Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Sapere e responsabilità, di Rocco D’Ambrosio

Sapere e responsabilità, di Rocco D’Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 25/09/2015 12:37
Editoriale di Cercasi un fine n. 82, giornale cartaceo in distribuzione. Un invito a leggere l'intero numero, richiedendolo alla redazione... buona lettura e discussione!

Le università italiane, laiche o ecclesiastiche che siano, hanno diversi problemi (si vedano le pagine di seguito). Il più grave, a mio avviso, è quello dei docenti.
Certo, tra i docenti, c’erano e ci sono delle eccezioni, ma, purtroppo, restano tali. Mi riferisco a quei docenti, che fanno il loro dovere, informano e formano gli studenti con passione e competenza, si aggiornano, collaborano tra di loro e vivono il loro servizio, tra tante difficoltà.
Sono pochi. I più sono demotivati, tirano a campare, fanno danno alle nuove generazioni, spesso si interessano più a denaro e potere che altro, truccano concorsi e instaurano dinastie familiari. Da non dimenticare lo scandalo dei docenti “3 P più 1”: quelli che fanno i Professionisti, i Presidenti di enti, i Periti e, forse, qualche volta, i Professori.
Si pensi a quei medici, commercialisti, avvocati, ingegneri, architetti dalle… mille occupazioni; ultima e facoltativa, naturalmente, quella universitaria.
Consegue che la prima riforma universitaria sia la riqualificazione della classe docente. In materia Lorenzo Milani aiuta molto, almeno in due riferimenti.

Il primo. Milani ha aiuta a vivere il ruolo di docente come chi “nutre” i suoi studenti con le parole.
Per “nutrire” l’altro con la parola è prima di tutto necessario aver fatto esperienza di essa, averne sofferto e vagliato nel proprio studio e nella prassi di vita il suo spessore; esser stati alla scuola d’essa, alunni prima ancora che maestri, cosa non così ovvia.
Solo dopo aver imparato per primi ad ascoltare e a conoscere le potenzialità e i confini dalle parole, divenendone servi e figli, l’insegnare si traduce in opera creativa, diventa strumento di libertà da offrire all’altro.
Parola, realtà da governare, da custodire come dono. Oggi la scuola e l’università, sia laiche che cattoliche, si propongono troppi obiettivi, a volte dando poco spazio o dimenticando ciò che in prima istanza è importante sapere ed imparare: dominare la parola.
Don Milani scrive: “Non chiedetemi la tecnica, ma piuttosto come si deve essere per fare scuola”.

Il secondo. L’essere del docente consta fondamentalmente di tre attività: la docenza, la ricerca scientifica e il dialogo personale con gli studenti. Ovvero insegnare, studiare e incontrare. Le parole si trasmettono e si forgiano in cattedra, sui libri, nelle pubblicazioni e nei volti degli studenti con cui dialoghiamo. In tutti questi passaggi, nessuno escluso.
Milani è ben lungi dal propugnare sterilmente un ruolo di dominio intellettuale o snobbismo di classe: i docenti non sono migliori o su un gradino più alto perché sanno di più.

Sono solo operai della cultura, che con responsabilità devono far crescere gli studenti. Se non sono capaci o non vogliono fare ciò, vadano via.
E qui la politica ha una grande responsabilità nel tollerare e garantire quella casta di universitari che, altrove, dove l’università funziona, avrebbe perso da tempo il proprio ruolo.

Vittorio Bachelet è stato un mirabile esempio di docente universitario per dedizione alla parola e responsabilità professionale, elementi che ha testimoniato nelle istituzioni fino al sacrificio di sé.
Condividiamo il suo sentire: “Formiamo i giovani alla responsabilità, alla saggezza, al coraggio e, naturalmente alla giustizia. In particolare dovrà coltivarsi nei giovani la virtù della prudenza. È la prudenza che aiuta a evitare di confondere l’essenziale e il rinunciabile, il desiderabile e il possibile, che aiuta a valutare i dati di fatto in cui l’azione deve svolgersi, e consente il realismo più efficace nella coerenza dei valori ideali”.

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.