Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La solidarietà a breve o lungo termine, di Rocco D'Ambrosio

La solidarietà a breve o lungo termine, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 04/06/2019 08:48
Il caso dei cittadini di Avetrana, che soccorrono i profughi sbarcati, è molto bello e ci invita riflettere sul nostro modello di solidarietà, in tempi non sempre luminosi...

 

Sono molto belle le immagini di Avetrana: tutto il paese si mobilita per dare da mangiare ai 70 migranti sbarcati all'alba; amministrazione comunale, cittadini e commercianti forniscono pasti caldi e abiti. Sono belle perché non sono solo l’orgoglio di una Città o Regione, ma sono l’orgoglio di un Paese, che in Europa è diventato molto noto per razzismo e individualismo di gruppo. Ma l’Italia  non è solo porti chiusi e migranti perseguitati. Molti fatti dimostrano che l’Italia è anche accoglienza, solidarietà, generosità. In una parola: umanità. Quell’umanità che vien prima di tutti i distinguo politici, economici, penali, culturali. Quell’umanità che diversi hanno perso; non importa se ministri della Repubblica, pastori cattolici, docenti, educatori, genitori, anziani o giovani, semplici cittadini.

 A pensarci bene non c’è niente di eroico o straordinario nel soccorrere dei profughi; come non c’è niente di eccezionale nel fatto che il vicesindaco Scarciglia e il consigliere (di opposizione) Micelli abbiano organizzato la prima accoglienza. Dovrebbe essere tutto normale. Tuttavia non lo è perché il nostro Paese, culturalmente e politicamente, non è più normale da parecchio. Allora il gesto emerge e si connota addirittura come segno in controtendenza. Ma è bene che la sua eccezionalità resti tale per poco, pochissimo tempo e la nostra terra pugliese, il nostro Paese riprendano la normalità della solidarietà, nascosta e quotidiana. 

Ogni volta che si fotografa la solidarietà italiana ci si ritrova con dei dati che graficamente, si direbbe, sono a “macchia di leopardo”. Le macchie oscure, nere sono il frutto di una cultura gretta, razzista, spesso fascista, oppure sono la conseguenza del dominio del pensiero unico liberista che riduce tutti e tutto a mercato, consumi e interessi materiali. Le macchie bianche sono Avetrana dell’altro giorno, il volontariato, le ONG, le varie associazioni, le Caritas locali e tanto altro: quantitativamente piccolo, ma qualitativamente notevole. 

Quella delle mobilitazioni cittadine, diversamente dal lavoro dei volontari abituali, è una solidarietà generosa, di origine cristiana, ma spesso solo istintiva e poco educata. Spesso sembra che si esprima per lo più nell’emergenza (calamità naturali, profughi), mentre fa sempre più fatica a resistere nel mondo del lavoro, nei sindacati, nelle comunità religiose, nei rapporti informali. Qui si sente di più la crisi e le macchie di leopardo diventano facilmente nere. Molto sospetto e borghesismo segna questi mondi: poca solidarietà e parecchia chiusura. Ma perché resiste la solidarietà da “pronto soccorso”?

Un tentativo di risposta potrebbe essere il fatto che le emergenze offrono itinerari di solidarietà meno retorici, più concreti e fattivi, immediati e gratificanti. Infatti il mondo dei volontari, laici o cristiani che siano, rappresenta non la maggioranza della nostra popolazione, ma una minoranza qualificata e tenace. Le loro convinzioni e le loro attività, dall’ambiente socio-sanitario alle emergenze come il terremoto o l’arrivo di stranieri sulle coste, sono la loro forza. E di fatto essi sono gli eredi del solidarismo. Il resto della società italiana tout court, è forse molto più chiusa e egoista di quello che sembra, anche qui a Sud.

 Tutto ciò ci riporta a sottolineare con forza come il valore della solidarietà vada alimentato continuamente con processi formativi seri, in tutte le agenzie educative. Ciò non è una pia raccomandazione ma un obbligo etico e costituzionale, cristiano per chi ci crede: la nostra Carta Costituzionaleparla, infatti, di “dovere inderogabile di solidarietà politica, economica e sociale” (art. 2) e impegna tutti a tutelare «la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti” (art. 32). A chi sbarca non si sbattono sul muso rosari o spianano fucili. Si tendono le mani per accogliere e proteggere. Lo esige l’umanità, lo richiede la Costituzione, lo fa la gente di cuore grande e di mente sana del nostro Paese.

Rocco D'Ambrosio

fonte Repubblica Bari del 4 maggio 2019, p. 8.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.