Tu sei qui: Home / Meditando / Discutendo / Terra nostra: come usiamo o abusiamo dei nostri territori? / Alta Murgia, ovvero l'agonia di una concreta utopia, di Piero Castoro

Alta Murgia, ovvero l'agonia di una concreta utopia, di Piero Castoro

creato da webmaster ultima modifica 11/02/2016 17:58
La memoria, si sa, è una freccia capace di andare avanti e indietro nel tempo, ma, in quest’epoca così deprimente, la memoria sembra irretita come non mai e rischia, perciò, di non essere più il supporto necessario per orientare le nostre azioni verso un futuro migliore. [...]

 

La memoria, si sa, è una freccia capace di andare avanti e indietro nel tempo, ma, in quest’epoca così deprimente, la memoria sembra irretita come non mai e rischia, perciò, di non essere più il supporto necessario per orientare le nostre azioni verso un futuro migliore.

È, questo, il caso dell’Alta Murgia, un territorio che è stato per troppi anni preda di tumultuosi mutamenti che hanno compromesso pericolosamente la sua integrità fisica, biologia e storico-culturale.

Forse è il caso di rammentare, almeno per i più giovani, che l’Alta Murgia, dopo aver ospitato tra il 1959 e il 1963, 30 missili con testate nucleari, dagli anni Settanta è diventata teatro di esercitazioni militari, con i suoi cinque Poligoni di tiro “occasionali”.
I processi di trasformazione territoriale e gli effetti indotti dai profondi cambiamenti che hanno investito il mondo rurale, hanno infatti determinato, nel giro di pochi decenni, profonde modificazioni anche dell’uso e dell’immagine stessa del paesaggio murgiano. Sia le componenti antropico-insediative che quelle fisiche naturali appaiono ancora oggi, per varie cause concomitanti, in uno stato di forte degrado.

Al di là di altre gravi forme di degrado (i cosiddetti e inutili “invasi artificiali” costati 100 miliardi di vecchie lire; le innumerevoli cave; lo sversamento di rifiuti tossici su ampie superfici, pale eoliche...; per non citare il rischio ancora attuale che il territorio ospiti il deposito unico di scorie nazionali...) l’attività di “spietramento”, per esempio, ha cancellato più della metà dei pascoli calcarei la cui superficie complessiva era, negli anni ’80, di 60.000 ettari.
Tutto questo, tra l’altro, senza riuscire a dar vita ad una economia agro-pastorale in grado di svincolarsi da una sopravvivenza garantita solo dalle politiche assistenziali regionali, nazionali ed europee e perciò perennemente in perdita.

Sono trascorsi dieci anni dalla istituzione del parco nazionale dell’Alta Murgia, una proposta che, aprendosi pian piano un varco nell’indifferenza generale e proseguendo a marciare sempre dal basso, ha saputo coinvolgere ampi schieramenti sociali e istituzionali, grazie alla tenacia di un movimento ricco e variegato che, soprattutto ma non solo, con le grandi marce popolari Gravina-Altamura (1985,1987, 2003, 2005) è riuscito almeno a porre le premesse per tutelare il patrimonio ambientale e antropico dell'Alta Murgia in direzione di un possibile sviluppo durevole.

Non è stato un percorso facile. Abbiamo, con franchezza e fin dall’inizio, sostenuto che costruire il Parco significava realizzare “pezzo per pezzo” un progetto politico di grande portata per le sue implicazioni sociali, economiche e culturali; che tale progetto, inoltre, poteva realizzarsi solo come “costruzione collettiva”, coinvolgendo cioè direttamente, dal basso, le comunità locali e le forze produttive sane, e valutando attentamente i costi e i benefici che necessariamente si dovevano ridistribuire su ampie categorie di cittadini. Sembra perciò legittimo chiedersi, dopo dieci anni, se quel progetto nato tra mille difficoltà sia nel frattempo cresciuto nella direzione auspicata...

Lo diciamo subito, per evitare equivoci: l’aria che tira non è delle migliori. E come potrebbe essere diversamente quando, al di là delle intenzioni proclamate, si registra una assoluta continuità con un passato che non passa, ovvero con tutte quelle modalità di gestione del territorio che, appunto, si è voluto modificare con l’istituzione del parco? Si attendevano risposte immediate e concrete, soprattutto per coinvolgere attivamente le associazioni di base attive sul territorio, i tanti operatori agricoli che hanno mostrato un duro scetticismo, per non dire di quelli che, tra loro, hanno manifestato tutta la loro opposizione al parco.

