Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Morte di un precario, di Emanuele Carrieri

Morte di un precario, di Emanuele Carrieri

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 16:46
Di fatto qui non si tratta più del fallimento di un singolo che taglia la corda per vigliaccheria, qui si tratta del fallimento di uno Stato, di un modo di governare e di fare politica, è il fallimento di un sistema culturale ed economico che, molto spesso, premia i marpioni e cancella le tutele, le fatiche e i sacrifici di tanti lavoratori.

 

Fra poche settimane, avrebbe dovuto prendere parte a una esposizione con una sua opera. Carmine Cerbera, precario napoletano di cinquanta anni, venerdì della scorsa settimana, è morto dissanguato. Si è reciso di netto carotide e giugulare. Superfluo aggiungere che i soccorsi non sono valsi a nulla, la moglie ha forzato la serratura del bagno dove si era rinchiuso, ma non ha potuto bloccare la devastante fuoriuscita di sangue. Carmine lascia moglie e due figlie. A cinquanta anni si sentiva sconfitto, impotente, con ogni probabilità inadeguato per questa società. E si è arreso.

Carmine era un insegnante precario di storia dell’arte, nessuna cattedra e nessun lavoro quest’anno. Ma aveva appena conseguito la seconda laurea. Era il 22 ottobre quando scriveva sul web: “Oggi dovrei essere gioioso perché ho conseguito la seconda laurea, ma sono triste perché il ministro Profumo ci sta distruggendo il futuro … Siamo precari a vita, ammettendo di essere fortunati …”.

La sua è una storia paragonabile a quella di tanti altri: imprenditori, lavoratori autonomi, operai che hanno preferito scomparire in silenzio e togliere il fastidio. Qualcuno ha definito questi suicidi “omicidi di Stato” e il precariato “reato di Stato”.

Di fatto qui non si tratta più del fallimento di un singolo che taglia la corda per vigliaccheria, qui si tratta del fallimento di uno Stato, di un modo di governare e di fare politica, è il fallimento di un sistema culturale ed economico che, molto spesso, premia i marpioni e cancella le tutele, le fatiche e i sacrifici di tanti lavoratori.

Probabilmente è arrivato il momento di pensare e formulare un sistema meno irragionevole e insopportabile. Eppure il primo articolo della Costituzione recita: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. E ancora altri articoli che parlano di diritto al lavoro, di dignità, che rimandano alla possibilità, anzi al diritto e al dovere, per ogni cittadino italiano, di sentirsi parte integrante della società, parte di un meccanismo che dovrebbe permettere una crescita personale e collettiva. La domanda che nasce spontanea, però, è se questi articoli facciano ancora oggi parte della nostra Costituzione o siano stati, nel frattempo, aboliti a nostra insaputa.

Il processo di disconoscimento sociale del lavoro è giunto ormai a un punto da compromettere la dignità della vita della maggioranza delle persone, l’identità collettiva si dissolve e, senza identità, anche quella individuale diventa più fragile. Il lavoro è diventato mercanzia da comprare al minor prezzo possibile e i lavoratori sono diventati quasi senza corpo, fisico e psicologico. E in questo contesto si colloca il fenomeno della precarietà, in cui le persone vengono riconsegnate alla loro solitudine individuale. Certo è che quello che sta avvenendo nel nostro Paese, in spregio totale a qualsiasi dinamica democratica, è il disconoscimento del disagio, dell’avvilimento e della prostrazione vissuta da intere categorie di lavoratori, messe alla porta da quella che, fino a poco tempo fa, appariva come la loro area di lavoro stabile e sicuro. C’è chi per vergogna, per disillusione, forse anche per timore, non riesce a sopportare quella che sembra essere diventata una feroce condanna. Il fallimento di Carmine non è una vicenda che riguarda lui, la moglie, le due figlie e nemmeno soltanto questo governo, anche se davvero poco è stato fatto nell’ultimo anno per risolvere il problema.

È il fallimento, completo e totale, di venti anni di esecutivi e di politici che hanno lasciato che il nodo dei precari divenisse sempre più aggrovigliato fino ad arrivare a oggi, con generazioni intere di persone travolte, estromesse da un percorso professionale a dispetto di studi, specializzazioni, corsi destinati ad assegnare punteggi, ma, soprattutto, a riempire le tasche di chi ha fiutato l’affare.

Nessuno faccia finta di meravigliarsi, perciò, se una mattina un uomo con moglie e due figlie, una seconda laurea appena conseguita a cinquanta anni e un sistema che gli sta sbattendo in faccia tutte le porte, decide di rinchiudersi in bagno e di tagliarsi la gola.

Fonte: "Nuovo Dialogo" n. 32 del 9 novembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.