Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Tonino Bello e la storia, di Rocco D'Ambrosio

Tonino Bello e la storia, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 08/04/2018 10:05
Un intervento del nostro direttore su Repubblica Bari, su don Tonino Bello, La Civiltà Cattolica e la prossima visita di papa Francesco in Puglia...

 

Si dice che la famosa rivista La Civiltà Cattolica “è in ritardo con la cronaca, ma in anticipo con la storia”. Fa molto piacere leggere, nell’ultimo numero, un elogio garbato e fondato di don Tonino Bello. E’ il tributo della “storia” ecclesiale che accompagna la visita prossima di Francesco sulle orme di don Tonino. Ricordiamo un po’ tutti che la cronaca ufficiale cattolica, tranne nobili eccezioni, è stata ingrata nei confronti di don Tonino: dagli aggettivi che hanno usato per definirlo quando era in vita (comunista, fuori luogo, esagerato, esibizionista, fissato con i poveri e gli immigrati) ai rifiuti e attacchi alla sua persona (persino invitato, da un segretario di vescovo che gli andava incontro extra moenia, a non entrare in città, dove era prevista una sua conferenza). Una cronaca con tanti motivi di gioia e di gratificazione per don Tonino, ma anche con tante spine nel fianco, più interne alla Chiesa cattolica, e alla sua gerarchia, che esterne. Il destino noto di tutti i profeti.

Papa Francesco appartiene alla storia e per questo di quella cronaca negativa non ne tiene contro e forse – oso azzardare – non vuole neppure conoscerla. Ciò vale per don Tonino, ma anche per don Milani e don Primo Mazzolari. L’attuale pontefice li sta restituendo pienamente alla storia, non come eccezioni, ma come “regola”. Essere prete, vescovo autentico vuol dire avere passione e intelligenza, amore e libertà come, in modi e tempi diversi, le hanno avute i Bello, Milani, Mazzolari, Germinario, De Luca, Mincuzzi, Di Donna e tanti altri.

E’ innegabile che ogni comunità, religiosa o laica che sia, per crescere, per imparare a discernere e per essere fedeli ai principi a cui si ispira, ha bisogno di conoscere e frequentare questo tipo di pastori: quelli che fanno la storia. Essi non sono gli eroi, magari disumani e avulsi dai contesti vitali; ma sono quelli che sanno capire quello che succede, soffrire con la gente e aiutare a progredire nel bene, incoraggiare e soccorrere chi ha bisogno, specie gli ultimi. Don Tonino lo fu autenticamene e per questo, soprattutto la nostra terra, non lo dimentica. Per questo gli si possono attribuire le sue stesse parole: essere capaci di “far maturare la giustizia, l’uguaglianza, la libertà con alacre passione e senza cedimenti”.

La terra pugliese ha molta cronaca deleteria e sempre in prima pagina, sia a livello ecclesiale, che sociale e politico. Papa Francesco ci vuole riportare, con don Tonino, nella storia autentica. E in questo don Tonino è stato ed è guida e sostegno, ma non nella retorica pubblica ed ecclesiale, quanto nello studio e nella riflessione personale, dove si coglie la profondità del suo pensiero e del suo esempio e si scoprono energie per non soccombere. Non a caso don Tonino pregava (e prega!) chiedendo per noi: “Da’ a questi miei amici e fratelli la forza di osare di più. La capacità di inventarsi. La gioia di prendere il largo. Il fremito di speranze nuove”.

 

Rocco D'Ambrosio

fonte: Repubblica Bari

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.