Tu sei qui: Home / Meditando / Comunicati stampa / Cittadini stranieri e Covid-19

Cittadini stranieri e Covid-19

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/04/2020 19:47
Comunicato 27.3.2020 di CuF su discriminazione nei confronti di cittadini stranieri; reportage fotografico, rassegna stampa: articoli e interviste...

 

COMUNICATO STAMPA 

Gli immigrati a Cassano in tempi di Covid-19

 Da quasi due anni, ci occupiamo, come Associazione di promozione sociale, di organizzare corsi di italiano per cittadini stranieri, attualmente sospesi per la crisi in atto. Segnaliamo che sono stati affissi, sulle porte di alcune case di cittadini stranieri, volantini in italiano e in inglese, firmati dalla locale polizia municipale, con le disposizioni riguardanti tutti i cittadini in questo periodo di crisi.

La scelta di far attaccare i manifesti alle porte ci sembra, a dir poco, lesiva della dignità dei cittadini coinvolti, per diversi motivi.

-       I manifesti sono stati attaccati ad alcune porte di cittadini stranieri con un metodo offensivo che ricorda tempi nefasti in cui parte della popolazione era additata come diversa, in maniera visibile e riconoscibile da tutti.

-       Correttezza vuole che fossero consegnati come lettere o, meglio ancora, informati personalmente, in lingua, delle varie disposizioni.

-       Sorprende che, a quanto ci è dato constatare, non sia stata preparata una copia del manifesto in altre lingue, visto che a Cassano ci sono anche cittadini di origine albanese, francofona, ispanica e di lingua araba. 

Cogliamo anche l’occasione per lamentare un clima di ostilità di una parte della cittadinanza nei confronti degli stranieri, che in questo momento sembra essere ancora più forte. Diverse volte ci è capitato sentire alcuni cittadini, anche cattolici, che ci invitavano a “preoccuparci degli italiani bisognosi e a lasciar stare i migranti”. Come Associazione non guardiamo mai il colore della pelle, prima di aiutare qualcuno, ma semplicemente il loro bisogno perché “siamo tutti nella stessa barca”, come ha ricordato papa Francesco. 

Ci auguriamo che le autorità locali e i cittadini di Cassano diano prova di come la “solidarietà politica, economica e sociale” (artt. 2 e 3 della Costituzione) sia, ora più che mai, responsabilità e impegno di tutti, nessuno escluso.  

Cassano delle Murge, 27 marzo 2020

                                                                                   

don Rocco D'Ambrosio

Presidente di Cercasi un fine

 

Galleria fotografica


Rassegna 
stampa sul comunicato:

 

-  28.3.2020 Articolo su Cassano Live
https://www.cassanolive.it/news/attualita/926044/gli-immigrati-a-cassano-in-tempi-di-covid-19 

- 28.3.2020 Ansa Italia: 

Coronavirus:prete denuncia,avvisi-cartelli su porte migranti Nel barese. Don D'Ambrosio,metodo offensivo, ricorda tempi nefasti (ANSA) - ROMA, 28 MAR - Per avvisare delle misure di contenimento i cittadini stranieri di un centro del barese, Cassano delle Murge, la polizia municipale ha affisso dei cartelli sulle porte delle loro case. Lo riferisce don Rocco D'Ambrosio, presidente dell'associazione 'Cercasi un fine'.
"La scelta di far attaccare i manifesti alle porte ci sembra, a dir poco, lesiva della dignità dei cittadini coinvolti", "con un metodo offensivo che ricorda tempi nefasti in cui parte della popolazione era additata come diversa", denuncia D'Ambrosio che è anche docente alla Gregoriana. I cartelli non sono ovunque ma "solo sulle porte dei migranti".(ANSA). TU/TU 28-MAR-20 11:17 NNNN
 
Coronavirus:prete denuncia,avvisi-cartelli su porte migranti (2) 

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - L'associazione 'Cercasi un fine' in questi giorni sta portano beni di prima necessità, come quelli alimentari, alle famiglie in difficoltà e ha notato questi cartelli solo sulle porte dei migranti che abitano a Cassano delle Murge. "Da quasi due anni, ci occupiamo, come Associazione di promozione sociale - riferisce don D'Ambrosio -, di organizzare corsi di italiano per cittadini stranieri, attualmente sospesi per la crisi in atto. Segnaliamo che sono stati affissi, sulle porte di alcune case di cittadini stranieri, volantini in italiano e in inglese, firmati dalla locale polizia municipale, con le disposizioni riguardanti tutti i cittadini in questo periodo di crisi. La scelta di far attaccare i manifesti alle porte ci sembra, a dir poco, lesiva della dignità dei cittadini coinvolti", "con un metodo offensivo che ricorda tempi nefasti in cui parte della popolazione era additata come diversa, in maniera visibile e riconoscibile da tutti".
Il sacerdote, che è docente alla Gregoriana, commenta che "correttezza vuole che fossero consegnati come lettere o, meglio ancora, informati personalmente, in lingua, delle varie disposizioni". Inoltre gli avvisi sono solo in inglese e invece nel Comune abitano cittadini di origine albanese, francofona, ispanica e di lingua araba.
Don Rocco D'Ambrosio lamenta in generale "un clima di ostilità di una parte della cittadinanza nei confronti degli stranieri, che in questo momento sembra essere ancora più forte.
Diverse volte ci è capitato sentire alcuni cittadini, anche cattolici, che ci invitavano a 'preoccuparci degli italiani bisognosi e a lasciar stare i migranti'. Come Associazione non guardiamo mai il colore della pelle, prima di aiutare qualcuno, ma semplicemente il loro bisogno perché 'siamo tutti nella stessa barca', come ha ricordato Papa Francesco".
"Ci auguriamo che le autorità locali e i cittadini di Cassano diano prova di come la 'solidarietà politica, economica e sociale', prevista dagli articoli 2 e 3 della Costituzione, sia, ora più che mai, responsabilità e impegno di tutti, nessuno escluso".(ANSA). TU/TU 28-MAR-20 11:22 NNNN

- 28.3.3030 Articolo su L'obiettivo
https://lobiettivonline.it/gli-immigrati-a-cassano-in-tempi-di-covid-19/

- 28.3.2020 Intervista telefonica su TRM
 https://www.youtube.com/watch?v=Tfa4otawDjc

- 28.3.2020 Articolo su Portalecce
https://www.portalecce.it/index.php/chiesa-in-uscita-diocesi-di-lecce/puglie/5008-insiemenonostante-immigrati-a-cassano-manifesti-discriminatori-sulle-case-dei-poveri

- 29.3.2020 Articolo su repubblica Bari
https://bari.repubblica.it/cronaca/2020/03/29/news/coronavirus_cartelli_sulle_porte_dei_migranti_iniziativa_offensiva_che_ci_riporta_a_tempi_nefasti_-252611457/

- 29.3.2020 intervista su TeleNorba

http://www.norbaonline.it/ondemand-dettaglio.php?i=88664

- 29.3.2020 Articolo su La Gazzetta del Mezzogiorno

- 29.3.2020 Articolo su Articolo21 

https://www.articolo21.org/2020/03/coronavirus-cartelli-sulle-porte-dei-migranti-iniziativa-offensiva-riporta-a-tempi-nefasti/

- 30.3.2020 Intervista a Radio Vaticana 

- 1.4.2020 su questo sito https://www.cercasiunfine.it/meditando/articoli-cuf/la-sindaca-e-gli-immigrati-di-michele-bisaccia

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.