Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / 4 marzo 1943: significati e allegorie nel brano simbolo di Lucio Dalla, di Stella Grillo

4 marzo 1943: significati e allegorie nel brano simbolo di Lucio Dalla, di Stella Grillo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/03/2021 10:05
Lucio Dalla oggi avrebbe compiuto 78 anni. L'estroso e talentuoso artista bolognese manca molto alla sua città e sono ormai consuete le celebrazioni per ricordarlo, che cadono ogni anno a ridosso di questa data speciale, il 4 marzo...

4 marzo 1943, canzone di Lucio Dalla composta da Paola Pallottino e incisa nel 1971. Un testo erroneamente attribuito come autobiografico: fu oggetto di censure al Festival di Sanremo 1971 dove si classificò al terzo posto. Il brano, simbolo per eccellenza del cantautore che ha come titolo la sua data di nascita, è la storia di una ragazza madre che ha un figlio con un soldato alleato.

4 marzo 1943: una canzone non autobiografica, l’incontro con Paola Pallottino e la censura

Sul testo di 4 marzo 1943, da sempre, aleggia l’erronea credenza che, la canzone, fosse interamente autobiografica. A questo proposito, l’autrice Paola Pallottino dichiarò in un’intervista su l’Avvenire: ”Voleva essere un mio ideale risarcimento a Lucio per essere stato orfano dall’età di 7 anni. Doveva essere una canzone sull’assenza del padre, ma poi è diventata una canzone sull’assenza della madre. Lucio la cantò la prima volta dal vivo nel dicembre del ’70 al teatro Duse di Bologna”.

Originariamente il titolo del brano doveva essere Gesubambino. Tuttavia, fu giudicato irrispettoso per la morale di quei tempi; così il maestro Ruggero Cini decise di sostituire la primordiale idea con la data di nascita del cantautore, ovvero, 4 marzo 1943. Non solo il titolo iniziale, poiché, anche altre parti del testo furono giudicate inadeguate. La frase “mi riconobbe subito proprio l’ultimo mese” divenne, in seguito, “mi aspettò come un dono d’amore fino dal primo mese”; un altro verso modificato fu: “giocava alla Madonna con il bimbo da fasciare” cambiato in “giocava a far la donna con il bimbo da fasciare”.

L’ultima strofa della canzone si concludeva con: “e anche adesso che bestemmio e bevo vino, per ladri e puttane sono Gesù Bambino”; anche questo verso subì una modifica e si mutò in: “e ancora adesso che gioco a carte e bevo vino, per la gente del porto mi chiamo Gesù Bambino”. Nonostante tutto, 4 marzo 1943 ottenne un successo notevole: fu inevitabile che il brano divenne il simbolo per eccellenza di Lucio Dalla.

La tematica della guerra, la povertà e la brevità della vita

4 marzo 1943 è la storia di una ragazza di sedici anni che rimane incinta di un soldato alleato: in seguito, quest’ultimo, morirà in guerra. Si evince una certa allusione alla brevità esistenziale di questa neo mamma, ancora troppo piccola per fare la madre. A ricordare questa storia, simbolo di tante storie di quel tempo, è il figlio ormai grande chiamato ancora, in età matura, Gesù Bambino. Nonostante il testo presenti peculiari caratteristiche di una ballata popolare con la presenza di quattro strofe uguali, alle parole si avvinghiano temi forti e crudi; la guerra, primariamente, e tutte le sue conseguenze: la vita da orfani che, inevitabilmente, molti bambini del tempo furono costretti a vivere sia per relazioni fuggevoli che per violenze, o morti premature. La povertà per strada, la miseria, la brevità di una vita appesa a un filo, quotidianamente, travolta dalle conseguenze degli eventi belligeranti.

4 marzo 1943: una metafora sull’infanzia di Lucio Dalla

Lucio Dalla crebbe con la madre, poiché, orfano di padre. Paola Pallottini affermò che il suo scopo iniziale, era scrivere un testo che narrasse una mancanza: 4 marzo 1943, infatti, doveva essere un brano in cui si descriveva l’assenza di un padre nel piccolo mondo in potenza di un bambino. Tuttavia, la stessa autrice dichiarò che nella stesura, pian piano, dalla semantica alla forma testuale fuoriuscì un testo che descriveva, con minuzia, un rapporto materno. Il testo è, quindi, un’allegoria cantata sull’assenza di un rapporto paterno ma che, tuttavia, riflette l’effettiva condizione del mondo di Lucio Dalla: un metafora sull’infanzia del cantautore di Bologna cresciuto con la madre.

