Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Populismo: attuale e pericoloso, di Rocco D'Ambrosio

Populismo: attuale e pericoloso, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 01/06/2018 15:22
Riprendiamo un intervento del nostro direttore, Rocco D'Ambrosio, sul tema del populismo, attuale più che mai...

 

E’ la parola del momento: populismo. E come spesso succede, per ciò che è di moda, viene usata a proposito e a sproposito, con poche possibilità di capire e discutere. Quindi sono – gli altri: i potenti, i ricchi, i laeder, i capi, i dirigenti – un po’ tutti populisti. Lo è Trump ed Erdogan, Di Maio e Renzi, Grillo e i Casaleggio, la Le Pen e Salvini, papa Francesco e Angela Merkel, Berlusconi e la Meloni e via discorrendo. Più la lista si allunga e meno riusciamo a capire. Laconicamente si direbbe: se lo sono tutti, in fondo, non lo è nessuno.

Allora: che cos’è il populismo? Il termine nasce a fine ottocento, in Russia, e, sin dal suo sorgere, non si presenta come “una dottrina sistematizzata una volta per tutte, ma come un atteggiamento politico, e mentale, cangiante nel tempo e nelle diverse realtà territoriali” (Enc. Sc. Soc., VI). In questo tipo di atteggiamento abbiamo due poli importanti: il popolo e il leader. Riguardo al popolo va detto che, in genere, si tratta di un popolo non ben definito, accomunato da bisogni o stato di crisi, in disagio economico, che si sente orfano di reali rappresentanti dei suoi interessi, quasi in perenne stato di resistenza e assediato da alcuni nemici sociali storici (ebrei, immigrati, stranieri, neri e cosi via). Un’ambiguità costante, che attraversa questo popolo, è quella di sentirsi e/o di essere considerato una parte o il tutto. Ciò è evidente nei discorsi dei populisti di ogni epoca: il popolo è, in alcuni frangenti, la parte ostaggio, vittima, oggetto di sfruttamento da parte di poteri alti e forti; ma, in altri frangenti, è il tutto che solo può esprimere e realizzare le prerogative sociali e politiche migliori.

A questo tipo di popolo parla, si presenta e chiede consenso un leader che ha la pretesa di essere l’unico idoneo a rappresentare questo popolo. Scriveva Max Weber, più di un secolo fa: “L’importanza dell’attiva democratizzazione di massa sta nel fatto che il capo politico non viene più proclamato candidato in base al riconoscimento della sua buona prova nella cerchia di uno strato di notabili, per poi diventare capo in virtù del suo emergere in parlamento, bensì conquista la fiducia e la fede delle masse in sé, e quindi il suo potere, con mezzi demagogici di massa. Nella sua essenza questo significa una svolta cesaristica nella selezione dei capi e, in effetti, ogni democrazia ha questa inclinazione” (1892).

Il ‘900 è stato teatro, molto spesso, di questa svolta cesaristica. Emblematica è la storia di molti partiti politici nelle democrazie occidentali. In essi la svolta cesaristica è stata causata o favorita da dinamiche quali: immaturità personale, corruzione, organizzazioni monolitiche, depauperamento dei mezzi di controllo, scarsa partecipazione dei cittadini. Questi partiti sono diventati così veri e propri feudi, organizzazioni dove difficilmente nuovi interessati, specie giovani, possono avvicinarsi, partecipare e aspirare a posti di responsabilità. È tipico, inoltre, di queste forme di potere, la tendenza ad auto-replicarsi, con ogni mezzo e in ogni momento. La svolta cesaristica costituisce un fenomeno negativo di per sé pervasivo. Per cui succede che il leader di tale fattura non solo non tollera forme genuine e autentiche di relazioni di potere, ma tende a espandere il proprio modello in ogni direzione. In altri termini questo tipo di potere si autoreplica molto facilmente.

Nell’analisi sul populismo di Yves Mény e Yves Surel si afferma che la fondamentale caratteristica del populismo è la convinzione che il popolo sia “fonte del potere”. Da ciò deriva un “rifiuto della rappresentanza o una critica dei rappresentanti, un considerare il costituzionalismo un ostacolo insopportabile al potere del popolo”. La conclusione degli autori è chiara: “Il populismo è profondamente antiliberale” (2000). Il rifiuto di leggi fondamentali e procedure consolidate si potrebbe esprimere in una legge: il rapporto demagogico con le masse è inversamente proporzionale al rispetto delle leggi e delle regole vigenti. *Con un approccio diverso al problema, i sistemi creati da svolte cesaristiche vengono identificati come nuove forme di assolutismo - dittature morbide sono state anche chiamate -, ossia strutture politiche apparentemente democratiche, ma di fatto regni dittatoriali, che sfruttano l’immaturità e l’ignoranza di molti. Si pensi a quello che accade in alcune democrazie dove apparentemente si conservano strutture democratiche, invece, attraverso meccanismi diabolici, si esautora la democrazia e si tradisce il patto costituzionale, generando forme di dispotismo mite, oggigiorno chiamato anche dittatura morbida. È stato Tocqueville, quasi due secoli fa, a farci riflettere sul fatto che questo tipo di dispotismo "sarebbe più esteso e più mite e degraderebbe gli uomini senza tormentarli" (1835).

