Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Sono oltre il limite: non provano neanche vergogna, di Rocco D’Ambrosio

Sono oltre il limite: non provano neanche vergogna, di Rocco D’Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 07/08/2021 10:33
I consiglieri regionali pugliesi reintroducono per sé il TFR... una vicenda inqualificabile e scandalosa.

 

[Troppe domande accompagnano la vicenda del Consiglio regionale della Puglia che, nell’ultima seduta prima della pausa estiva del 27 luglio, ha reintrodotto il “trattamento indennitario”, che era stato abolito nel novembre 2012 insieme ai vitalizi. Fondate ragioni, inoltre, ci portano a definire la scelta inaccettabile, se non propria scandalosa]. Iniziamo con il dire che dal punto di vista etico e costituzionale, quello del politico non è un mestiere, ma – parola abusatissima e a rischio di altissima ipocrisia – è un servizio. Come tale eticamente il politico è a disposizione della collettività per assolvere, con maturità umana ed etica e competenza, a un incarico, derivante da un mandato elettorale. Nicola Occhiofino (1948-2011), già Vicepresidente del Consiglio Regionale della Puglia e Assessore della provincia di Bari, più volte consigliere regionale e provinciale (sempre fedele alla sua “legge”: due mandati in politica e un periodo di riposo per ritornare al suo lavoro di docente) ci ha testimoniato il principio di cui parliamo. Nicola donava in beneficenza quello che “eccedeva” il suo stipendio di docente e accettava solo i rimborsi necessari e provati nella sua attività politica. [Non era strano, era coerente. “Ognuno deve vivere del suo mestiere – mi diceva spesso – io del mio di docente, non … di politica!”. Con il suo sorriso, radioso di bontà e saggezza, testimoniava la lezione di Weber. L’autore tedesco insisteva sulla vigilanza di tutti perché ogni classe dirigente sia scelta non tra quelli che vivono “di politica”, per guadagno e vanagloria personali, ma tra quelli che vivono “per la politica”, cioè pronti a sacrificarsi per la comunità civile].

Ma non è tutto. C’è un'altra importante domanda: quanto dista la presidenza e l’assemblea regionale pugliese dalle periferie familiari, sociali ed economiche della Puglia? Sembrerebbe non kilometri, ma anni luce! La pandemia ha distrutto la salute, per tanti anche la vita, ha impoverito molti, ha determinato un malessere sociale ed economico in forte crescita. E cosa fanno i consiglieri regionali, di tutti i gruppi presenti? Trovano un modo per aumentare i propri introiti. Diremmo: vergogna! Ma la vergogna la provano coloro che hanno un senso del pudore, della decenza; coloro che si sentono e vivono da servi della collettività. La vergogna non appartiene a chi è pieno di sé, autoreferenziale, spesso populista, a chi opera per carpire consensi e consolidare il suo potere, e ancor peggio magari trama in affari loschi.

Ma oltre alla vergogna e l’indignazione che tanti oneste cittadine e cittadini pugliesi sentono, dobbiamo aggiungere la memoria. Prima di tutto della Costituzione, che è essenzialmente solidale (artt. 2 e 3). Per cui chi non vive la solidarietà non è degno di essere cittadino, e ancor più rappresentante del popolo sovrano. E a chi dei consiglieri si ritiene cristiano va anche ricordato che davanti a Dio è beato solo “chi ha cura del debole” (Sal. 41). E in ciò i credenti autentici sono in buona compagnia di quanti resistono pacificamente a chi non vuol fare dell’Italia, delle sue Autonomie locali, l’azienda dei fatti propri e degli amici intimi. La memoria è anche quella degli elettori, quando si formano e informano, votano, partecipano attivamente e si spendono per la collettività: dire un NO secco a certe prassi poco etiche e poco costituzionali.

Una politica che ha il suo perno sui privilegi rischia la deriva populista o di interessi di congrega, con buona pace dell’etica. Del resto, come ricordava il ministro francese Malraux, “ la politica non si fa con la morale. Ma nemmeno senza”.

fonte: «la Repubblica - Bari» del 6 agosto 2021. In paretesi [...] le parti non pubblicate dal quotidiano per motivi di spazio.

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.