per-la-dignita-umana-2065120.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.