Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Aiutare il papa e la nuova stagione ecclesiale: Report e la Chiesa italiana, di Sergio Paronetto

Aiutare il papa e la nuova stagione ecclesiale: Report e la Chiesa italiana, di Sergio Paronetto

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/04/2020 09:26
Alcune considerazioni in merito alla trasmissione di Report (lacunosa ma utile) del 20 aprile sui movimenti antibergogliani...

Esprimo alcune considerazioni in merito alla trasmissione di Report (lacunosa ma utile) del 20 aprile sui movimenti antibergogliani, che un giornalista di "Avvenire" ha definito "sparute minoranze", indegne di attenzione, le forze antibergogliane attive anche nell'epoca del coronavirus. So che in ambito cattolico non si vuole approfondire tale argomento per non dare spazio a simili realtà. Ogni tanto bisogna però farlo con calma per conoscere la realtà e aiutare Francesco nel suo e nostro cammino.  

1. Tali gruppi sono forse pochi ma aggressivi e ascoltati in ampi settori della società e della Chiesa visto che moltissimi cattolici in Italia, in Europa e negli Usa votano forze sovraniste e ritengono il papa poco cattolico o peggio. Forse mi sbaglio ma in Europa ci sono anche episcopati (Ungheria, Polonia) poco sensibili al messaggio bergogliano, che è l'annuncio della gioia del Vangelo.   

2. I gruppi politici antibergogliani usano la religione come arma politica. E' dovere del credente operare per la credibilità della sua fede e per il futuro della Chiesa (e dell'umanità). Il card. Hollerich, presidente delle conferenze episcopali europee (Comece), ritiene che i nuovi populismi, alleati a un “cristianesimo autoreferenziale” (di cui Steve Bannon e Alexander Dugin sono “i sacerdoti”), rischiano di “creare dinamiche che alla fine divoreranno il cristianesimo stesso”, cioè il principio dell’amore di Dio e del prossimo (“La civiltà cattolica” q. 4052, 20 aprile 2019). 

3. Le forze più consistenti contro il papa non sono tanto quelle restaurazioniste o "ultratradizionaliste", alcune dichiaratamente neofasciste, ma quelle "moderne", "progressiste". Sono le potenze del denaro di matrice statunitense (e russa), centri turbocapitalisti o suprematisti, a un tempo iperliberisti e populisti, laicisti e transumanisti, che vedono nel papa il grande nemico.  In sostanza ciò che disturba del papa non è tanto il tentativo di riforma della Chiesa ma è la lotta al “paradigma tecnocratico della modernità” e alla distruzione del creato (Laudato si’); è l'amore per la vita sempre e ovunque; è la difesa della dignità umana; è l’impegno costante contro l’ingiustizia, la povertà, il riarmo e le guerre. Ciò che scandalizza è la fedeltà al Vangelo, è la pratica di una fede credibile e trasformatrice.

4. La posta in gioco è globale.  Penso sia grave sottovalutare una galassia molto varia e frammentata sì ma sconvergente verso un solo obiettivo: bloccare il papa, "sbarazzarsi" di lui, e, in prospettiva, operare perché non venga eletto un Francesco II. A mio parere, è bene rendersi conto che i movimenti anti-Francesco non sono schegge di un tradizionalismo nostalgico né espressioni di folklore ideologico né realtà transitorie. Sono pezzi del grande gioco politico mondiale che usa molti strumenti, comprese le religioni, contro la giustizia, la pace, la libertà e l’universalismo cristiano dei diritti. Ne ha parlato Nello Scavo nel suo I nemici di Francesco. Ne hanno scritto studiosi come Alberto Melloni, Antonio Spadaro o Marcelo Figueroa anche su "La civiltà cattolica". Ne ha scritto l’anno scorso il vaticanista Nicolas Senèze col suo libro Come l’America vuole cambiare papa. Cito anche di Jacopo Scaramuzzi, Dio in fondo a destra. Ne ho scritto anch'io in Papa Francesco: l’uomo più pericoloso al mondo (introdotto da Luigi Bettazzi). Con la sua pratica ecclesiale nonviolenta Francesco ha lanciato la sfida ad ogni potenza escludente e a ogni logica distruttiva.

5. La nuova stagione ecclesiale ha bisogno di aiuto convinto e fiducioso, semplice come colomba e prudente come serpente. L’afflusso di denaro nelle campagne anti Francesco è notevole e ha indotto lo storico Massimo Faggioli ad affermare che in alcuni luoghi è in gioco l’indipendenza della Chiesa di fronte alle potenze del denaro (in A. Spadaro, Il nuovo mondo di Francesco, 2018). 

Occorre aiutare il papa che vedo molto preoccupato. Occorre consolidare e sviluppare il cammino iniziato. Molti lo stanno facendo. Anche chi dissente su alcuni punti del suo pontificato non può esimersi dall’esprimere in vari modi il suo robusto affetto. Magari un palpito di spirituale amicizia. Un moto di forte operativa corresponsabilità.

* (Presidente Centro Studi Pax Christi Italia)

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.