Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Medjugorie: verità o superstizione? di Giuseppe Capano

Medjugorie: verità o superstizione? di Giuseppe Capano

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 29/07/2018 11:47
Una riflessione, frutto di un reportage, sull'autenticità delle apparizioni di Medjugorie...

 

 

Mi rendo conto della portata provocatoria del titolo di questa mia breve riflessione; prima di iniziare mi sembra doveroso dirvi che questa mia riflessione non sarà il solito articolo su questioni scientifiche relative a questo luogo,  dove si presume che la madonna sia apparsa nel lontano 1981, ma vuole essere una fotografia delle mie visite svolte negli anni, dal 2013 al 2016, che mi hanno portato a percepire molte perplessità sull’aspetto genuino di questo sperduto luogo della Bosnia che, con il passare degli anni ha acquisito una maggiore visibilità, favorendo una fiorente economia codifica dal sorgere di nuove attività commerciali, soprattutto italiane. Pertanto voglio proporvi una sintesi di alcune pagine tratte dal mio diario di bordo, che mi ha accompagnato fedelmente in questi tre viaggi.

25 giugno 2013=  La prima cosa che mi balzò subito davanti agli occhi fu il moltiplicarsi di messe sulla nave dove, ogni sacerdote adottava una liturgia propria non seguendo quella canonica che di solito siamo abituati a celebrare. Il secondo aspetto che suscitò in me molta curiosità, fu quello inerente al “diavolo”. Si, proprio lui; mi accorsi sin da subito che questo tema avrebbe avuto una centralità notevole ed erano proprio gli stessi sacerdoti ad esaltare quest’aspetto, quasi volendo sostituirlo a Dio.

26 giugno 2103= Mi recai al fatidico “santuario” (chiesa di S. Giacomo), dove vidi migliaia di persone in fila per confessarsi, la cosa devo ammettere mi fece sussultare il cuore, mai avevo visto tutte queste persone che cercavano la riconciliazione con Dio. Apparentemente molte persone escono trasformate, alla detta di molte si parla di conversioni simili a quella di S. Agostino; ovviamente andrebbe analizzato il vero senso della conversione e che cosa voglia dire; ma su questa cosa non sono competente. L’unica cosa che vorrei sottolineare, è l’atteggiamento di alcune persone che dopo essere tornate dal viaggio, decidono di abbandonare le proprie comunità di origine affermando che:” nessuna chiesa, nessuna messa potrà mai rispecchiare la bellezza è la sacralità di Medjugorje”.

27 giugno 2013= Come pellegrino mi misi in cammino sul monte Podbrdo (monte piccolo), dove la veggente Mirjana ogni due del mese riceve (secondo lei) le apparizioni della “Regina della Pace”. Un monte caratteristico, sinceramente molto suggestivo, dove si prega continuamente il S.Rosario fin quando non si arriva in cima , dove i sei ragazzi hanno ricevuto la prima apparizione.

28-29   giugno 2013 = Seguii una massa di “fedeli” entusiasta che mi indicarono due avvenimenti prodigiosi. Il primo evento “prodigioso” riguarda una croce che è posta dietro la chiesa di S. Giacomo dove molte persone vedono il volto di Padre Pio. Sinceramente non ho visto nulla, però, bisogna ammettere purtroppo che la gente si lascia manipolare con estrema facilità, facendosi contagiare da questa atmosfera miracolosa. Il secondo presunto evento prodigioso riguarda la statua del Cristo risorto posta in un altro luogo comunicabile ugualmente con la chiesa di S. Giacomo. Anche qui migliaia di persone gridano al “miracolo”, motivazione? Un presunto liquido che fuoriesce da una delle due gambe. Molti studiosi hanno analizzato questo liquido e hanno affermato che non c’è nulla di straordinario, per il semplice motivo che la statua è sottoposta agli agenti atmosferici, ma la gente continua comunque a chiamarlo “olio miracoloso”.

