Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Papa Francesco, l’orizzonte del bene e le beghe dei partiti, di Rocco D’Ambrosio

Papa Francesco, l’orizzonte del bene e le beghe dei partiti, di Rocco D’Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/04/2020 17:47
Questa mattina il pontefice durante la messa si è pronunciato sulla politica e il bene comune. L'analisi di Rocco D'Ambrosio, professore ordinario di Filosofia Politica all'Università Gregoriana, su formiche.net...

 

 

C’è una sorta di “magistero quotidiano contro i virus”, che papa Francesco esprime ogni mattina nelle preghiere e nei commenti durante la messa a Santa Marta. Questa mattina si è espresso cosi: “Preghiamo oggi per gli uomini e le donne che hanno vocazione politica: la politica è una forma alta di carità. Per i partiti politici nei diversi Paesi, perché in questo momento di pandemia cerchino insieme il bene del Paese e non il bene del proprio partito”.

Mentre ascoltavo papa Francesco mi è ritornata in mente la frase di Adenauer: “Viviamo sotto il medesimo cielo, ma non abbiamo lo stesso orizzonte”. Il medesimo cielo, – o la “stessa barca”, come il papa ha ripetuto spesso in questi giorni – è la crisi che viviamo, sotto tutti si suoi punti di vista: sanitario, sociale, politico, istituzionale, economico; nessuno escluso. L’orizzonte è quello del senso, del significato, dei principi etici costituzionali da rafforzare o da riscoprire. Richiamare, come ha fatto il papa, il grande orizzonte etico del bene comune non è un esercizio retorico, ma è il voler riferirsi a un principio cardine che include solidarietà, opzione preferenziale per gli ultimi, accoglienza, equa distribuzione delle risorse, giustizia, condizioni di sviluppo e cosi via. Esso è un principio guida che riguarda tutti: politici e cittadini, responsabili di istituzioni e membri di esse.

Al bene comune si oppone una visione ristretta del bene, diremmo di “bottega”, individualista e utilitarista: ciò vale per un Paese, un organismo internazionale – si pensi all’Europa o alle Nazioni Unite – ma anche per famiglie, gruppi, aziende ecc. Non a caso ritroviamo nell’enciclica Laudato si’ la precisazione: “L’uomo e la donna del mondo postmoderno corrono il rischio permanente di diventare profondamente individualisti, e molti problemi sociali attuali sono da porre in relazione con la ricerca egoistica della soddisfazione immediata, con le crisi dei legami familiari e sociali, con le difficoltà a riconoscere l’altro”. In questa ricerca egoista, credo, vada inserito anche il “bene del partito”, che, spesso, è fatto di consenso immediato e populista. Ogni forma di ricerca egoistica, personale o di gruppo che sia, è uno dei grandi distruttori di bene comune. Il problema, allora, è far crescere una coscienza personale e collettiva che sappia superare la “bottega” e aprirsi agli altri, al mondo. Continuo a pensare che non ci aiuta il parlare di alcune categorie come di “eroi”. Gli eroi sono quello che compiono atti straordinari, cosi eccezionali da essere presentati come fuori dal quotidiano, non alla portata di tutti. Lavorare per il bene comune, invece, è un opera, un dovere per tutti e in ogni momento, nelle emergenze come nella normalità.

Certo l’attuale crisi ci mostra come quanto più si è in emergenza, tanto più si nota, in tutti, la dedizione interiore e le capacità nel costruire il bene comune. Certamente dedizione e capacità non ci evitano di sbagliare. Errori ne sono stati commessi, ovunque, vista anche la novità e la difficoltà della crisi in sé. Ritengo che gli errori più gravi riguardano l’IO di qualche politico che pur di apparire, carpire consensi, sfruttare rabbia e malcontento è capace di dire tutto e il contrario di tutto a distanza di giorni o ore. Vale per i politici ciò che vale per i medici: per essere politici responsabili ci vuole competenza e coscienza. Alcuni le hanno perse entrambi, o non le hanno mai avute a sufficienza.

Infine, non possiamo dimenticare che c’è un diretto rapporto tra scelte politiche e salute e bene dei singoli e dei gruppi. Mai come in un momento di crisi chi governa deve dare il meglio di sé, umanamente, eticamente e tecnicamente. Diceva De Gasperi, a un congresso della Dc, nel ’45: “Bisogna presentarsi dinanzi agli avvenimenti esterni ed interni con l’umiltà di riconoscere che essi superano la nostra misura… Per risolvere i problemi vi sono vari metodi: quello della forza, quello dell’intrigo, quello dell’onestà… Sono un uomo che ha l’ambizione di essere onesto. Quel poco d’intelligenza che ho la metto al servizio della verità” e del bene di tutti.

fonte: https://formiche.net/2020/04/papa-francesco-partiti-politica/ 

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.