Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Un'etica per appartenere, di Agnese Moro

Un'etica per appartenere, di Agnese Moro

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 09/04/2017 13:53
Agnese Moro esprime alcune riflessioni sul Forum di etica civile (Milano 1-2 aprile 2017)...

 

«La nostra società sembra oggi affetta da una malattia che Gauchet chiama "patologia della non appartenenza". Ogni individuo esige tutto dalla società, ma non sente di doversi impegnare in modo concreto in essa. Così lo spazio pubblico oggi non è altro che un grande centro di raccolta di lamentele private, disarticolate e senza filtro». Con queste parole Cristina de la Cruz Ayuso, docente di Filosofia politica presso l’Università di Deusto (Bilbao) ha chiuso il suo intervento al secondo <<Forum dell’Etica Civile>>  https://forumeticacivile.com/, tenutosi nei giorni scorsi a Milano per iniziativa delle riviste Aggiornamenti Sociali e Il Regno, delle Associazioni Cercasi un fine e Incontri, del Centro Studi Bruno Longo, della FOCSIV, della Fondazione Lanza, dell’Istituto di formazione politica Pedro Arrupe. Le parole della Ayuso illustrano bene quello che gli organizzatori del Forum si pongono, e vogliono porre alla nostra attenzione, ovvero la fragilità della nostra vita sociale, le difficoltà di accogliere, di essere insieme, di costruire e mantenere legami positivi e forti. Sono tutte realtà già impegnate, quelle che con il Forum  vogliono condividere riflessioni e ricerca di soluzioni. Convinte della necessità di creare un terreno comune tra loro e con chiunque lo voglia, senza voler diventare qualche cosa di diverso da quello che sono. Significative le partecipazioni e lo scambio di esperienze in particolare sulla <<ricostruzione>> delle città con l’impegno diretto di tutti.

Questa  <<patologia della non appartenenza>> non mi sembra un piccolo problema; a patirne non è solo, si fa per dire, lo spazio pubblico, ma la stessa percezione dell’esistenza degli altri come parte integrante della nostra vita e non solo come sgradevoli accidenti che si frappongono tra noi e l’appagamento veloce di bisogni; o come semplici concorrenti nell’accaparramento di beni scarsi, come un parcheggio, un lavoro, una cura medica. Una percezione che genera fastidio per gli altri e indifferenza, ma che purtroppo piuttosto spesso, a stare alle nostre cronache quotidiane, va oltre, trasformandosi   in disprezzo  praticato per la vita umana - quella degli altri, ovviamente - che può essere colpita per motivi abbastanza futili, per semplice paura, per una punizione che si ritiene di avere il diritto di dare, per pura noia, o per l’ipotetica <<santità>> delle proprie motivazioni.

Agnese Moro

in "La Stampa" del 9 aprile 2017

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.