Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La Primavera di Antonio Vivaldi, di Franco Ferrara

La Primavera di Antonio Vivaldi, di Franco Ferrara

creato da D. — ultima modifica 22/09/2015 11:42
Da quando la Redazione di CUF ha deciso di dedicare il Numero 88 (fruibile online nella sezione "leggendo il giornale") alla primavera, ho cercato di trovare l’equilibrio del tempo primavera con la musica e il nome di Antonio Vivaldi (1678-1761) è balzato subito in evidenza. La primavera di Vivaldi appartiene...

Da quando la Redazione di CUF ha deciso di dedicare il Numero 88 alla primavera, ho cercato di trovare l’equilibrio  del tempo primavera con la musica e il nome di Antonio Vivaldi (1678-1761) è balzato subito in evidenza. La primavera di Vivaldi appartiene alla raccolta denominata: “Il cimento dell’armonia e dell’invenzione” composta da 12 concerti, 4 di questi sono dedicati alle stagioni. Il musicista, che ha insegnato musica all’Istituto delle “putte”, ha innalzato nel regno dell’arte la miseria umana con la speranza del riscatto. Questi concerti ispirati all’avvicendarsi delle stagioni sono  collegati tra di loro da un disegno unitario e sono diventati un capolavoro unico e autonomo. Non notiamo alcun segno di mestizia e di compassione. La struttura musicale non riproduce né imita la natura. Si tratta di una genesi di nuova architettura musicale che ha un proprio senso e una propria autonomia artistica. In sostanza, lo spunto naturalistico non indulge alla mera descrizione, ma si ispira ad essa per elevarsi ad autentica poesia e per risolversi in altissima musica. Noi che ascoltiamo i 4 concerti ci soffermiamo ai 3 tempi della Primavera: Primo tempo – Allegro, Tempestoso poi ritorno di allegria. Secondo tempo: Largo. Terzo tempo – Allegro. Abbiamo imparato dopo diversi ascolti, le meraviglie del primo tempo: un allegro scattante, vigoroso, che evoca la festa del risveglio della natura a primavera. L’orchestra  che attacca con tutti gli archi sembra un vibrare di voci festanti, il fresco mormorare delle acque , persino i lampi e i tuoni di un rapido temporale vengono messi a tacere. Il secondo tempo è un largo che dona un senso di pace. Il terzo  chiude con il ritorno all’Allegro  intona una danza pastorale. Vivaldi attinge dal mondo neo-classico greco, rievocato nella cultura del secolo XVII per  la sua semplicità e per dare il proprio decisivo contributo al nuovo mondo che emerge.  Così come la natura  riposata durante l’invernoper riprende  slancio a primavera. In tal modo l’arte settecentesca contribuisce alla definizione del nuovo umanesimo preannunciato da Erasmo da Rotterdam.Anche ai nostri giorni i movimenti di riscatto dai domini oligarchici è la primavera ad ispirare i popoli a liberarsi da ataviche dittature. Il Mediterraneo ci consegna nuove primavere, purtroppo  accompagnate dal peso delle di vite umane spezzate: le “maledette primavere La musica è l’interprete universale che ha accompagnato i nostri passi dando voce a speranze e a rivelare i malesseri dell’esistenza. Come nel secolo dei lumi, il contributo dei grandi musicisti è stato quello di ripensare e fondare la musica, non imitando più la natura, hanno fatto emergere le dimensioni del’umanesimo, allo stato attuale alla musica viene richiesto di scoprire nuove forme musicali che non siano rumore ma concerto per sostenere i popoli per il riscatto atteso, sperato, ricercato, pregato, senza ricorrere a forme di violenza che svuoterebbero di significato il sacrificio delle vittime.

Franco Ferrara

[Presidente Centro Studi Erasmo, redattore

CUF, Gioia del Colle]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.