Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Un testimone di legalità e giustizia sociale, di Salvatore Nardi

Un testimone di legalità e giustizia sociale, di Salvatore Nardi

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/12/2018 15:57
Riceviamo e volentieri pubblichiamo la presentazione di un testimone di legalità e rettitudine, Carlo Nardi, in provincia di Cosenza...

 

 

Quest'anno, in occasione del 30°anniversario della morte di Carlo Nardi, marito e padre esemplare, che ha improntato tutta la sua vita pubblica e privata in favore delle persone deboli e bisognose, è stato realizzato l’opuscolo sulla sua figura dove è stata prevista una sezione "Dicono di lui....dopo 30 anni" in cui sono stati pubblicati i giudizi di alcune delle tante persone autorevoli che lo hanno conosciuto e che ancora dopo 30 anni lo ricordano con profonda e immutata stima: " ......ho potuto apprezzare la sua grande dedizione al servizio che svolgeva con sicura competenza e dal quale traspariva sempre la massima disponibilità, la competenza professionale ma soprattutto la sua umanità di un vero gentiluomo al servizio della collettività...." (Franco Miceli - Ten. Colonnello dei Carabinieri);

".....ho avuto modo di apprezzare la serietà, la passione e la competenza con cui, giovanissimo svolgeva il suo delicato compito di educatore presso il Convitto Nazionale di Cosenza..........una persona veramente perbene.." (Mario Bozzo – Commendatore della Repubblica e Presidente della Fondazione Carical) “…era di intelligenza viva, brillante, ma anche pratica. Ha dato molto al suo paese, a chi lo ha conosciuto e stimato; ha aiutato parenti, amici e concittadini che avevano bisogno, senza tirarsi mai indietro. Lo abbiamo perduto molto presto, lasciandoci un’affettuosa amarezza nell’animo. Un mendicinese, come pochi, che ha chiuso il conto della sua vita sociale in grande attivo, per quello che ha dato al suo paese e per il poco che questo paese vuole dare a chi veramente lo ama e lo serve disinteressatamente, senza nulla chiedere e senza ricerca di vana gloria…..” ( Vincenzo De Rose). 
Funzionario del Patronato Epaca "con un senso di responsabilità, serietà e competenza, dati che lo hanno fatto conoscere e stimare in tutta la provincia (Cosenza) dagli assistiti in genere e dai coltivatori diretti in particolare, che con la sua scomparsa perdono un amico…". Come apparso nell'articolo del giornale della Coldiretti.
Ha svolto attività politica.
Soprattutto per la sua impeccabile condotta morale è stato nominato Giudice Popolare, prestando “onorevole” servizio presso la Corte d’Assise del Tribunale di Cosenza.
E’ stato designato presso la Prefettura di Cosenza nel Comitato Provinciale di Assistenza e Beneficienza Pubblica, presieduto da S.E il Prefetto. "....carica che ha esercitato per lunghi anni con assiduità, impegno, spirito di servizio in favore di categorie di cittadini particolarmente esposti ai bisogni della pubblica assistenza. Ha perciò reso un servizio meritorio e di questo desidero darLe atto ed esprimerLe il mio ringraziamento....". 
La giornalista RAI, Annarosa Macrì, rispondendo pubblicamente sul “Quotidiano” del 29/09/2018 in merito all’intitolazione di una strada a Carlo Nardi, evidenziava, dopo aver letto l’opuscolo commemorativo: "Non solo gli eroi, i santi, i martiri e i sapienti possono indicarci la rotta, ma anche gli uomini e le donne che non entrano nei libri di storia, ma che nella vita familiare e in quella pubblica hanno saputo fare con dignità la loro parte di persone perbene"
In occasione dell'evento "Una Giornata per la Legalità" organizzato dall'Associazione "Centro Studi Mameli" e tenutosi oggi, 25 novembre 2018, presso il Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio (CE), è stata rilasciata dalla Presidente della suddetta associazione, una pergamena, in memoria di mio padre, con la seguente motivazione:
" Onesto ed operoso, fulgido esempio di legalità, stimato da tutti ha lasciato sulla terra le tracce luminose delle sue grandi virtù" 
Ha consegnato la pergamena il Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, dott. Luciano d'Emmanuele.
Molte le personalità presenti, ed autorevoli ed importanti le persone premiate.
La testimonianza di vita di Carlo Nardi, improntata sulla Legalità e dignità morale: la moralità come valore aggiunto alla legalità. 
I giovani oggi hanno bisogno di modelli positivi ed é necessario soprattutto incoraggiare il loro impegno a favore degli altri ed in particolare degli ultimi. Come ha detto Sua Santità Papa Francesco, durante l'Angelus del 12 agosto 2018 non basta nella vita non fare il male per essere un buon cristiano ma è necessario fare il bene.
Cosi' recentemente a Rimini durante le celebrazioni dei 50 anni della Comunità Papa Giovanni XXIII, le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "...........Aiutare chi ne ha più bisogno, tendere la mano agli ultimi per portarli fuori da una condizione di marginalità, accogliere i più poveri per condividere con loro un percorso di crescita sociale.....".
"Nella società non possono esserci scarti: aiutare gli ultimi arricchisce il Paese".

Salvatore Nardi, salvatore.nardi@alice.it
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.