Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / A.A.A. Nuovo Concilio cercasi, di Luigino Bruni

A.A.A. Nuovo Concilio cercasi, di Luigino Bruni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/06/2021 08:11
In un momento in cui il capitalismo sta mostrando la sua insufficienza per salvare il pianeta e i poveri, il pontificato di Francesco sta proponendo sfide importanti alla vita economica e finanziaria…

Il 25 gennaio del 1959 papa Giovanni XXIII, a tre mesi dall’elezione, convocò il Concilio Ecumenico Vaticano II. In Italia eravamo in pieno boom economico, i movimenti giovanili del ’68 erano lontani, i Beatles non si erano ancora formati. Quell’anziano Papa riuscì a sognare una Chiesa e un mondo che ancora non c’erano. Giovanni XXIII e in lui la Chiesa (in buona parte) riuscì a leggere i segni dei tempi prima che il tempo cambiasse. Vide, lesse e diede voce ai segnali deboli del proprio tempo. E poi agì, convocando un Concilio che ha fatto cambiare la Chiesa prima della società civile, intercettando il soffio dello Spirito nel momento/kairos opportuno. 

L’enorme portata epocale di quel Concilio dipese anche dalla sua capacità di anticipare i tempi. Una Chiesa cattolica che è considerata icona della lentezza dei processi di cambiamento culturale, allora fu più veloce della società civile. Capì prima che c’era domanda di partecipazione, di comunità, di protagonismo del popolo, di superamento di certe strutture gerarchiche inadeguate, di tornare alla centralità della Scrittura, e che le persone chiedevano più spazio e più ascolto.

Oggi papa Francesco si trova in una condizione, soggettiva e oggettiva, simile a quella di Giovanni XXIII. Con la Laudato si’ e la Fratelli tutti ha rimesso al centro la dimensione economica ed ecologica. E in un momento in cui il capitalismo sta mostrando la sua insufficienza per salvare il pianeta e i poveri, il pontificato di Francesco sta proponendo sfide importanti alla vita economica e finanziaria

Se come sua grande eredità papa Francesco volesse anche lui indire un Concilio Vaticano III – e credo sarebbe molto utile e necessario – è molto probabile che lo incentrerebbe attorno all’economia e all’ecologia. I segnali che l’economia che ha retto il mondo in questi ultimi due secoli non è più adeguata alle nuove sfide ambientali e sociali iniziano a essere fortissimi. Papa Francesco è l’unica autorità etica mondiale che sta portando avanti una sua riflessione profonda e sistematica sulla crisi del capitalismo e sulle sue sorti e per capirlo è sufficiente interpretare il movimento di giovani economisti e imprenditori da lui lanciato: The economy of Francesco (francescoeconomy.org). 

La sfida ora è far diventare la sua azione e il suo pensiero l’azione e il pensiero dell’intera Chiesa. Il Concilio ecumenico è lo strumento per questo passaggio dalla profezia individuale di un Pontefice alla profezia collettiva ecclesiale. Certamente sarebbe un evento diverso da quello di Giovanni XXIII (e Paolo VI), perché oggi coinvolgere tutti i vescovi del mondo (cresciuti molto di numero) richiede altri strumenti. E soprattutto perché, dopo il Vaticano II, un nuovo Concilio ecumenico non potrebbe restare una sola faccenda di vescovi ma dovrebbe coinvolgere seriamente anche i laici; né una sola faccenda di maschi ma dovrebbe coinvolgere seriamente anche le donne; né una sola faccenda di adulti ma dovrebbe coinvolgere seriamente anche i giovani; né una sola faccenda di cattolici ma dovrebbe coinvolgere le altre Chiese, religioni e atei di buona volontà.

La Chiesa di Francesco oggi avrebbe le risorse per preparare un nuovo cambiamento epocale, quello del «capitalismo» dopo il capitalismo. Perché una nuova cultura e prassi economiche non hanno bisogno solo di nuove tecniche, nuove leggi, nuove teorie, ma di un nuovo spirito che non si apprende nelle business school e neanche nelle università. Lo spirito nasce dall’anima delle persone e dei popoli. Francesco lo sa bene, e la sua Chiesa può donarlo a tutti.

https://messaggerosantantonio.it/content/aaa-nuovo-concilio-cercasi-0

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.