Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / “La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica”, di Salvatore Cernuzio

“La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica”, di Salvatore Cernuzio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/01/2019 09:42
Francesco incontra i vescovi di Panama e li esorta a «rubare» i giovani alla strada e alla cultura della morte che «vende loro fumo». Sui migranti: «Non basta la denuncia, bisogna superare paure e diffidenze»...

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere. Una Chiesa che non trova la sua forza «nell’appoggio dei potenti o della politica» ma nella «kenosis», lo svuotamento e l’umiltà. Una Chiesa «povera» perché la povertà è «madre e muro», impegnata a «rubare» i giovani dalla strada e dalla cultura della morte che vende loro solo fumo. È san Óscar Arnulfo Romero a parlare, per bocca di Papa Francesco, nella chiesa di San Francisco de Asís dove il Pontefice, al suo secondo appuntamento del viaggio a Panama per la Gmg, incontra i vescovi del Paese centroamericano.

Le parole e i pensieri dell’arcivescovo salvadoregno, brutalmente assassinato dagli squadroni della morte e canonizzato lo scorso ottobre, scandiscono tutto il lungo discorso del Papa. Quasi una piccola enciclica sul ruolo del vescovo e sul senso della presenza della Chiesa in un territorio ferito come quello dell’America Latina lacerato da violenze delle bande, narcotraffico, rapimenti e facili omicidi, in particolare delle donne.

Una Chiesa umile e povera, non arrogante

Accolto con calore dai presuli - tra cui figurano anche vescovi e cardinali di Paesi limitrofi, come Gregorio Rosa Chávez, il porporato di El Salvador che di Romero fu braccio destro -, Bergoglio sintetizza tutto in un concetto strettamente teologico, la «kenosis» di Cristo, il suo abbassarsi e farsi uomo. «Nella Chiesa Cristo vive tra di noi, e perciò essa dev’essere umile e povera, perché una Chiesa arrogante, una chiesa piena di orgoglio, una Chiesa autosufficiente non è la Chiesa della kenosis», afferma.

Così centrata la Chiesa diviene «sempre più libera», «una Chiesa che non vuole che la sua forza stia – come diceva monsignor Romero – nell’appoggio dei potenti o della politica, ma che si svincoli con nobiltà per camminare sorretta unicamente dalle braccia del Crocifisso, che è la sua vera forza», sottolinea il Pontefice.

Rubare i giovani alla strada e alla cultura della morte

Ai pastori rivela poi tutta la sua preoccupazione per i giovani del Centro America: «“Rubateli” alla strada prima che sia la cultura della morte che, “vendendo loro fumo” e soluzioni magiche, catturi e sfrutti la loro immaginazione» dice ai vescovi, esortando a «promuovere programmi e centri educativi che sappiano accompagnare, sostenere e responsabilizzare i vostri giovani». «Fatelo - aggiunge - non con paternalismo, dall’alto in basso, perché non è questo che il Signore ci chiede, ma come padri, come fratelli verso fratelli. Essi sono volto di Cristo per noi e a Cristo non arrivare dall’alto in basso, ma dal basso in alto. Sono molti i giovani che purtroppo sono stati sedotti con risposte immediate che ipotecano la vita».

In America Latina droga e femminicidi. I giovani in balia del primo truffatore

Lo denunciavano già tanti Padri durante il Sinodo di ottobre: per «costrizione o mancanza di alternative» molti ragazzi «si trovano immersi in situazioni fortemente conflittuali e senza rapida soluzione: violenza domestica, femminicidio – che piaga vive il nostro continente in questo senso! – bande armate e criminali, traffico di droga, sfruttamento sessuale di minori e non più minori, e così via».

«Fa male - sottolinea il Papa - vedere che, alla base di molte di queste situazioni, c’è un’esperienza di orfanezza frutto di una cultura e di una società che “ha rotto gli argini”. Famiglie molto spesso logorate da un sistema economico che non mette al primo posto le persone e il bene comune e che ha fatto della speculazione il suo “paradiso” dove continuare a ingrassare non importa a spese di chi. E così i nostri giovani senza il calore di una casa, senza famiglia, senza comunità, senza appartenenza, sono lasciati in balìa del primo truffatore».

Migranti: non basta la denuncia, superare indifferenza e paure

Allora i vescovi siano padri per questi giovani. Lo siano anche per i giovani migranti, sottolinea Francesco, toccando uno dei nervi scoperti dell’attualità di tutto il continente latinoamericano. «Molti dei migranti hanno volto giovane, cercano qualcosa di meglio per le loro famiglie, non temono di rischiare e lasciare tutto pur di offrire le condizioni minime che garantiscano un futuro migliore. Su questo non basta solo la denuncia, ma dobbiamo annunciare concretamente una “buona notizia”.

La Chiesa, grazie alla sua universalità, può offrire quell’ospitalità fraterna e accogliente in modo che le comunità di origine e quelle di arrivo dialoghino e contribuiscano a superare paure e diffidenze e rafforzino i legami che le migrazioni, nell’immaginario collettivo, minacciano di spezzare».

La strada da seguire è quella dei famosi quattro famosi: “Accogliere, proteggere, promuovere e integrare”, dice il Papa, suggerendo la lettura del libro del vicario di Parigi che ha come sottotitolo “Accogliere i migranti, una chiamata al coraggio”. «È un gioiello», assicura.

Il mondo scarta, Cristo no

«Tutte queste situazioni pongono domande, sono situazioni che ci chiamano alla conversione, alla solidarietà e a un’azione educativa incisiva nelle nostre comunità. Non possiamo rimanere indifferenti», sottolinea poi riprendendo il testo scritto. «Il mondo scarta, lo sappiamo e ne soffriamo», Cristo no. E «questa tensione ci costringe a chiederci continuamente: da che parte vogliamo stare?».

