Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La politica e i padreterni, di Rocco D'Ambrosio

La politica e i padreterni, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 02/11/2019 07:54
A margine di uno scandalo locale, un intervento, su Repubblica-Bari, del nostro direttore su politica, disciplina e onore di chi ci governa...

 

Sono stato molto colpito da un passaggio di una intercettazione, sulle ultime vicende regionali, riportata ieri: "Alla Regione hanno appaltato il servizio di contabilità, Emiliano ci ha detto "preparate dieci nominativi"... Per cui, vai a fare l'impiegato, con la clausola sociale che si è dipendenti della Regione. Il padre eterno ti vuole bene a te... ". Ci mancava pure questo: la presunta benedizione divina per un affare che tanto pulito non sembrerebbe (con tutte le cautele e i distinguo del momento, a indagini in corso). Eppure la frase merita un’attenzione particolare. La politica ha sempre bisogno di un padreterno che le faccia da guida: se tutto va bene, la sovranità popolare, la legge, la fede cristiana e/o la Costituzione oppure, se tutto va male, il denaro, il consenso, l’io autoreferenziale, le mafie o le combriccole corrotte. 

E non ci sono solo le presunte divinità politiche; ci sono i relativi adoratori: coloro che si inginocchiano per chiedere grazie (genitori, amici, galoppini elettorali), ci sono coloro che aiutano il sistema corrotto, nelle istituzioni pubbliche e nelle aziende private, c’è una cultura diffusa illegale che, come humus, aiuta il cattivo sistema. E non ci sono divinità senza adoratori, di tutti i tipi, che alimentano questo tipo di potere .

Tutto ciò genera persone che credono di essere al di sopra di tutto e di tutti: coscienza, Padreterno (quello vero), Costituzione, leggi, sovranità popolare, cittadini e cosi via. Si sentono e agiscono come divinità imbattibili. Se non fossero pericolosi e dannosi, a dir poco, sarebbero solo ridicoli. 

I Padri Costituenti insegnano (art. 54) che fa tra i doveri dei cittadini comuni e quelli che spettano ai pubblici funzionari è evidente una differenza: i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e rispettare le leggi. Ai pubblici funzionari non basta: rispettare le leggi ed essere fedeli è già insito nel loro status di cittadini. A loro è richiesto qualcosa in più: adempiere le funzioni con “disciplina ed onore”. La disciplina è un livello più alto di un semplice rispetto delle leggi, equivale a dire “rispetto rigoroso” e richiama addirittura il concetto di “obbedienza”, qualcosa di più profondo della semplice osservanza. E il giuramento, richiesto, richiama a una sacralità della funzione, che purtroppo si è persa, esattamente come si è perso qualsiasi riferimento a quell’altro valore, che l’art. 54 richiama: l’onore. 

Si tratta di passaggi logici semplici e lineari. Non occorre essere giuristi e costituzionalisti per comprendere che non essere “fedeli alla Repubblica”, non “osservare la Costituzione e le leggi”, non “adempierle con disciplina ed onore”, non assicurare “il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione” (art. 97) si traduce nel tradimento del più fondamentale principio democratico, quello dell’uguaglianza. E, dunque, un Paese che non assicura il buon andamento dell’amministrazione e non pratica l’imparzialità è un Paese ancor lontano dall’essere veramente democratico. Nelle parole di Gherardo Colombo: “Il danno più grave causato da Tangentopoli credo risieda nel continuo stravolgimento delle regole, nel tradimento della loro funzione, nell’affermarsi di una cultura fondata sul privilegio, sulla sopraffazione. E che quindi ostacola l’attuazione della democrazia”.

 fonte: la Repubblica-Bari, del 2.11.2019, p. 3

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.