Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / All'Europa servono politiche strutturali, ma non l'austerity, di Amartya Sen

All'Europa servono politiche strutturali, ma non l'austerity, di Amartya Sen

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 13:17
Unione fiscale, politica e poi bancaria: non può esserci approccio diverso da questa sequenza

È un’Europa avvolta in una sorta di amnesia generale quella che si avvicina alle elezioni. Un continente che sembra aver dimenticato le lezioni fondamentali non solo della macroeconomia ma anche dei grandi classici come Adam Smith, A. C. Pigou, J. M. Keynes, Alfred Marshall.

Governi che hanno confuso la necessità di realizzare riforme strutturali per sostenere la crescita con gli obiettivi di austerity. L’analisi, dai toni forti, arriva da un europeista tra i più convinti: Amartya Sen, premio Nobel per l’economia, da ieri a Roma per una serie di convegni a partire da quello organizzato dall’Accademia dei Lincei per ricordare un altro scienziato sociale, Albert Hirschman- appuntamento al quale ha partecipato anche il presidente Giorgio Napolitano - per proseguire oggi con un seminario sul tema del welfare e dello sviluppo territoriale, cui parteciperà su invito di Censis e Unipol.

 

«Le politiche dei governi europei degli ultimi anni - spiega Sen in questo colloquio con Il Sole24Ore - sono piene di errori. Si è confuso l’obiettivo dell’austerity con quello dei programmi strutturali indispensabili per sostenere l’economia. Ma quando il reddito disponibile dei cittadini crolla e la disoccupazione raggiunge livelli insostenibili l’ultima cosa da fare sono i tagli di spesa».

 

Professore è stata la scelta dei consolidamenti fiscali a portarci dove siamo oggi?

L’Europa sta uscendo da una lunga recessione con una ripresa ancora debole e senza aver risolto le sue vulnerabilità di fondo. Tutti gli indicatori sono peggiorati: il reddito pro capite, il tasso di occupazione, la diffusione di capitale e la capacità degli individui di rimettersi in gioco sul mercato del lavoro. In questo contesto servono politiche capaci di riavviare l’economia, ridare abilità alle persone che sono senza impiego, servono politiche di contrasto alla povertà. I governi devono trovare più entrate per finanziare queste misure non devono solo tagliare la spesa, altrimenti s’innescano solo spirali negative. Servono più servizi alla persona, persino Bismarck lo aveva compreso ai suoi tempi.

 

E il prezzo che stiamo pagando per aver adottato la moneta unica?

Ho sempre sostenuto che fare l’unione monetaria prima di aver realizzato l’unione politica, fiscale e bancaria è stato un grave errore. I’unione bancaria non rientrava nella visione d’Europa di Altiero Spinelli e del suo manifesto di Ventotene. I paesi dell’Unione hanno economie molto diverse e quello che può avvantaggiare l’ex area del marco non va bene per un’economia che utilizzava la dracma.

 

Ci penalizza il differenziale di competitività?

Nel contesto attuale il limite maggiore dell’euro è l’incapacità di fare svalutazioni che consentano maggiori spazi di competitività. In questo modo sono spiazzate le imprese e gli stessi lavoratori.

 

Da dove si può ripartire?

Da una politica più forte e coraggiosa orientata alla crescita e basata su un maggior coordinamento. Non c’è altro approccio fuori da questa sequenza: unione fiscale, unione politica e unione bancaria.

 

Quali priorità bisognerebbe affrontare con maggiori spazi fìscali?

Bisogna ridurre la diseguaglianza sociale. E una delle priorità anche se non la sola. Il mio amico Joe Stiglitz, che è anche lui un convinto sostenitore del progetto di unione europea, ha studiato l’impatto che una crescente diseguaglianza può determinare sul potenziale di crescita di un’economia Servono, lo ripeto, politiche fortemente orientate alla crescita e allo sviluppo del capitale umano. Bisogna uscire da misure anti-debito che equivalgono a misure anti-crescita. I debiti sovrani europei erano molto peggiori dopo la seconda guerra mondiale ma grazie alla crescita economica i paesi sono riusciti a ripagarli.

A cura di Davide Colombo

 

 

 

Il Sole 24 Ore  07/5/2014

fonte: http://www.fondfranceschi.it/cogito-ergo-sum/aball2019europa-servono-politiche-strutturali-ma-non-l2019austeritybb, 08.05.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.