Non c’è astrattismo in questo testo: è palese un realismo storico che toccò centinaia di bambini del tempo, nonché giovani madri. Metafore di storie nate durante la guerra da incontri effettivamente avvenuti fra giovani soldati e, spesso, ancor più giovani italiane. In un contesto storico che fa da sfondo a un realismo ben più prominente, si ha spazio per un’allusione di fede, oltre che a un parallelismo: i versi alludono, anche, alla vicenda evangelica che racconta la nascita di Gesù il cui, Padre, non è presente in terra e, a tal proposito, cresce solo con la Madre.

Antitesi, sfumature contrastanti e una genuina umanità

La censura di alcuni versi intaccò quell’aura neo-realista, pasoliniana a tratti, legata ad ambienti problematici intrisi di povertà. Tuttavia, l’autrice riuscì a far emergere sfumature di genuina e autentica umanità. Non mancano i contrasti, i parallelismi e le antitesi volontarie: il Gesù bambino di 4 marzo 1943, gioca a carte e beve vino con la gente del porto; ma anche il Gesù narrato dalla Bibbia era solito frequentare peccatori, pubblicani, gente di bassa estrazione o che affollava gli strati più poveri e malmessi delle città. La citazione in questione è ripresa dal Vangelo di Luca 5, 27-32:

Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Un’altra immagine malinconica e forte, al contempo, è quella contenuta nella seconda strofa del brano; versi in cui si percepisce un’effettiva solitudine ma, anche, tenerezza, ingenuità, disorientamento:

Così lei restò sola nella stanza,
La stanza sul porto
Con l’unico vestito, ogni giorno più corto
E benchè non sapesse il nome
E neppure il paese
M’aspettò come un dono d’amore
Fino dal primo mese
.”

Dai versi traspare una sorta di atteggiamento surreale, incosciente, disorientato della novella mamma; effettiva constatazione ripresa nella strofa successiva con il verso: ”giocava a far la donna con un bimbo da fasciare”. L’autrice, però, pare sottolineare il grande coraggio di questa sedicenne che accoglie questa responsabilità, aspettando quel bambino non previsto con l’amore di una madre adulta, assennata: una relazione fugace con un uomo straniero che le regala il dono d’amore più bello.

Si piomba, nuovamente, in quella evidenza neorealista che pervade quasi tutto il brano: l’immagine contenuta nel verso ”con l’unico vestito ogni giorno più corto” è, probabilmente, la metafora più struggente e delicata di 4 marzo 1943: la gravidanza avanza, il pancione cresce naturalmente e il vestito sul davanti si accorcia; una visione straziante che attesta come la ragazza verta in una condizione di povertà assoluta, tanto da non riuscire a comprare neppure un abito più consono.

4 marzo 1943: una canzone neo-realista

Appare inevitabile non fare paragoni sulle ambientazioni storiche di questo brano. 4 marzo 1943 è una vera e propria porzione di vita reale che colpì numerose donne di quel periodo. Molte ragazze ancora troppo bambine furono costrette ieri, come oggi, a crescere in fretta crescendo anche i loro bambini: sopravvivere in due, da sole, senza aiuti:

”Compiva sedici anni
Quel giorno la mia mamma
Le strofe di taverna
Le cantò la ninna nanna
E stringendomi al petto che sapeva,
Sapeva di mare, giocava a far la donna
Con il bimbo da fasciare.”

“Le strofe di taverna, le canto’ a ninna nanna”, emblematico questo verso se si pensa come una taverna non sia un posto adatto a un neonato ma neanche a una ragazzina di sedici anni. E tuttavia una donna, nel suo germogliare, che non si risparmia ma dà a quel bambino non previsto tutto quello che possiede: la dolcezza e la tenerezza di questo verso descrive questa giovane madre intenta a cantare nenie apprese da quel contesto in cui era costretta a vivere. Un contrasto potente e, allo stesso tempo, colmo di forza di volontà e meraviglia.

E forse fu per gioco o forse per amore
Che mi volle chiamare come Nostro Signore
Della sua breve vita il ricordo,
Il ricordo più grosso, è tutto in questo nome
Che io mi porto addosso
.”

Una vita che tenta di sopravvivere lottando per sé stessa e per proteggere un’altra vita indifesa ma che, successivamente, è stroncata: la giovane mamma resta su questa terra per poco tempo e, così, il ”Gesù bambino” si ritrova orfano anche di madre. Un affresco tristemente tragico, uno spaccato esistenziale di uno dei peggiori periodi della storia moderna, un dipinto a parole di emozioni contrastanti, sensibilità e storie di vita realmente vissute.

https://metropolitanmagazine.it/4-marzo-1943-significati-e-allegorie-nel-brano-simbolo-di-lucio-dalla/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.