L’Ente istituito, è stato presieduto per cinque anni dal direttore dell’ASI del capoluogo. Le cariche politiche furono subito lottizzate e abbiamo assistito, in questi anni, ad equivoche vicende di compromissioni di ruoli e di funzioni, con il paradosso che tra coloro che sono stati coinvolti direttamente nella gestione dell'Ente, non mancano quelli che per anni si sono battuti contro l'idea stessa del parco.

Il secondo Presidente, anch'egli barese, in carica da cinque anni, forse condizionato dalla sua unica professione (oltre quella politica) di disc jockey ha preferito spendere ogni anno centinaia e centinaia di migliaia di euro per i “festival UP”..., piuttosto che impegnare risorse per bonificare le arie inquinate e degradate, per creare filiere corte del grano o della carne, per creare reti e presidi sociali ed economici al fine di valorizzare, in concreto, le non poche energie endogene che ancora resistono sul territorio... (su questi temi abbiamo pubblicato negli anni numerose e dettagliate analisi e proposti concreti progetti, rimasti purtroppo solo sulla carta...).

Insomma, la politica degli enti preposti alla tutela e valorizzazione di quest’area non è riuscita in alcun modo a sottrarre questo territorio dalla sua ormai condizione di debolezza strutturale e di marginalità economica, nonostante i proclami e le pubblicità che, spesso prive di riscontri critici, appaiono ogni tanto sugli organi di stampa.

Gli Enti locali, del resto, indaffarati come sono, si limitano ad agire come se il parco non esistesse e non dovesse esistere. Simile ad una clessidra che perde a poco a poco dal fondo i suoi granelli di sabbia, il tempo scandisce, anche sull'Alta Murgia, sempre più il ritmo di una squilibrio che alimenta la moderna coscienza ecologica.

Chi si batte oggi in difesa dell’ambiente sa che quasi sempre è questione di tempo; sa che la vastità e la velocità delle trasformazioni in atto non consente più esitazioni né silenzi; sa che la sua azione risulta lenta, limitata paradossalmente anche dal fatto di aver accettato le regole dei moderni sistemi democratici; sa che l’oggetto del contendere nel frattempo è destinato al deterioramento e alla perdita irreversibile; sa, infine, che la vittoria quando viene, viene quasi sempre tardi.

Il tempo, insomma, non può essere più considerato una variabile neutra e indifferente, e perciò, specie in relazione ai problemi ambientali, piuttosto che continuare a lasciarci portare da esso e ad affidarci solo all’avvenire o ad attendere improbabili e nuovi principi della politica, dobbiamo sempre più numerosi convincerci che siamo noi a doverlo portare, qui e ora, nei luoghi che abitiamo, nelle scelte invisibili che condizionano la realtà delle nostre esistenze quotidiane.

Piero Castoro (Centro Studi Torre di Nebbia – Comitati Alta Murgia)