In questo quadro generale, qui sinteticamente presentato, l’Italia nel suo piccolo ha dato e dà, da Mussolini a oggi, il suo contributo al fenomeno. Se restiamo agli ultimi vent’anni, la svolta cesaristica, o demagogica o populista, come dir si voglia, ha visto diversi interpreti sulla scena politica: leader che hanno fondato o piegato partiti alla propria volontà, hanno mortificato o distrutto qualsiasi opposizione interna ed esterna, hanno ignorato o tradito regole e prassi consolidate, hanno impiantato un potere autoreferenziale (molto spesso anche corrotto). Aldo Moro, riferendosi a questi fenomeni, parlava di “allettamento dell’assolutismo”, cioè il fascino ambiguo e pericoloso di un potere, che promette di “salvare e chiede di abbandonare nelle mani di pochi” la cura del bene comune.

Mi chiedo quanto il sedurre, nascondere, denigrare gli altri, promettere senza mantenere le promesse di diversi politici italiani finisca per essere anche una trappola per pastori e fedeli cattolici. In alcuni momenti particolari, diversi interventi, di pastori e fedeli, hanno fatto pensare a un vero e proprio schierarsi dalla parte dei nuovi Cesari, che hanno poco, o per niente, a che fare con la tradizione autentica del cattolicesimo politico, incarnata da Sturzo, De Gasperi, La Pira, Dossetti, Moro, Martinazzoli, Prodi e via discorrendo.

Per una maggiore comprensione dei populisti contemporanei basterebbe seguire i loro interventi mediatici. Interviste TV, interventi sui Social Network, articoli di giornali, discorsi pubblici, libri molto spesso seguono alcune linee contenutistiche che rappresentano la conferma lampante del loro populismo. Seguendo Eric Voegelin diremmo che i capisaldi di populisti e demagoghi sono in genere i seguenti: 1. l’insoddisfazione per lo statu quo e per tutta la storia precedente; 2. la convinzione che le difficoltà presenti si devono attribuire alla struttura intrinsecamente deficiente di questo mondo, su cui solo altri hanno responsabilità e non chi parla; 3. la convinzione che è possibile salvarsi dal male di questo mondo purché ci si affidi totalmente al nuovo capo; 4. l'emergere, nel processo storico, di un mondo buono da uno cattivo, da realizzare basandosi su promesse vane e nessuna visione strategica; 5. il mutamento dell'ordine del mondo rientra nell'ambito dell'azione umana, specie dei nuovi capi e di un "popolo" generalmente preso, ma mai individuato nelle sue forme istituzionali di rappresentanza; 6. il dovere del politico di cercare le soluzioni per determinare tale mutamento, in genere senza rispetto delle regole costituzionali e delle prassi politiche e istituzionali vigenti. 
Ecco Trump e il suo populismo. Ma ecco altri populisti italiani e stranieri: è quasi un gioco individuarli!

Ai vari populisti nostrani e non, diversi pastori e fedeli cattolici hanno offerto il loro consenso e impegno, spesso in maniera entusiasta. Come diversi altri cittadini italiani, alcuni cattolici, nei confronti dei leader demagogici, mostrano quella che Fromm chiama passione idolatra (1990). Perché è successo tutto ciò? Sembrano emergere due cause principali: la carenza formativa e la ricerca di potere e privilegi economici. Il deficit di formazione politica, cristiana o laica che sia, fa emergere il profondo bisogno di credere in un personaggio che si proponga come onnisciente, potente, capace di proteggere e di prendersi cura del singolo. Mancando oggi forma di discernimento si seguono uomini politici, aventi come comune denominatore l’atteggiamento combattivo, assertivo, narcisistico, rassicurante, decisionista e onnipotente, come se si trattasse di semidei. L’ignoranza sembra essere il terreno su cui cresce questa passione idolatra. Non a caso Milani scrisse sul muro della sua aula: "l'operaio conosce 100 parole, il padrone 1000, per questo è lui il padrone" (Milani 1957:165-248). È la conoscenza, prima di tutto, che ha reso qualcuno padrone e l’operaio spesso subisce proprio perché sa di meno. È l’ignoranza dei cittadini uno degli elementi che fortifica i nuovi leader demagogici. Pochi anni prima Bonhoeffer, a proposito, avrebbe detto che “la potenza dell’uno richiede la stupidità degli altri” (1970).

