Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Servire chi si ama, di Maria Anna Misuriello

Servire chi si ama, di Maria Anna Misuriello

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 11/04/2022 22:13
Giovanni focalizza l’attenzione sul centro della scena, dove avviene un fatto piuttosto scandaloso, un concentrato di allusioni e la celebrazione del genio femminile...

 

 Sei giorni prima della Pasqua. 

Giovanni è sempre preciso nelle indicazioni temporali. 

Sei giorni prima di consegnarsi, Gesù torna a Betania, nella casa della povertà, la casa più ricca perché casa degli amici. 

Mi sembra di vedere una scena di vita di casa mia quando, con amore, allaccio il grembiule per preparare un pasto per un amico… In fondo, si sa, preparare qualcosa di buono per chi si ama sazia il cuore di chi si sporca le mani e quello di chi riceve! 

Gesù, dunque, torna lì dove solo può avvenire una prefigurazione di ciò che accadrà sei giorni dopo: c’è l’anticipazione del servizio a mensa (Marta), del tradimento di Giuda, quella della sepoltura (Maria) e il segno della risurrezione (Lazzaro). 

Giovanni focalizza l’attenzione sul centro della scena, dove avviene un fatto piuttosto scandaloso, un concentrato di allusioni e la celebrazione del genio femminile. 

Il profumo del nardo, presente solo nel Ct in tutto l’AT, è un aroma antico, di origine indiana, legato forse ai culti della fertilità e usato soprattutto come afrodisiaco. È estratto da una specie di valeriana (Nardostachys Jatamansi) che fiorisce nel nord e nell’est dell’India, considerato dalla tradizione vedica come profumo d’amore. 

Il gesto innamorato di Maria è il gesto della sposa che unge il corpo del suo amato. È un atto profondamente intimo, soprattutto se si considera che, in alcune circostanze, nella cultura veterotestamentaria i piedi sono un’allusione agli organi genitali. Toccare i piedi e sciogliere i capelli erano gesti permessi solo nell’intimità coniugale. 

Maria, dunque, prefigura l’unione tra la Chiesa sposa e Cristo sposo. 

Nardo effuso è il suo nome. (Ct 1, 3) 

Cristo non a caso significa unto. I Re dovevamo essere unti per essere consacrati. 

Mi permetto una piccola audacia: Maria, in questo quadro, è anche madre oltre che sposa. È come se Maria generasse il Cristo, l’Unto, in questa che è una epifania che sprigiona l’identità messianica e regale di Gesù. 

Se facciamo un focus sul racconto di Marco, invece, leggiamo che la donna «aveva un vaso di alabastro, pieno di profumo di puro nardo, di grande valore. Ella ruppe il vaso di alabastro e versò il profumo sul suo capo» (Mc 14, 3). 

L’alabastron era il vaso in cui si custodivano gli olii e i profumi. Se la donna spezza il vaso – presumibilmente il collo allungato del vaso – allora rende il gesto non solo un fatto unico ma addirittura irripetibile. Non le sarà possibile amare qualcuno più di quanto abbia amato il Cristo in quel momento di estrema intimità. 

Giuda non può accettare questa epifania. 

Non gli importa di ricavare denaro per i poveri (tra l’altro Giovanni ci dice che era pure ladro) perché vuole trattenere per sé. 

Ma questa è la contraddizione del cristianesimo: lo spreco. L’amore è lo spreco di sé per chi si ama. Maria spreca un profumo puro e preziosissimo e se stessa per Gesù così come Gesù spreca la sua vita per amor nostro. 

La casa di Betania si riempì della ricchezza del profumo. 

Mentre il re è sul suo divano, 

il mio nardo effonde il suo profumo. (Ct 1, 12) 

Il nardo della sposa emana non la propria fragranza ma la fragranza di lui, dello Sposo. 

E, dunque, chi ha profumato chi? 

È Maria che con il nardo ha profumato il Cristo e che custodisce questo amore per non disperderlo nel momento della sepoltura o è Cristo che ha profumato il capo di Maria con il profumo della pienezza della sua vita? 

Maria custodisce perché osserva il comandamento dell’amore che Gesù ha predicato e che sta per compiere. 

Perché anche noi possiamo custodire il comandamento di Gesù fin dentro il suo sepolcro per attendere la vita!

[laureata in filosofia, stagista Cuf, Barletta, Bt]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.