Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Una libertà per il bene, di Rocco D'Ambrosio

Una libertà per il bene, di Rocco D'Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 25/03/2016 13:07
Editoriale del giornale n. 101 di Cercasi un Fine sul tema: Libertà di stampa. Numero dedicato a Maria Grazia Cutuli (1962-2001), giornalista, testimone di pace e libertà, al servizio di chi soffre.

 

Presentiamo in questo numero, come testimone, Maria Grazia Cutuli, una giornalista alla ricerca costante di verità. Una verità che cercava nei fatti visti da vicino, negli incontri, nel correre nelle situazioni più gravi e pericolose, dal Ruanda all’Afghanistan.
In altri termini una vita segnata dal conoscere la verità sul campo e divulgarla attraverso la stampa.

Si po’ parlare di libertà in tanti modi, teorici e/o pratici. Le pagine dei libri segnano e invitano a pensare quanto le testimonianze viventi. Da dove partiamo?
Dall’affermare che la libertà è una dimensione costitutiva della persona umana, consegue che non non “ho” la libertà di fare qualcosa, ma “sono” una libertà, cioè sono libero di fare qualcosa.

Essere libero di fare qualcosa significa che non sono sottoposto a nessuna costrizione fisica, interiore, esteriore e quant’altro; nessuna costrizione. Ma ciò non basta.
Infatti non sono libero pienamente perché posso fare quello che mi pare e piace; questo è il primo gradino della libertà. Sono libero in pienezza quando oriento la mia libertà verso qualcosa o qualcuno.

La piena libertà è avere un progetto, è una libertà per qualcosa, in vista di un fine, a servizio di un progetto. E allora la domanda è: qual è il mio progetto? Qual è il mio fine nella vita personale e in quella sociale e politica?

È il fine che qualifica e struttura la mia libertà. Nella visone cristiana la libertà è per il bene.

Scrive chiaramente Thomas Merton: “La semplice capacità di scegliere tra il bene e il male è il limite più basso della libertà”.
Nella visione laica diremmo che la Repubblica nasce per rimuovere gli ostacoli che “limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art. 3).

Quindi la libertà è finalizzata al pieno sviluppo della persona e alla crescita dell’organizzazione sociale e politica. Certo, resta la difficoltà di definire sempre cosa è bene e sviluppo autentico della persona, resta la fatica di dialogare tra culture e religioni su cosa sia autentico bene e pace duratura. Ma almeno dovremmo avere come punto fermo che non è libertà quella di uccidere, violentare, maltrattare, offendere e ridicolizzare l’altro e ciò in cui crede.

Quindi anche la satira ha un limite.
Infatti, e se applichiamo tutto ciò alla libertà di stampa, si comprende bene come non esiste una libertà assoluta di pubblicare quello che si vuole, senza nessun filtro.
Non sto parlando qui di censuare, ma di limite responsabile che pone la coscienza del giornalista a quanto scrive o veicola, prima ancora che la legge fissi alcuni paletti.

Ovviamente questa è una discussione perennemente aperta. Casi, circostanze, culture e religioni, situazioni politiche sono così diverse che impongono un discernimento, personale e sociale, costante dove si definisce e ridefinisce “il pieno sviluppo della persona” e i mezzi per raggiungerlo.

Rocco D'Ambrosio - www.rocda.it

[docente Pontificia Università Gregoriana (Roma) e direttore di Cercasi un fine]

 

Leggi il giornale n. 101


* Il giornale completo è consultabile solo da parte di coloro che ci sostengono con il loro contributo economico per le attività della nostra Associazione.

 

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.