Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / “Il fallimento dell’Occidente è causa dell’espansionismo russo in Africa”, di Pierluigi Mele

“Il fallimento dell’Occidente è causa dell’espansionismo russo in Africa”, di Pierluigi Mele

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/04/2022 09:27
Anche Il Continente africano è teatro dell’espansionismo russo. Intervista ad Ambroise Atakpa, teologo che insegna alla Pontificia Università Urbaniana di Roma…

Nella recente Assemblea generale dell'ONU, chiamata a votare per la condanna dell'invasione dell'Ucraina, l'Africa si è spaccata a metà. Per la precisione su 54 paesi 28 hanno votato a favore della condanna mentre altri 26 si sono rifiutati di schierarsi (con 17 astensioni e 8 che si sono rifiutati di partecipare al voto). Quali sono le ragioni di queste divisioni?
Per cominciare non direi che i paesi africani non siano sensibili alle questioni della  pace. Le ragioni sono semplici e allo stesso tempo molteplici. L’Africa è da secoli un continente sfruttato e preso in ostaggio dalle potenze straniere.

Come si può spiegare, altrimenti, che il continente più ricco di risorse abbia gli abitanti più poveri del mondo? La comunità internazionale, l’ONU, il Fondo Monetario internazionale, la Banca Mondiale e tutte le istituzioni internazionali non dovrebbero sentirsi chiamati in causa?

Ritornando al voto all’Assemblea generale dell’ONU direi che dal voto si vede la spartizione dell’Africa. Le potenze economiche e militari sono protagoniste di questa spartizione. La geopolitica è attualmente in mutazione. Non prevalgono più in Africa solo le potenze Occidentali, ma anche la Cina, la Russia, la Turchia, gli Emirati Arabi. 
Alla spartizione della famosa Conferenza  di Berlino nel 1884, passando per il neocolonialismo, la guerra fredda, assistiamo oggi ad uno scontro per una nuova spartizione tra le potenze Occidentali da una parte e la Cina, la Russia, la Turchia e altri. I primi denunciano la pericolosità dei nuovi arrivati, questi ultimi promettono sviluppo e una cooperazione alla pari a beneficio sia dell’Africa che per loro. Da questo quadro possiamo concludere che questo voto non fa altro che riflettere la nuova geopolitica dell’Africa. 
 

Quanto pesa ancora il passato coloniale dell'Occidente in queste divisioni?

L’Occidente, almeno i paesi in prima linea in Africa, ha fallito. È una constatazione amara! Se in tutti questi secoli d’occupazione dell’Occidente democratico, campione dei valori dei diritti umani e della dignità umana assiste impotente o complice del disfacimento  totale dell’Africa al punto che i nuovi arrivati siano visti come salvatori non è esagerato dire che l’Occidente ha fallito. Ciò non significa che si debba abbandonare l’Africa  alla sua agonia. 
Mi incuriosiscono molto il recente viaggio del  Presidente del Consiglio Draghi, e i numerosi viaggi del Ministro degli Esteri Di Maio in Africa alla ricerca di nuovi rifornimenti di gas. Sono sicuro che l’Africa verrà incontro all’Occidente ma, nel tempo stesso l’Occidente dovrebbe impegnarsi di più per un Africa migliore. Ogni sfruttamento dell’Africa è fallimento di tutta la comunità internazionale.  

Una considerazione di carattere generale: dell'Africa, nella pubblica opinione, se ne parla poco. Se ne parla soĺo in occasione di crisi geopolitiche o sanitarie. Secondo lei il Continente Africa continua ad essere un Continente dimenticato?

I luoghi comuni sull’Africa sono radicati non solo nell’opinione pubblica ma anche nei mass media e in alcuni ambienti culturali. Ci vorrebbe più informazione e più cultura.
 

Veniamo alla Russia di Putin. Sappiamo che in questi ultimi 10 anni si è fatta nuovi amici. Con quale strategia? 

Non parlerei di strategia. Parlerei piuttosto del fallimento, in larga misura dell’Occidente, di alcuni paesi in modo particolare, che ha favorito molto la Russia in Africa. Paradossalmente il primo benefattore della Russia in Africa è, in gran parte, l’Occidente che si credeva eterno padrone dei luoghi senza promuovere, in fondo, ricchezza, sviluppo e dignità dell’uomo in Africa.

Particolarmente pesante è la presenza russa nel Mali e nella Repubblica Centrafricana. Cosa sta avvenendo?

Questi due paesi sono ex colonie francesi, entrambe esposte agli attacchi dei ribelli. Purtroppo, non hanno ottenuto risultati soddisfacenti con la presenza delle truppe militari francesi. Oggi, con la presenza dei Russi i ribelli sembrano apparentemente indeboliti.

La guerra in Ucraina sta avendo ripercussioni economiche pesanti in tutto il mondo. Nel continente Africano che tipo di conseguenze ci sono?

Le ripercussioni economiche della guerra ancora non si avvertono in Africa. In positivo, invece, alcuni paesi come  Algeria, Congo Brazzaville e altri possono prevedere in un futuro prossimo una crescita positiva nella vendita del gas e dei prodotti petroliferi.  

 

https://www.rainews.it/articoli/2022/04/il-fallimento-delloccidente-causa-dellespansionismo-russo-in-africa-intervista-ad-ambroise-atakpa-6661ec97-709e-4e04-9242-346f145e7c53.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.