L'immigrazione oggi, di Francesco Fravolini

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 22/12/2015 16:28
È necessario rivalutare nuovamente lo status degli immigrati e cessare di utilizzarli come una vera e propria minaccia...

 

La società italiana deve adeguarsi alla rivoluzione sociale del XXI secolo che sta trasformando a piccoli passi i suoi paradigmi politici, economici e culturali. Questo drastico e repentino cambiamento sociale comporta radicali stravolgimenti capaci di influenzare la popolazione, costretta a rivedere le proprie abitudini di vita. La spinta propulsiva a velocizzare proprio questa rivoluzione arriva senza dubbio dalla crisi economica, la quale ha favorito la popolazione a riflettere sui consumi, sulle scelte, sui comportamenti, sulla società, sulla cultura, sulla famiglia. A ricordare questo delicato e complesso passaggio è decisamente la storia; sono sotto i nostri occhi le differenti testimonianze di come si sono risollevate le persone dopo ogni crisi economica. Potremmo affermare senza ombra di dubbio che diventa un momento particolare, da non sottovalutare, per rivedere le scelte di vita e i comportamenti adottati fino a quel periodo. La popolazione è ostaggio della compulsività dovuta al consumismo, di conseguenza è portata a scegliere senza riflettere. La crisi che ha coinvolto tutto il mondo, a partire dal 2007, non è una mera crisi economica, bensì una crisi strutturale dove il cambio del paradigma culturale ed economico riesce a stravolgere completamente le abitudini della società.

 

L'immigrazione, fenomeno sociale presente da più di un ventennio in Italia, non poteva essere esclusa. Si sente forte la necessità di mettere a disposizione un significativo investimento di denaro per agevolare l'inclusione sociale, poiché è una valida risposta, se non addirittura l'unica, in grado di diminuire quelle pericolose frizioni sociali. La crisi finanziaria mondiale, che ormai investe a pieno titolo il Vecchio Continente, non deve lasciare in secondo piano l’integrazione dei popoli. Se vogliamo puntare verso la costruzione degli Stati Uniti d’Europa è necessario rispettare le culture di tutte le etnie presenti nelle diverse nazioni. Il rispetto e la condivisione devono diventare le assolute protagoniste del XXI secolo per agevolare la conoscenza e gli scambi culturali tra tutte le persone, nessuna esclusa. Le prospettive economiche non possono essere l'unico motivo di destabilizzazione sociale, perché al centro dell'universo c'è la ricchezza umana delle persone. Tenere sotto controllo la finanza mondiale e tralasciare il capitale umano significa non comprendere i veri valori alla base di una società. Dovremmo riflettere sulla giusta azione di promuovere più pace verso una maggiore condivisione tra i popoli. Le persone sono più importanti e possono diventare, se bene integrate, un valore aggiunto economico e culturale da salvaguardare. Non è pensabile focalizzare l’attenzione solo sulla finanza senza conoscere lo stato sociale dei Paesi. Eppure la scelta politica resta sempre la stessa: riunioni no stop per risolvere i problemi economici legati alla finanza. Dietro agli aridi numeri si celano situazioni sociali che possono mettere a rischio la tenuta di un’area geopolitica. Come accade, tanto per citare un esempio, con l’identità dell’Islam, patrimonio culturale da rispettare perché espressione di una religione, al pari delle altre confessioni del mondo. I pensieri filosofici, spesso alla base delle religioni di una nazione, costituiscono l’identità di una popolazione. C’è una cultura da conoscere: il mondo intellettuale arabo. Resta comunque fondamentale delineare una visione della società occidentale nella quale viene inserito un arabo, con le abitudini, il folklore, la religione, i differenti aspetti sociali. Sono azioni per favorire l’affermazione delle singole persone appartenenti ad altre nazionalità, assicurando una vera integrazione nella società europea.

 

 

 

È necessario rivalutare nuovamente lo status degli immigrati e cessare di utilizzarli come una vera e propria minaccia. Per realizzare una simile politica sociale è necessario ridisegnare un'altra società dove si possa convivere con diversi ideali, mantenendo le proprie identità culturali e religiose. Serve senza dubbio più coraggio da parte dell'Italia per trasformare l'Europa in un Paese dove sia presente l’integrazione. Dobbiamo soffermare la nostra attenzione su una reale integrazione e sugli interventi possibili per contenere i flussi di migranti. Preoccupa il legame tra il numero dei morti e la popolarità del fenomeno. Oltre all’emergenza del soccorso occorre continuamente porre una costante attenzione al tema dell’accoglienza, creando nuove e coraggiose opportunità che diventino il concreto contrasto al dilagante populismo politico, tema particolarmente rilevante ed eccessivamente presente nelle agende politiche di taluni schieramenti.

 

[giornalista]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.