Un SMS da Papa Francesco

creato da webmaster ultima modifica 01/03/2016 13:59
Papa Francesco nella sua Enciclica ci insegna a vivere.

 

Il giorno 18 dicembre 2015 presso il liceo “Ilaria Alpi” di Rutigliano si è svolto il primo di sei incontri intitolati “pomeriggi al liceo”, una rassegna di incontri finalizzati a mettere in dialogo generazioni diverse sul filo rosso del tempo e dell’ oggi. Il primo sull’enciclica “Laudato si” di Papa Francesco con la presenza del direttore di ‘Cercasi un fine’ prof. Rocco D’Ambrosio.

Noi alunni di IIC, dopo aver riflettuto sul contenuto dell’enciclica ci siamo posti una domanda: ”Che cosa ci vuole trasmettere Papa Francesco attraverso l’enciclica?”; siamo giunti ad una conclusione e questa prevede cinque consegne: puntare ad un altro stile di vita, educare all’alleanza fra umanità e ambiente, conversione ecologica, gioia e pace, amore civile e politico.

Il primo impegno è riorientare la propria rotta, e ciò implica un cambiamento della società che si deve riconoscere in un’origine comune per condividere il futuro.
Questa consapevolezza di base permetterebbe lo sviluppo di nuove convinzioni, nuovi atteggiamenti e stili di vita. Emerge così una grande sfida culturale, spirituale ed educativa che implicherà lunghi processi di rigenerazione. Gli ambienti in cui viviamo influiscono sul nostro modo di vedere la vita, di sentire, di agire: dobbiamo ammirare le persone che spontaneamente si attivano per migliorare i luoghi urbani.

In  famiglia si deve imparare a chiedere permesso senza prepotenza, a dire “grazie” come espressione di sentito apprezzamento per le cose che riceviamo, a dominare l’aggressività o l’avidità, e a chiedere scusa quando facciamo qualcosa di male.
Questi piccoli gesti di sincera cortesia aiutano a costruire una cultura della vita condivisa e del rispetto per quanto ci circonda.

Le successive due consegne, educare all’alleanza fra umanità e ambiente e conversione ecologica, si soffermano sull’ambiente circostante: è importante preservare l’ambiente in quanto è il luogo in cui viviamo e ogni nostro errore non si fermerà solo su di esso ma ricadrà anche su noi stessi.

La quarta consegna ha come finalità quella di vivere in pace con se stessi e nella gioia con gli altri, quindi poter condividere il futuro in modo sereno e tranquillo.

Ultima consegna ma non meno importante è amore civile e politico, ciò significa che dobbiamo impegnarci in tutte le nostre azioni, mettendoci il cuore.

Per aderire al messaggio di Papa Francesco e seguire una strada di vita piena di gioia dobbiamo innanzitutto vivere l’ ecologia integrale, sostenere la ricerca, salvaguardare il patrimonio storico, artistico e culturale.

La scomparsa di una cultura può essere grave come la scomparsa di una specie vivente. E non vogliamo dimenticare la relazione con l’ economia, la crisi è socio-ambientale ma quanti egoismi cela.
Il principio del bene comune presuppone il rispetto della persona umana con i suoi diritti fondamentali e inalienabili, esige la giustizia fra le generazioni, dobbiamo pensare a chi abiterà il mondo dopo di noi.

 

Classe II C - Liceo Scientifico "Ilaria Alpi", Rutigliano (BA)


punto-interrogativo.pngDiscutendo on-line su tematiche di attualità per capire, scoprire, confrontarci, maturare, impegnarci. A te la parola!

 

Argomento:

I bambini: come costruire ambienti e città a misura dei bambini?



Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.