Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Agricoltura, Provenzano: "Sì ai migranti ma con contratto e salario dignitoso”, di Alessia Candito

Agricoltura, Provenzano: "Sì ai migranti ma con contratto e salario dignitoso”, di Alessia Candito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/04/2020 17:33
l ministro: "Ero d'accordo per la regolarizzazione già prima dell'emergenza coronavirus". Intanto, nei ghetti in cui gli immigrati sono costretti a vivere, il rappresentante Usb Soumahoro distribuisce cibo e mascherine. E porta avanti la petizione sui diritti…

"Il lavoro gratuito non esiste. Se si lavora ci deve essere un contratto regolare. Così anche per i 600 mila immigrati che si vorrebbero impiegare nei campi". Parola del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, che si accoda alla collega Teresa Bellanova sulla necessità di regolarizzare i braccianti migranti impiegati in agricoltura". Anzi, specifica, "ero d'accordo già prima dell'emergenza coronovirus".

Reali destinatari, Matteo Salvini e la Lega, che contro un'eventuale sanatoria hanno promesso barricate, proponendo di spedire nei campi disoccupati e percettori di reddito di cittadinanza, magari da retribuire con i voucher. "Anche per quelli che in passato hanno chiesto il reddito di cittadinanza - puntualizza il ministro Provenzano al riguardo - se andranno a lavorare nei campi dovranno essere contrattualizzati e ricevere un salario dignitoso e consono al lavoro svolto. Questa è la regola".

Borgo Mezzanone, Torretta Antonacci, il beneventano, San Ferdinando, la Piana di Gioia Tauro. Vengono definiti "insediamenti informali", ma anche in tempi di pandemia sono rimasti "assembramenti obbligati" senza servizi, senza condizioni igieniche minime, senza possibilità di proteggersi dall'avanzata del Covid19 che ha bloccato l'Italia.

Per i braccianti migranti, che anni di lavoro nero e grigio nel settore agricolo hanno condannato a miseria e invisibilità, sono diventati spesso quasi scelta obbligata. Ed è da qui che non possono uscire adesso che per spostarsi è necessario uno straccio di impiego regolare. Risultato, un intero settore è andato in crisi.

Secondo le stime ufficiali, nei campi mancano fra i 270mila e i 350mila braccianti. In molti sono "prigionieri" dei ghetti, dove chi non può più lavorare inizia a patire anche la fame. Ed è dagli insediamenti dei braccianti che arriva l'appello al governo Conte, sostenuto dall'Usb e rilanciato sulla piattaforma change.org, dove in poche ore ha raccolto oltre 6mila firme.

Le richieste non riguardano solo i braccianti migranti, ma tutti gli operai della filiera. 

"Da troppo tempo, il nostro lavoro e quello dei contadini/agricoltori - si legge nel testo della petizione -  viene schiacciato sotto lo stesso rullo compressore della macchina dei grandi monopoli. Da troppo tempo, la terra madre viene mortificata dalla bulimia del produttivismo sollecitata dall'ardita cupidigia dei giganti del cibo. Da troppo tempo, il consumatore viene tenuto all'oscuro dall'abbrutimento, dallo sfruttamento, dall'immiserimento e dall'ingiustizia che accompagna il cibo, ipotecandone la qualità etica, lungo la filiera agricola". Per questo "è l'ora del basta" - affermano - "la lunga notte dell'ingiustizia deve calare e l'alba del giorno luminoso dell'alleanza tra i braccianti sfruttati, i contadini/agricoltori schiacciati e i consumatori  deve sorgere".

Gli strumenti - si suggerisce al governo Conte - sono semplici: un salario dignitoso, indipendentemente dalla provenienza geografica, una regolarizzazione per uscire dall'invisibilità esistenziale, la possibilità di usufruire di alloggi decorosi per affrancarsi dalla vulnerabilità sociale, un codice etico pubblico per garantire ai consumatori un cibo sano e per tutelare nostro lavoro e quello dei contadini/agricoltori. Tutti schiacciati - spiegano - dalla grande distribuzione, che impone prezzi al ribasso i cui costi si scaricano lungo tutti gli anelli della filiera e di cui i braccianti, pagano il pegno maggiore.

Il problema non è solo il lavoro nero, ma anche quelle forme di "grigio" - così vengono definite - che condannano tutti gli operai della filiera allo sfruttamento. Se da contratto nazionale la giornata lavorativa è di sei ore e mezza, in realtà spesso nei campi si sta a schiena curva per l'intera giornata, senza pause o riposi settimanali. E poco o nulla alla fine del mese risulta in busta paga.

Un problema che riguarda tutti i lavoratori della terra, ma per i braccianti migranti, anche a causa dei decreti sicurezza voluti dall'ex ministro dell'Interno Salvini, significa spesso anche clandestinità. "Signor Presidente - scrivono, chiamando in causa direttamente il premier Conte - non rimandi questo atto di Giustizia e di Civiltà ma assuma con audacia questa decisione per darci Diritti, perché un diritto ritardato è un diritto negato e un diritto per pochi diventa un privilegio per tutti".

 

https://www.repubblica.it/politica/2020/04/18/news/braccianti_provenzano_si_agli_immigrati_nei_campi_ma_con_contratto_e_salario_dignitoso_nelle_campagne_del_sud_parte_la_-254371048/?ref=RHPPLF-BH-I254375459-C8-P2-S1.8-T1

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.