Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Abolizione della schiavitù, una giornata per ricordare

Abolizione della schiavitù, una giornata per ricordare

creato da webmaster ultima modifica 23/08/2016 09:59
... un’occasione per riflettere sulle cause storiche, la pratica e gli effetti della schiavitù e della tratta degli schiavi che per più di quattro secoli ha riguardato milioni di uomini, donne e bambini sradicati dalle proprie case, comprati e venduti come beni a buon mercato.

Istituita nel 1997 su iniziativa dell’Unesco, la Giornata Internazionale per la Commemorazione della Tratta degli Schiavi e della sua Abolizione, è un’occasione per riflettere sulle cause storiche, la pratica e gli effetti della schiavitù e della tratta degli schiavi che per più di quattro secoli ha riguardato milioni di uomini, donne e bambini sradicati dalle proprie case, comprati e venduti come beni a buon mercato.

La scelta della data del 23 agosto non è affatto casuale e fa riferimento alla rivolta di Santo Domingo avvenuta nella notte tra il 22 e il 23 agosto 1791 e guidata dal generale nero Toussaint Louvertoure. L’insurrezione diede il via al processo di abolizione della tratta transatlantica.

“Il crimine della schiavitù ha creato legami irreversibili tra i popoli e i continenti e ricorda a tutto il mondo che i destini di ciascuno sono connessi, perché le proprie storie e identità sono state realizzate tra i mari o addirittura in altri continenti – ha dichiarato lo scorso anno il Direttore generale dell’Unesco, Irina Bokova -. Insegnando, comunicando e trasmettendo questa storia, possiamo rinforzare i diritti e la dignità delle persone di discendenza africana e, insieme, lottare contro ogni forma di razzismo e discriminazione”.

L’Agenzia Onu da 21 anni porta avanti il progetto “La Rotta dello schiavo”,un’inziativa che mira a promuovere il dialogo interculturale e a creare conoscenza sul tema della schiavitù.  Esistono molte altre ricorrenze incentrate sulla memoria della schiavitù e del traffico di esseri umani, tra le quali ricordiamo: la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime della schiavitù e della tratta transatlantica degli schiavi (25 marzo) e la Giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù (2 dicembre).

Fonte: InTerris.it del 23 agosto 2016

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.