Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La Primavera di Antonio Vivaldi, di Franco Ferrara

La Primavera di Antonio Vivaldi, di Franco Ferrara

creato da D. — ultima modifica 22/09/2015 11:42
Da quando la Redazione di CUF ha deciso di dedicare il Numero 88 (fruibile online nella sezione "leggendo il giornale") alla primavera, ho cercato di trovare l’equilibrio del tempo primavera con la musica e il nome di Antonio Vivaldi (1678-1761) è balzato subito in evidenza. La primavera di Vivaldi appartiene...

Da quando la Redazione di CUF ha deciso di dedicare il Numero 88 alla primavera, ho cercato di trovare l’equilibrio  del tempo primavera con la musica e il nome di Antonio Vivaldi (1678-1761) è balzato subito in evidenza. La primavera di Vivaldi appartiene alla raccolta denominata: “Il cimento dell’armonia e dell’invenzione” composta da 12 concerti, 4 di questi sono dedicati alle stagioni. Il musicista, che ha insegnato musica all’Istituto delle “putte”, ha innalzato nel regno dell’arte la miseria umana con la speranza del riscatto. Questi concerti ispirati all’avvicendarsi delle stagioni sono  collegati tra di loro da un disegno unitario e sono diventati un capolavoro unico e autonomo. Non notiamo alcun segno di mestizia e di compassione. La struttura musicale non riproduce né imita la natura. Si tratta di una genesi di nuova architettura musicale che ha un proprio senso e una propria autonomia artistica. In sostanza, lo spunto naturalistico non indulge alla mera descrizione, ma si ispira ad essa per elevarsi ad autentica poesia e per risolversi in altissima musica. Noi che ascoltiamo i 4 concerti ci soffermiamo ai 3 tempi della Primavera: Primo tempo – Allegro, Tempestoso poi ritorno di allegria. Secondo tempo: Largo. Terzo tempo – Allegro. Abbiamo imparato dopo diversi ascolti, le meraviglie del primo tempo: un allegro scattante, vigoroso, che evoca la festa del risveglio della natura a primavera. L’orchestra  che attacca con tutti gli archi sembra un vibrare di voci festanti, il fresco mormorare delle acque , persino i lampi e i tuoni di un rapido temporale vengono messi a tacere. Il secondo tempo è un largo che dona un senso di pace. Il terzo  chiude con il ritorno all’Allegro  intona una danza pastorale. Vivaldi attinge dal mondo neo-classico greco, rievocato nella cultura del secolo XVII per  la sua semplicità e per dare il proprio decisivo contributo al nuovo mondo che emerge.  Così come la natura  riposata durante l’invernoper riprende  slancio a primavera. In tal modo l’arte settecentesca contribuisce alla definizione del nuovo umanesimo preannunciato da Erasmo da Rotterdam.Anche ai nostri giorni i movimenti di riscatto dai domini oligarchici è la primavera ad ispirare i popoli a liberarsi da ataviche dittature. Il Mediterraneo ci consegna nuove primavere, purtroppo  accompagnate dal peso delle di vite umane spezzate: le “maledette primavere La musica è l’interprete universale che ha accompagnato i nostri passi dando voce a speranze e a rivelare i malesseri dell’esistenza. Come nel secolo dei lumi, il contributo dei grandi musicisti è stato quello di ripensare e fondare la musica, non imitando più la natura, hanno fatto emergere le dimensioni del’umanesimo, allo stato attuale alla musica viene richiesto di scoprire nuove forme musicali che non siano rumore ma concerto per sostenere i popoli per il riscatto atteso, sperato, ricercato, pregato, senza ricorrere a forme di violenza che svuoterebbero di significato il sacrificio delle vittime.

Franco Ferrara

[Presidente Centro Studi Erasmo, redattore

CUF, Gioia del Colle]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.