Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Sindaci da onorare, di Rocco D'Ambrosio

Sindaci da onorare, di Rocco D'Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 17:56
Editoriale del giornale n. 86 di Cercasi un Fine sul ruolo dei Sindaci dedicato ad Angelo Vassallo (1953 - 2010), sindaco, testimone di giustizia, di tutela dell’ambiente e di servizio autentico alla città.

 

Ho grande rispetto per quei politici, specie sindaci, che svolgono il loro compito con rettitudine morale e competenza.
Mi sono da guida le parole del Vaticano II: stimare degni di lode e di considerazione coloro che, per servire gli uomini, si dedicano al bene della cosa pubblica e assumono il peso delle relative responsabilità.

Ciò vale per tutti i politici perbene, ma vale in modo particolare, considerando le relative responsabilità istituzionali, per sindaci, presidenti di Regione e presidenti del Consiglio e della Repubblica. E direi ancora di più per i sindaci.

Fare il sindaco oggi significa avere terribili responsabilità, scarsezza di risorse economiche e fronteggiare il rapporto con i cittadini che è diretto e quotidiano, spesso problematico e conflittuale. Non è così per nessun altra carica istituzionale in Italia. Quindi tanta gratitudine a quei sindaci che non soccombono sotto questo peso e vanno avanti, nonostante tutto.
Questi sindaci non vanno lasciati soli, anzi.

Un documento episcopale del 1981 scriveva: “C’è innanzi tutto da assicurare presenza. L’assenteismo, il rifugio nel privato, la delega in bianco non sono leciti a nessuno, ma per i cristiani sono peccato di omissione”.

Si parte dalle realtà locali, dal territorio. E si è partecipi delle sorti della vita e dei problemi dei comuni, delle Circoscrizioni e del Quartiere: la scuola, i servizi sanitari, l’assistenza, l’amministrazione civica, la cultura locale. Ci si apre poi alla struttura regionale, alla quale oggi sono riconosciute molte competenze di legislazione e di programmazione. Così la presenza si estenderà anche ai livelli nazionale, europeo e mondiale, e potrà avere efficacia. È sbagliato, infatti, contare solo sui tentativi di rifondazione o di riforma che vengono dai vertici della cultura ufficiale e della politica (CEI, 1981, n. 33).

Parole ancora vere e pregnanti; anche se i primi destinatari di questa indicazione, i cattolici (di destra come di sinistra) spesso sono stati tra i primi a non assicurare presenza e impegno nelle istituzioni e quando l’hanno fatto non sono stati un gran che di esempio civile e cristiano, anzi. Lo stesso dicasi per quei cittadini, provenienti da altre culture e religioni, che non hanno aiutato i nostri comuni a crescere nel bene e nella solidarietà, ma hanno rubato e danneggiato a più non posso.
E in testa a loro sindaci corrotti o incapaci.

Resistere al malaffare di questi sindaci & Co. è un’opera ardua. Ci vuole molta forza per fronteggiare le loro vergogne, immorali quanto illegali.
Ritter diceva che ci vuole ragione, diritto e morale. In altri termini bisogna capire, denunciare e rinnovare il tessuto culturale ed etico dei nostri comuni. Opera ardua che non si può condurre da soli: una persona onesta in un’amministrazione corrotta è ingoiata o distrutta come un agnello in una tana di lupi.

Un gruppo invece può approntare una strategia a medio e a lungo termine per iniziare un rinnovamento politico efficace ed efficiente.
I sindaci perbene cercano e necessitano di questi gruppi responsabili e attivi. Quelli disonesti li osteggiano in tutti i modi.
Persino l’opposizione politica locale, in diversi casi, quando non partecipa al comitato di affari, gioca molto spesso di rimessa. Non sempre promuove formazione e partecipazione politica, ma cavalca l’emergenza e la sua protesta, senza incanalarla e farla diventare occasione di crescita civile.

La politica locale è sana soprattutto se accresce qualità della vita e dell’ambiente, servizi alle persone, promuove investimenti produttivi e formazione professionale.

Siamo per i sindaci che fanno questo, come Angelo Vassallo e tanti altri.

A loro tutta la nostra gratitudine, rispetto e sostegno.

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.