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Gianni Tadolini
Gianni Tadolini :
13/02/2016 01:10
Complimenti per l'articolo. Gli aspetti del degrado ambientale sono molteplici ed angoscianti. Io, da etologo, ne segnalo uno: l'incapacità (o la non-volontà) dei comuni dell'Alta Murgia di affrontare il problema del randagismo canino. Ho passato due anni ad osservare i branchi di cani randagi e selvatici nel comprensorio di Cassano. Su questa osservazione ho anche pubblicato un saggio. Avrei molto da dire. Grazie dell'attenzione
direttore
direttore :
13/02/2016 11:54
Grazie a te per aver partecipato al dibattito. E speriamo bene per la nostra amata Murgia. Un saluto cordiale. God bless you
piero
piero :
19/02/2016 18:42
Gentile Gianni Tadolini,anche per la grave questione del randagismo canino ci siamo mobilitati e tramite uno studio di dottori veterinari di Altamura
 si fece tempo fa una proposta all'Ente parco di un progetto che prevedeva una unità di ambulatorio mobile per procedere alla sterilizzazione delle femmine presso le masserie della Murgia. Il progetto prevedeva un finanziamento di cica 20 mila euro. Si chiedeva all'Ente di farsi carico dei problemi burocratici relativi alla attuazione della legge regionale. Ma anche questa proposta è rimasta senza risposta... Piero Castoro
restacarlo2
restacarlo2 :
03/03/2016 09:11
Car.mo prof. Piero Castoro
Sono un suo alunno del corso di scuola politica frequentato qualche anno fa. Ricordo la sua lezione su “Tutela e sviluppo dell’Alta Murgia”. Una lezione bellissima che ricordo ancora nei suoi dettagli perché non finivo mai di prendere appunti. Ricordo che ci fece una sorta di carta d'identità per farci conoscere i segni distintivi del Parco e quindi del territorio. Un territorio di 100 mila ettari compreso in un recinto circondato da tredici comuni. Iniziando da Santeramo e procedendo verso la via Appia antica, la fossa Bradanica e il confine fra Puglia e Lucania, Altamura, Gravina, Poggiorsini, Spinazzola, Minervino. Poi dalla parte pedemurgiana dalla via Traiana (perché la Murgia si trova fra la via Appia antica e la via Traiana) dove abbiamo Andria, Corato, Ruvo, Bitonto anche se Bitonto si trova più vicino a Bari, però l'agro di Bitonto è come un budello, una parte residuale ma importante dell'agro di Bitonto interessa il territorio dell'alta Murgia, poi Cassano, Grumo e Toritto.Tredici comuni alcuni piccolissimi come Poggiorsini 1500 abitanti e Altamura circa 70.000 abitanti. Le quote altimetriche variano da un minimo di 340 metri, ad un massimo di 686 metri che è Torre Disperata (alta Murgia). Ci troviamo in presenza di uno spazio dove non ci sono città, non ci sono insediamenti industriali, non ci sono boschi che possono definirsi tali, non ci sono ostacoli naturali di sorta, non ci sono fiumi, non ci sono montagne è un paesaggio apparentemente aspro e brullo che è percorribile in lungo in largo, in bicicletta, a piedi, in macchina o a cavallo.
Insomma, una bellissima lezione.
piero
piero :
05/03/2016 20:02
nelle parole che che Tu ricordi così bene vi è il tentativo di decrivere l'Alta Murgia come un corpo vivo e straordinariamente complesso, con millenni di storia dentro e fuori di se, con le sue rughe, le sue bellezze, le sue angoscie...
A quelle parole bisogna sempre aggiungerne altre per scoprire quel che in esso muore ora o che, insieme a noi, palpita per vivere.
restacarlo2
restacarlo2 :
20/03/2016 10:18
Car.mo prof. Castoro
Ritorno sui contatti che abbiamo avuto circa il Parco dell’Alta Murgia. Ricordo che ci parlò dei vari elementi che connotano il Parco. Un primo elemento è lo spazio. E’ bellissimo guardare anche di notte, se ci mettiamo sull'alta Murgia con il cielo terso, si osserva la costa adriatica, una linea ininterrotta di luci. Questo diceva dello spazio Tommaso Fiore (scrittore e politico di Altamura, meridionalista) alcuni dei suoi versi: « E dovunque muri e muretti, non dieci, non venti, ma più, molti di più, allineati sui fianchi di ogni rilievo, orizzontalmente, a distanza anche di pochi metri, per contenere il terreno, per raccoglierne e reggerne un po' tra tanto calcare. Mi chiederai come ha fatto tanta gente a scavare ed allineare tanta pietra. Io penso che la cosa avrebbe spaventato un popolo di giganti. Questa è la murgia più aspra e sassosa; […] non ci voleva meno che la laboriosità d'un popolo di formiche ». Sono versi per evidenziare le caratteristiche del territorio e un profondo amore che provava per il popolo delle formiche. Nei contatti avuti gent.mo prof. Castoro, venne fuori la sensibilità anche ecologica del nostro tempo che vi ha reso possibile, grazie anche ad un lavoro straordinario che avete fatto sulla fotografia, libri fotografici bellissimi pubblicati, il vostro centro possiede circa 30.000 diapositive tutte digitalizzate, schedate, d'autore. Insomma questo bellissimo spazio, anche come valore di grande polmone verde della provincia di Bari.
I commenti sono stati disabilitati.
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.