Romero, impregnato delle gioie e sofferenze della gente

Romero si era posto la stessa domanda e alla fine aveva scelto di «sentire con la Chiesa», come recitava il suo stemma episcopale, e di «imparare e ascoltare il battito del cuore» del popolo, di «sentire l’“odore” degli uomini e delle donne di oggi fino a rimanere impregnato delle sue gioie e speranze, delle sue tristezze e angosce». «Senza dicotomie o falsi antagonismi», sottolinea il Papa.

«È importante, fratelli - prosegue -, che non abbiamo paura di accostare e toccare le ferite della nostra gente, che sono anche le nostre ferite, e questo farlo nello stile del Signore. Il pastore non può stare lontano dalla sofferenza del suo popolo; anzi, potremmo dire che il cuore del pastore si misura dalla sua capacità di commuoversi di fronte a tante vite ferite e minacciate». Ciò significa «lasciare che questa sofferenza colpisca e contrassegni le nostre priorità e i nostri gusti, l’uso del tempo e del denaro e anche il modo di pregare».

State vicini ai sacerdoti, incontrateli anche se vi si scuoce la pasta

Da qui Bergoglio prende spunto per invitare i vescovi a stare vicini ai loro sacerdoti. Prima però fa un appunto sulla parola «compassione»: «Mi preoccupa come la compassione ha perso la sua centralità nella Chiesa, anche i gruppi cattolici stanno perdendo la compassione e anche nei mezzi di comunicazione cattolici non c’è compassione», dice a braccio, «c’è lo stigma, la condanna, la critica, c’è la denuncia di quello che non va, ma non la compassione. Invece non bisogna perdere la compassione nella Chiesa e soprattutto nei vescovi», perché «la Chiesa di Cristo è la Chiesa della compassione, e questo inizia a casa».

Perciò «è sempre buona cosa chiederci come pastori: quanto mi tocca la vita dei miei sacerdoti? Sono capace di essere un padre o mi consolo con l’essere un mero esecutore? Mi lascio scomodare?», domanda il Pontefice. «Sappiamo che il nostro lavoro, nelle visite e negli incontri che svolgiamo, specialmente nelle parrocchie, ha una dimensione e una componente amministrativa che è necessario portare avanti. Bisogna assicurarsi che venga fatto, ma questo non significa che spetti a noi utilizzare il poco tempo che abbiamo in adempimenti amministrativi».

Bisogna «lasciarsi scomodare», sollecita il Papa ancora a braccio, «lasciare che la pasta si scuocia, che tutto si raffreddi, lasciarsi scomodare dai sacerdoti». «Non possiamo delegare ad altri la porta aperta per loro. Porta aperta per creare le condizioni che rendano possibile la fiducia più che la paura, la sincerità più che l’ipocrisia, lo scambio franco e rispettoso più che il monologo disciplinare».

Il vescovo sia padre, non amministratore che “passa in rivista le truppe”

Francesco cita Rosmini, «certo, solo grandi uomini possono formare altri grandi uomini», per affermare che: «È importante che il sacerdote trovi il padre, il pastore in cui “rispecchiarsi” e non l’amministratore che vuole “passare in rivista le truppe”. È fondamentale che, con tutte le cose in cui ci differenziamo e anche quelle in cui non siamo d’accordo e le discussioni che possono esserci (ed è normale e auspicabile che ci siano), i preti vedano nel vescovo un uomo capace di spendersi ed esporsi per loro, di farli andare avanti e tendere loro la mano quando si trovano impantanati».

«In Argentina, invece», ricorda Francesco raccontando un aneddoto personale, «ascoltavo persone che dicevano: “Ho chiamato il vescovo e mi hanno risposto: ha l’agenda piena, chiami tra 20 giorni, non mi hanno neanche chiesto cosa volevo, va bene me lo segno…”. Queste sono situazioni che non vanno bene. Avere l’agenda piena va bene, vi guadagnate il pane, ma se vedete la chiamata di un sacerdote oggi o al massimo domani dovete richiamarlo: mi hai chiamato cosa succede? Puoi aspettare fino a quel giorno? E quel giorno il sacerdote saprà di avere un padre».

La vostra gente non è la “serie B” della società e di nessuno

Non manca, infine, nel discorso di Papa Bergoglio, un appello al popolo a non dimenticare le sue radici: la società di Panama e dell’America Latina in generale pecca infatti di «autostima culturale», osserva il Pontefice. «Il futuro esige che si rispetti il presente riconoscendo la dignità delle culture dei vostri popoli e impegnandosi a valorizzarle. Anche in questo si gioca la dignità». «La vostra gente non è la “serie B” della società e di nessuno. Ha una storia ricca che va accettata, apprezzata e incoraggiata. I semi del Regno sono stati piantati in queste terre. Abbiamo il dovere di riconoscerli, prendercene cura e proteggerli perché niente di quello che Dio ha piantato di buono si secchi a causa di interessi falsi che diffondono dappertutto la corruzione e crescono spogliando i più poveri».

Per i vescovi, allora, l’invito è chiaro: «Impegnatevi e alzate la voce contro la desertificazione culturale e spirituale dei vostri popoli, che produce un’indigenza radicale perché lascia senza quella indispensabile immunità vitale che mantiene la dignità nei momenti di maggiore difficoltà».

 

https://www.lastampa.it/2019/01/24/vaticaninsider/la-forza-della-chiesa-non-sta-nellappoggio-dei-potenti-e-della-politica-7uL067wfl58xoInS7al6sK/pagina.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.