Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / “La forza della diplomazia di Francesco”, di Roberto Napoletano

“La forza della diplomazia di Francesco”, di Roberto Napoletano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/04/2022 10:08
A colloquio con il “ministro dell'economia” del Vaticano nei giorni della guerra…

Galantino: il coraggio dei gesti e delle parole che vanno oltre la politica e riscrivono il modo di stare insieme. Si cerca di uscire dai luoghi comuni di pacifismo e di non pacifismo mettendo in gioco il travaglio della fede e la ragione per uscire dalla cultura delle curve da stadio. Perché il Papa non va in Ucraina? Forse le cose non dipendono da una sola persona. Spending review e strumenti di controllo hanno messo a posto i conti della Chiesa.

Nunzio Galantino è stato per oltre trent’anni il parroco di Cerignola, in quel Sud di dentro foggiano che è la terra di Di Vittorio, per gli amici Peppino, bracciante figlio di bracciante e il coraggio eretico del leader della Cgil del miracolo economico italiano. La parrocchia storica di San Francesco d’Assisi di Don Nunzio a Cerignola è a pochi chilometri da Biccari, che ha dato i natali a Donato Menichella, il governatore della Banca d’Italia che ha vinto l’oscar mondiale della lira. Famoso per i suoi cappotti rivoltati perché “è peccato, non si butta niente” o per avere imposto a Gabriele Pescatore, presidente della Cassa con lui in America a trattare i finanziamenti della Banca Mondiale, di consumare un solo pranzo al giorno perché “caro Gabriele non è che poi passa per la testa di qualcuno che siamo venuti qui a fare bagordi e non a raccogliere dollari per gli italiani”.

Sarà anche per questi conterranei illustri che Papa Francesco ha voluto Galantino prima come segretario generale della Conferenza episcopale italiana e poi, prima che venisse a galla lo scandalo del palazzaccio di Londra, come ministro dell’economia del Vaticano che formalmente si dice Presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica (APSA).

In questo colloquio con il Quotidiano del Sud-l’Altravoce dell’Italia, Galantino ci spiega come Papa Francesco ha fatto a cambiare la musica per mettere a posto i conti del Vaticano, ma forse è anche la persona più giusta per spiegarci il Papa Francesco che chiede il cessate il fuoco della guerra in Ucraina, che parla alla coscienza del mondo, il magistero della fede e gli affari della politica. Cominciamo da qui.

“Vuole capire perché il Papa fa il Papa?” butta lì. Sì, diciamolo così, rispondo io, o meglio: mi spiega che cosa è davvero la diplomazia di Francesco? “Allora, per rendersi conto davvero delle cose si tratta di capire quali sono gli snodi fondamentali di carattere culturale da fare incontrare, non solo le persone, non solo su questa guerra particolare, così come le sente Francesco”. Si spieghi meglio, monsignor Galantino. “Guardi, si tratta di fare incontrare il mondo, ma su un modo diverso di concepire la convivenza tra di noi. Non vede che non manca occasione in cui lui non ripeta questo suo invito a smettere di fare la guerra. Questa insistenza, questo suo insistere, questo suo non rassegnarsi che è fatto di gesti e di parole, quando manda due cardinali in Ucraina e in Polonia, quando celebra, quando va lui in ambasciata, quando manda gli aiuti in Ucraina, quando mobilita le coscienze e tutte le chiese. Non si rassegna Francesco, questa è la forza della sua diplomazia. Che è la stessa di quando invita ad accogliere i profughi.”

Galantino, mi risponda a questa domanda: perché il Papa non va lui in Ucraina? Risposta secca: “Penso non dipenda soltanto da lui. Forse le cose, che dice?, non dipendono da una sola persona”. E aggiunge: deve capire che la forza della diplomazia di Francesco sono il coraggio dei gesti e delle parole che vanno oltre la politica, riscrivono il modo di stare insieme.

Poi Galantino si ferma di suo. Sembra quasi sovrappensiero. Invece vuole articolare meglio il ragionamento. Dice: “Si sta lavorando a diversi livelli. Primo: quello diplomatico che è più intenso perché è la diplomazia dei gesti e della parola, che non è la diplomazia fatta di strutture, che va a toccare motivazioni profonde di questa guerra, che è fatta di principi che valgono più a lungo della tensione e dell’attenzione nei confronti di questa stessa guerra. Parliamo di prima e di dopo perché questa è una guerra che si combatte a pezzettini. Poi c’è un secondo livello che la Chiesa vive più da vicino. Sono le singole conferenze episcopali nazionali perché ognuno faccia la sua parte sia in termini di accoglienza sia di sostegno materiale. A giorni una delegazione della Chiesa italiana e di alcune associazioni partirà per Leopoli. Il viaggio che ha fatto il cardinale Krajewski, l’elemosiniere pontificio, che ha portato una nuova ambulanza a Leopoli si muove proprio in questa direzione. Il terzo livello è lo stimolo aggiuntivo alle conferenze episcopali nazionali di riflessione sui problemi che stanno sorgendo, di mobilitazione delle teste, di sostenere la discussione sulle armi, di pronunciarsi pubblicamente, di chiarire le cose facendo riflessioni serie che coinvolgono anche la dimensione culturale e teologica della Chiesa e della comunità mondiale delle donne, degli uomini, delle famiglie e dei giovani.”

