Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Addio a Lodi, il maestro disarmato, di Marco Belpoliti

Addio a Lodi, il maestro disarmato, di Marco Belpoliti

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 16:23
92 anni di libertà mentale e disponibilità agli altri, parlando, scrivendo, ascoltando, rispondendo a tutti, per lettera o a voce.

 

Un profeta disarmato, questo è stato Mario Lodi, maestro elementare a Vho di Piadena.
Come Danilo Dolci a Partinico, don Milani a Barbiana, Franco Basaglia a Trieste, è stato uno di quegli uomini che hanno dedicato la vita a un’unica missione: fare migliori gli italiani.
Più maschi che donne, in verità, con l’eccezione di Maria Montessori, pedagogista come Lodi.
Fatta l’Italia,bisognava fare gli italiani, secondo il detto cavouriano, anche se ciascuno di questi educatori aveva un’idea tutta sua della crescita morale e sociale del Paese.
Lodi, antifascista, è stato un militante di base, e dell’adesione al proprio luogo natio ha fatto una forza straordinaria, nella convinzione che, come s’intitola il suo primo libro, C’è speranza se questo accade a Vho.
Da un luogo sconosciuto del Cremonese poteva venire un esempio diretto di scuola elementare, che sperimenta un modo diverso di stare insieme tra maestro e allievi, tra i ragazzi stessi, nella cultura.
Un modo per educare, e educarsi, in una forma di «scuola attiva».
Nel clima postbellico, nel 1946, ci furono molte iniziative partite dal basso, dalle scuole rurali e dai doposcuola delle periferie, per ripensare il sistema scolastico dopo venti anni di conformismo e autoritarismo.
Mentre Lodi assumeva l’incarico di maestro elementare nel suo paese, a Reggio Emilia Loris Malaguzzi, iniziava a rifondare la scuola materna, partendo da una carriola e da un mucchio di mattoni.
Provinciali ma con un afflato internazionale, collegati ai movimenti pedagogici che andavano costituendosi alla fine degli anni 40 e l’inizio dei 50.
L’educazione, come i diritti dei bambini, sembrò a Lodi uno spazio aperto entro cui sperimentare, fondandosi sull’osservazione e sulla ricerca continua.
92 anni di libertà mentale e disponibilità agli altri, parlando, scrivendo,

ascoltando, rispondendo a tutti, per lettera o a voce.

Fonte: “La Stampa” del 3 marzo 2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.