Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Salvaguardiamo la Terra, il nostro bene più prezioso di Luigi Castrovilli e Martina Sassi

Salvaguardiamo la Terra, il nostro bene più prezioso di Luigi Castrovilli e Martina Sassi

creato da Eleonora Bellini ultima modifica 05/09/2018 23:55
Ospitiamo la prima relazione conclusiva dei ragazzi della Scuola Socio-Politica di Minervino Murge del 2018
Salvaguardiamo la Terra, il nostro bene più prezioso di Luigi Castrovilli e Martina Sassi

da ugobardi.blogspot.com

La Terra è nata miliardi di anni fa, noi esseri umani soltanto duecentomila anni fa. Eppure siamo riusciti a sconvolgere l’equilibrio che è indispensabile alla vita.

Alla giusta distanza dal Sole, non troppo lontana e non troppo vicina, la Terra è in un equilibrio perfetto che le permette di conservare l’acqua allo stato liquido che, come sappiamo, garantisce la vita sulla Terra. L’acqua è, probabilmente, l’unica risorsa naturale che interessa tutti gli aspetti della civiltà umana, dallo sviluppo agricolo e industriale ai trasporti, alla produzione di energia elettrica, ecc. Al crescere della popolazione e delle attività industriali cresce anche la domanda di acqua; ma le sorgenti di acqua necessarie per queste attività vanno man mano inquinandosi. Per questo, ogni anno, scompaiono migliaia di specie vegetali e animali, per non parlare di migliaia di uomini, donne e bambini che ogni anno muoiono per carenza di acqua. L’acqua è un diritto umano essenziale, per questo non va inquinata e sprecata.

Sulla Terra, ogni specie vivente ha il suo ruolo e contribuisce a mantenerne l’equilibrio. L’uomo, figlio della natura, ha perfezionato la sua capacità di adattamento e intervento su di essa facendo prevalere una concezione utilitaristica della natura, sfruttandola e dominandola, rompendo così il suo fragile equilibrio.

Molte delle catastrofi naturali, infatti, sono causate dall’uomo. Qualche millennio fa, per esempio, l’umanità scoprì un modo per estrarre l’energia sepolta nelle profondità della Terra sotto forma di gas, carbone, ma soprattutto petrolio. Con il petrolio, alcuni hanno conosciuto un benessere senza precedenti, focalizzando la loro attenzione e i loro interessi solo al denaro che esso rende, ignorando i danni prodotti dalla combustione di queste fonti di energia. Il nostro stile di vita è totalmente dipendente dal petrolio. Sappiamo che la fine del petrolio è imminente, ma rifiutiamo di crederci. Non abbiamo capito che stiamo per esaurire quello che la natura ci fornisce.

La situazione critica in cui sta sprofondando il mondo intero è frutto delle nostre azioni, con cui stiamo distruggendo il ciclo di una vita che ci è stata donata:

  • il 20% della popolazione mondiale consuma più dell’ 80% delle risorse;
  • Cinquemila persone muoiono ogni giorno a causa dell’acqua insalubre;
  • 1 miliardo di persone non ha accesso ad acqua potabile sicura;
  • Il 40% delle terre coltivabili ha subito danni a lungo termine;
  • Ogni anno scompaiono circa 13 milioni di ettari di foreste;
  • Le specie animali e vegetali stanno scomparendo ad un ritmo mille volte superiore a quello naturale;
  • La temperatura media degli ultimi 15 anni è la più alta mai registrata;
  • Ci potrebbero essere almeno 200 milioni di rifugiati climatici entro il 2050.

Sicuramente queste notizie toccano il nostro animo e ci rendono molto pessimisti. Non c’è più tempo, però, per pensare in maniera negativa. Ogni singolo uomo può dare un suo contributo:

  • I parchi naturali sono stati creati circa un secolo fa e oggi ricoprono circa il 13% dei continenti, e sono spazi in cui le leggi attribuite indirizzano l’azione umana verso il rispetto e la preservazione delle specie vegetali e animali, del terreno e del paesaggio;
  • Il Costa Rica ha fatto una scelta tra le spese militari e la conservazione del territorio. Il paese non ha più un esercito, ha preferito investire le sue risorse in istruzione, ecoturismo e nella protezione delle foreste;
  • Ci sono città intere in Germania, Nuova Zelanda, ecc…, in cui ogni singola abitazione produce la propria energia attraverso i pannelli solari;
  • Molte nazioni danno priorità allo sviluppo delle energie rinnovabili;
  • Ci sono centrali elettriche alimentate dal calore della terra, l’energia geotermica;
  • Esistono anche zone desertiche ricoperte di pannelli solari.

La terra, infatti, è collegata al sole, la principale fonte di energia. In un’ora, il sole regala alla terra l’energia che l’intera umanità consuma in un anno. Non dobbiamo quindi fare altro che smettere di scavare e alzare gli occhi verso il cielo e iniziare a coltivare il sole.

È arrivato il momento di collaborare con la natura, non dobbiamo dare più molta importanza a ciò che abbiamo perso, ma a ciò che ci resta. Sappiamo che le soluzioni esistono e possiamo cambiare, ma dobbiamo agire tempestivamente.

Quindi homo sapiens, uomo pensante, ascolta la natura che ti ha donato la vita, un miracolo dell’universo e poi decidi cosa fare.

[corsisti della scuola politica di CuF a Minervino, Bt]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.