Il dibattito ambientale

creato da webmaster ultima modifica 01/03/2016 13:59
Articolo scritto dalla Classe II C - Liceo Scientifico "Ilaria Alpi", Rutigliano (BA)

 

Negli ultimi due secoli, dalla prima rivoluzione industriale, al più recente sfruttamento delle energie nucleari, l’umanità sta consumando in maniera sconsiderata le risorse della Terra, danneggiando la nostra casa comune.

Come uscire dalla spirale di autodistruzione in cui stiamo affondando? Papa Francesco tenta di darci alcune linee guida nella sua ultima enciclica “Laudato si”.

A commentare l’opera, al liceo scientifico “Ilaria Alpi”, vi era il prof. Rocco D’Ambrosio,ordinario di Filosofia Politica, il quale ha illustrato ai presenti, tra cui alunni, professori e genitori, le problematiche che attanagliano il nostro pianeta, esprimendo valutazioni etiche sul vasto argomento e rispondendo con perizia alle numerose interrogazioni e provocazioni sollevate dalla lettura dell’enciclica.

La domanda più frequente per tutti i lettori dell’enciclica: “che cosa possiamo e dobbiamo fare?”.
Il Papa ha cercato di prendere in esame la situazione attuale dell’umanità, analizzando quelle che sono le cause maggiori del degrado ambientale e le crepe sul nostro pianeta.
Le analisi non possono bastare: sono indispensabili proposte “di dialogo e di azione che coinvolgano sia ognuno di noi, sia la politica internazionale”.

Papa Francesco ribadisce l’importanza di concepire la Terra come patria e l’umanità come popolo che abita in una casa comune. Questo comporta un’interdipendenza, la quale ci obbliga a pensare ad un solo mondo, ad un progetto comune.

Il Papa ricorda alcune dinamiche internazionali recenti: “I Vertici mondiali sull’ambiente degli ultimi anni non hanno risposto alle aspettative perchè, per mancanza di decisione politica, non hanno raggiunto accordi ambientali globali realmente significativi ed efficaci (n.166)”.
Si è sancito tra l’altro la cooperazione internazionale per la cura di tutta la terra e la responsabilità economica per chi inquina. In alcune situazioni, l’ordine mondiale si è mostrato impotente ad assumersi responsabilità, d’altro canto le istanze locali possono fare la differenza, infatti è lì che nascono una forte responsabilità, un senso comunitario e un profondo amore per l’ambiente.

Particolare è l’appello rivolto a chi ricopre incarichi politici, affinchè si possa costruire una sana politica (n.179).

Ma nel dibattito i veri protagonisti sono gli abitanti del luogo, che si interrogano su ciò che vogliono per sè e per i propri figli.
È indispensabile il dialogo, non solo tra i cittadini piuttosto va potenziato quello tra la politica e l’economia, perchè si pongano al servizio della vita. Abbiamo bisogno che la politica e l’economia non si accusino reciprocamente della diffusa povertà e del degrado ambientale. Cosa ancora più importante sarebbe riconoscere i propri errori e trovare delle forme di interazione per il bene comune.

È indispensabile anche un dialogo tra le stesse scienze, dato che ognuna è solita chiudersi nei limiti del proprio linguaggio.
Ciò impedisce di affrontare in modo adeguato i problemi dell’ambiente. Il Papa ha colto il punto focale della situazione ambientale esponendo quelli che sono i maggiori problemi che quotidianamente viviamo.

Egli vuole farci comprendere che nel momento in cui noi esseri umani avremo acquisito una maggiore responsabilità e consapevolezza, potremo migliorare l’ambiente non solo per noi ma anche per le generazioni future.

Il professor D’Ambrosio ha concluso affermando che dobbiamo essere vigili, considerare il clima come bene comune, occuparci della questione dell’acqua e della perdita delle biodiversità, considerare l’inequità planetaria.
Vivere l’ecologia integrale significa diventare sempre più generosi, mai egoisti, dobbiamo farci carico di questa casa che ci è stata affidata sapendo che, ciò che di buono c’è in essa, verrà assunto nella “festa del cielo insieme a tutte le creature che camminano su questa Terra cercando Dio.”

Classe II C -Liceo Scientifico "Ilaria Alpi", Rutigliano (BA)

 


punto-interrogativo.pngDiscutendo on-line su tematiche di attualità per capire, scoprire, confrontarci, maturare, impegnarci. A te la parola!

 

Argomento:

I bambini: come costruire ambienti e città a misura dei bambini?



Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.