Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Questo lo so!, di Alessandro Greco

Questo lo so!, di Alessandro Greco

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 13:28
Il n. 79 di Cercasi un Fine sul tema Cultura e Società per ragioni di spazio, non ha potuto ospitare il seguente contributo. Siamo lieti di proporlo in prima pagina sul nostro sito web.

 

Qual è la prima cosa che ti viene in mente quando senti la parola cultura?

Molta gente risponderebbe a questa domanda evocando immagini quali interminabili conferenze, libri di mille pagine, complesse figure retoriche che necessitano di anni di studio solo per essere nominate. In una parola: noia. Per la maggior parte di noi la cultura è solo questo, pura noia, niente altro che un inutile apparato di nozioni buone solo per darsi un tono, assumendo quella aria snob che i dotti spesso hanno, volontariamente o meno.

Ma la cultura può forse essere ridotta solo a questo? No, la cultura non può e non deve essere solo questo, e chi lo pensa non le rende giustizia. La cultura non è necessariamente conoscere a memoria i dialoghi di Platone, non per forza richiede la conoscenza del latino. Può essere cultura anche solo sentire una frase in un documentario in televisione e provare la soddisfazione tutta particolare di dire "Questo lo so!".

E questo è un impulso che abbiamo tutti, compreso quel ragazzo di strada che sembra saper usare solo il dialetto e ogni tre parole bestemmia. Perché un altro grande danno che nei secoli si è fatto alla cultura è stato quello di ritenerla un qualcosa da eletti, quasi un Sacro Graal che può essere visto solo dagli iniziati, che si adoperano in tutti i modi per nasconderlo al mondo. Questa visione è ancora molto affermata, e sono proprio gli uomini di cultura che spesso non accettano l’idea che il bello della cultura sia proprio il condividerla con gli altri, senza esclusioni, ma soprattutto che possa essere trasmessa anche con parole semplici.

È quello che, da molti anni, tenta di fare Piero Angela, probabilmente il più grande divulgatore vivente, assieme al figlio Alberto e a tutti quelli che con loro curano Superquark, Ulisse e Passaggio a Nord Ovest. Queste trasmissioni sono l’esempio di quanto anche gli argomenti più tecnici, quasi da addetti ai lavori, possano divenire facilmente comprensibili senza perdere assolutamente nulla del loro contenuto. Ma soprattutto, programmi come quelli citati dimostrano che la cultura può interessare tutti (probabilmente sono proprio gli accademici che, invece, snobbano questo genere di programmi), rendendo improvvisamente più interessante un argomento che a scuola era sembrato così noioso e inutile.

Cosa serve per rendere così avvincente la cultura? Molto poco, perché per appassionare basta essere in prima persona appassionati. Il resto, per lo più, viene da sé.

[studente liceale, Taranto]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.