Don Nunzio, il ragionamento mi sembra chiaro, non è necessario dire tutto insieme. “Guardi, quello che voglio che sia chiaro è che sono tre livelli e che nessuno di questi si identifica con il canale della politica e degli affari politici. Si cerca in modo lucido di uscire dai luoghi comuni di pacifismo e di non pacifismo mettendo in gioco il travaglio della fede e la ragione per uscire dalla cultura delle curve da stadio. Questi livelli, questi gesti, queste parole sono un altro canale, chiaro?” A me sì, e già da un po’, ma lo vada a spiegare a chi muore dalla voglia di usare il Papa nella politica! Più qualunquista è la proposta, più forte è la tentazione, ma lasciamo perdere perché, purtroppo, questa è una parte dell’Italia. Anche il copione che si recita cambia a seconda delle circostanze per cui gli stessi soggetti possono dire tutto e il contrario di tutto senza che nessuno dica niente.

Ma i conti della Chiesa nel frattempo li abbiamo messi a posto? Lo sa che c’è chi sostiene che si fa un gran parlare, ma si rischia il default? Risponde Galantino: “Che fesseria! Guardi, ora le procedure sono chiare per tutti, sono finite le prassi sovrapposte, quello che era mancato fino a oggi era una regia centrale ed è stato necessario fare un salto anche in termini di cultura e di mentalità. Ogni giorno è sempre più chiaro a tutti che non esistono persone e strutture che possono agire al di fuori di un controllo. Ovviamente man mano che andiamo avanti vengono fuori gli aspetti positivi e anche le fragilità, vengono a galla tutte le falle”. 

Mi scusi, monsignor Galantino, capisco che per il Vaticano può apparire una rivoluzione, ma accettare che non esistono né persone né strutture che possono sottrarsi al controllo di vigilanza e che bisogna agire secondo standard di trasparenza amministrativa mi sembra la regola. Ci può dire con quali procedure e quali strumenti si fa rispettare questa regola e si perseguono i risultati?

“Intanto abbiamo chiarito che esiste un dicastero, un ministro che ha il compito di amministrare, e che tutti si devono muovere secondo le stesse regole, che tutti devono passare da questo schema, esiste un dicastero che deve controllare e a questo controllo tutti sono sottoposti. Ora il Papa ha detto che tutti, comprese la segreteria di Stato e Apsa, devono essere soggetti al controllo. A lei sembrerà poco, ma in modo così chiaro fino ad oggi non era stato detto”.

Ho chiesto: quali sono gli strumenti? “Il primo è il consiglio per l’economia che è molto più di un collegio dei sindaci o di una corte dei conti, è uno strumento di livello internazionale con economisti di ogni nazionalità che dà gli indirizzi economici ed esercita i controlli. Penso che non esista un equivalente negli altri Stati. L’articolo 205 della nuova Costituzione apostolica descrive bene i compiti: a esso compete la vigilanza sulle strutture e sulle attività di amministrazione e finanziarie delle istituzioni della curia esercitando le sue funzioni alla luce della dottrina sociale della chiesa e attenendosi alle migliori prassi internazionali della pubblica amministrazione che ha come obbiettivo la gestione della finanza in maniera etica ed efficiente”.

Questo è il primo, qual è il secondo strumento? “La segreteria per l’economia (art. 212) che è la segreteria generale del Papa per le materie economiche e finanziarie guidata dal prefetto Juan Antonio Guerrero Alves. Questa segreteria esercita il controllo e la vigilanza in materia di amministrazione sulle attività economiche e finanziarie e sulle istituzioni culturali e ha un apposito controllo sull’obolo di San Pietro e sui fondi papali”.

Siamo alla fine, monsignor Galantino, come vanno i conti della Chiesa? “Dipendono dalle offerte e dalle entrate del patrimonio della Santa sede e devo dire che rispetto a quanto ci si attendeva vanno meglio del previsto. Voglio dire che il tonfo atteso non c’è stato, pur essendo diminuiti gli introiti, le entrate sono superiori alle attese grazie ad un attenta spending review che stiamo attuando. Tutto ciò nonostante la situazione generale e la nostra scelta di rinunciare a un terzo dei canoni delle entrate commerciali e a rateizzarne un altro terzo durante la pandemia. Che le devo dire? Vuol dire che la storia del palazzaccio di Londra è archiviata, che si ha ancora fiducia in questa Chiesa. Non ci date per morti, stiamo uscendo dalla crisi. Soprattutto abbiamo ancora tanta voglia di spenderci per il Vangelo.”

https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/fedeculti/2022/04/01/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-la-forza-della-diplomazia-di-francesco

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.