Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / PIL o PIF?, di Ernesto Lupis

PIL o PIF?, di Ernesto Lupis

creato da Denj — ultima modifica 17/09/2015 16:29
Per essere felici dunque dobbiamo realmente avere un PIL in crescita?

Millenovecentosettantacinque miliardi, all’incirca, è la stima del debito pubblico Italiano mentre 120,5 % è la stima del rapporto Debito /Pil. Il nostro debito cresce al ritmo di 282 milioni di euro al giorno e ad ognuno di noi tocca un debito pubblico procapite di circa trentaduemila euro. Nonostante rigore ed equità gli indicatori di consenso espressi a livello interno e internazionale convergono su una previsione di caduta del Pil per l'anno in corso che si colloca tra il 2 e il 2,5%, che secondo gli analisti comporterà un ulteriore aumento del rapporto Debito/PIL ed una riduzione del benessere della nazione. Benessere della nazione in quanto nelle università, in televisione, sui giornali ed anche in radio gli economisti associano sempre il benessere e la felicità della nazione al famigerato PIL. I manuali di economia descrivono il PIL come il valore totale dei beni e servizi prodotti in un Paese in un certo intervallo di tempo, e destinati al consumo dell'acquirente finale, agli investimenti ed alle esportazioni. Per essere felici dunque dobbiamo realmente avere un PIL in crescita? E se fosse vero dunque in Italia dovremmo rassegnarci all’infelicità e svegliarci ogni mattina ringraziando il PIL del nostro cattivo umore? In realtà il PIL è un indicatore di benessere impuro in quanto non può misurare le attività ove non vi è senza scambio di moneta. Gli affetti, i sentimenti, il volontariato, lo sport, l’amore non possono essere misurati dal PIL. Secondo il criterio del PIL se uso l’automobile, dunque inquino, spendo del denaro, perdo ore nel traffico, dovrei essere felice perché contribuisco alla crescita del Pil. Se di contro uso la bicicletta che non inquina, non mi fa spendere del denaro, che contribuisce alla mia forma fisica e mi fa risparmiare del tempo, non sto contribuendo alla crescita del PIL. E se dunque l’equazione PIL = BENESSERE= FELICITA’ fosse una regola sempre vera dovrei essere sempre infelice quando il PIL non cresce? Paradossalmente anche morire contribuisce alla crescita del PIL? Ma non credo che la morte sia motivo di felicità per il genere umano. Ed allora forse dovremmo cominciare a parlare di PIF ovvero prodotto interno di felicità e misurare anche la attività non regolate dal denaro per stabilire la FELICITA’ di una nazione. Ma sarà vero? Di certo la cinica economia non ha spazio per il PIF ed allora la mattina quando mi sveglio prima di capire se sono felice o triste mi converrà leggere la pagina di economia.


Ernesto Lupis [redazione CuF]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.