Ignoranza, mancanza di formazione, assenza di partecipazione ai processi democratici generano le diverse forme di populismo. Nel documento dei vescovi dell’America Latina, riuniti ad Aparecida, si legge con chiarezza: "Prendiamo atto che vari processi elettorali denotano un certo progresso democratico. Tuttavia, guardiamo con preoccupazione il rapido avanzamento di diverse forme di regressione autoritaria per via democratica, che sfociano in alcuni casi in regimi di orientamento neopopulista. Questo conferma che non basta una democrazia puramente formale, fondata sulla trasparenza dei processi elettorali, ma che è necessaria una democrazia partecipativa e sostenuta dalla promozione e dal rispetto dei diritti umani. Una democrazia senza valori, come queste ricordate, si trasforma facilmente in una dittatura e finisce col tradire il popolo" (74).

Ma accanto alla carenza formativa non va trascurato il peso determinante della ricerca del potere e dei vantaggi economici. Diversi pastori e fedeli cattolici non sembrano molto accettare e seguire la linea dettata dal nuovo papa. In tanti suoi interventi Francesco ha ricordato come spesso politici, imprenditori ed ecclesiastici trascurano i loro doveri per “coltivare il potere”. “Sui giornali — ha osservato il vescovo di Roma — noi leggiamo tante volte: è stato portato in tribunale quel politico che si è arricchito magicamente. È stato in tribunale, è stato portato in tribunale quel capo di azienda che magicamente si è arricchito, cioè sfruttando i suoi operai; si parla troppo di un prelato che si è arricchito troppo e ha lasciato il suo dovere pastorale per curare il suo potere”. Dunque, ci sono “i corrotti politici, i corrotti degli affari e i corrotti ecclesiastici”. E ce ne sono “dappertutto” (2014). Niente di nuovo! La storia biblica - sappiamo bene - ha tanti riferimenti a chi abbandona la via di Dio per diventare schiavo del denaro e del potere. Lo ha detto così bene lo psicologo Kets De Vries: “il potere è un grande narcotico: da vita, nutre, ci rende schiavi” (1993).

Per concludere ritengo ancora valido il monito di Eric Voegelin: “Il disordine spirituale del nostro tempo - scrive nel 1959 -, la crisi di civiltà di cui diffusamente si parla, non devono essere affatto considerati come una fatalità ineluttabile, perché ognuno di noi possiede i mezzi idonei a superarla nella propria vita. (...). Nessuno è obbligato a partecipare della crisi spirituale di una società; al contrario, ognuno ha il dovere di evitare questa follia e di vivere nell'ordine la propria vita”. Nonostante i populisti e demagoghi di ogni latitudine.

fonte: Rivista presbyteri, anno 51, maggio 2017

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
direttore
direttore :
26/06/2018 17:40
Un mio amcio mi ha scritto: "Caro Rocco, ho letto il tuo articolo.
L’ho trovato molto interessante e anche “coraggioso” anche per quanto riguarda gli accenni alle deviazioni che si registrano negli uomini di Chiesa.
Giustamente metti in rilievo come il populismo si alimenti per la grave carenza formativa e la ricerca del potere e dei connessi vantaggi economici. Proprio la carenza formativa mi richiama quello che definirei una perversione collettiva del solipsismo ; mi spiego: da una parte una moltitudine di individui autoisolati che comunicano ossessivamente e compulsivamente tra loro (attraverso le moderne tecnologie di comunicazione) senza empatia, senza alcuna interazione affettiva o reciproco adattamento (di qui una elementarizzazione del linguaggio, regredito a segni, immagini ecc.); come si reagisce a tutto questo che è un’autentica trasformazione antropologica? Rianimandosi, come folla, nella partecipazione e nella compartecipazione fisica (gesticolante, urlante; in alcune manifestazioni la massa si muove come un corpo liquido che viene agitato in moto ondulatorio) al raduno, alla partita, all’affollarsi di piazza: una situazione facilmente eccitabile da un astuto conduttore, il leader di turno (in vitro: è quel che avviene allo stato larvale nelle nuove forme di trasmissione televisiva). Anche per questo l’impegno della formazione su cui tu richiami particolarmente l’attenzione si trova oggi a doversi misurare con formidabili ostacoli e difficoltà mai presentatesi in passato. Di qui anche il correlato impoverimento ideativo e linguistico della leadership: questa non ha necessità di una vision, di una ideologia, di orizzonti per animare la folla; il vecchio armamentario è sostituito dallo slogan, dal tweet (siamo molto al di là delle pessimistiche previsioni di Orwell: le pecore della Fattoria degli animali o gli uomini beta di 1984 soggiacevano ad una egemonia di ben altro livello e natura).
Come vedi il tuo articolo mi ha appassionato e te ne ringrazio
Un abbraccio e a presto. G.
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.