1-2 luglio 2013 = Ecco il giorno tanto atteso, dove la veggente Mirjana ebbe la presunta apparizione. Premetto che i preparativi per questo grande evento iniziano come consuetudine dalla sera del 1 luglio, molte persone infatti si accampano sulla collina del Podbrdo per assistere più da vicino a questo fatidico evento. Per tutta la notte si prega  il S. Rosario e fin qui niente di male, il problema inizia a sorgere alle prime luci dell’alba, dove molti sacerdoti iniziarono a scacciare migliaia di demoni. La gente impaurita, alzava le mani invocando Dio ed è qui che il caos più totale regna sovrano. Verso le 8.30 arriva Mirjana scortata da una catena di persone, in quanto molti fedeli tentano di toccarla. Inginocchiatasi, inizia a pregare. Verso le 9.00 innalza gli occhi al cielo ed ecco che  inizia la sua presunta estasi, contemporaneamente si iniziarono a sentire grida disumane di presunti indemoniati, e i sacerdoti cominciano a moltiplicarsi, cercando di placare gli animi di queste persone.. All’improvviso Mirjana si fa il segno della croce e parte un caloroso applauso.

Le mie considerazioni forse contano poco o nulla ma, vorrei sottolineare la ripetizione dei messaggi che non contengono nulla di nuovo anzi, se facessimo un confronto con i precedenti messaggi ci si accorgerebbe che sono ripetitivi, gergalmente possiamo dire che sia  un semplice copia- incolla. La seconda cosa che mi ha molto insospettito è stata l’esaltazione quasi spasmodica di Maria, vi chiederete il perché? Semplicemente le persone non vanno a messa; Maria ci insegna che il centro è Cristo presente nella S. messa, che si fa carne nell’Eucarestia, ecco questo a Medjugorje non  avviene, Cristo è un postulato dell’evento prodigioso ed i veggenti non fanno nulla per sovvertire la rotta.

3 luglio 2013 = Mi reco alla casa della veggente Vicka, qui vedo sacerdoti imbambolati davanti alla santità di questa donna. Anche lei ha quotidianamente le apparizioni verso le ore 19.00 come se “la madonna fosse una postina”, come ha precisato Papa Francesco. Ma, la cosa che mi ha lasciato più sconcertato è stata nel veder sacerdoti che si lasciavano imporre le mani da questa donna. Anche qui non riesco a darvi un analisi chiara, perché per me è tutto così strano.

Negli altri viaggi che ho svolto non è cambiato nulla, ho notato un crescente aumento degli hotel e anche gli stessi veggenti possiedono strutture moderne che hanno la funzionalità di hotel. In ultima analisi vorrei sottoporvi un ultima data che ha chiarito in me quella che è l’idea su Medjugorje, ed è il 27 maggio 2016. Questa volta mi reco nel sontuoso hotel della veggente Marija. Un albergo che non ha nulla da invidiare a qualsiasi struttura balneare, se non per il fatto che nell’auditorium appare anche qui la vergine. Qui il mio sconcerto cresce e mi domando fra me e me: “ come può la Vergine santa apparire in un hotel lussuoso? Insomma la storia ci insegna che Maria è apparsa a povere persone e soprattutto in luoghi ben definiti, qui la situazione è opposta paradossalmente; qui è Maria che va nelle case e negli alberghi dei veggenti.

Questa è stata la mia esperienza in questi 3 viaggi, ci sarebbe ancora tanto da dire ma non vorrei dilungarmi troppo. Di cose strane ne ho viste tante come ho visto anche tante conversioni (anche se quest’aspetto va definito), pertanto credo che l’unica soluzione è aspettare il parere del Santo Padre, perché l’importante per un fedele (almeno credo) non è cercare segni o foto dove si vede la madonna ma, riscoprire la bellezza di essere figli di Dio, peccatori ma nello stesso tempo chiamati alla santità.

[Giuseppe Capano, giovane universitario, Candela, Foggia]

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.