Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La persona nella Costituzione, di Angela Rinaldi

La persona nella Costituzione, di Angela Rinaldi

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/06/2016 23:31
Per prepararci al referendum (e al nostro Politica in Weekend) pubblichiamo un articolo di riflessione su alcuni aspetti etici della nostra Carta Costituzionale...

 

Nel contesto attuale in cui si discute quotidianamente - o quasi - sulla riforma costituzionale su cui il popolo italiano sarà chiamato a esprimersi è sicuramente utile riflettere su alcuni spunti etici che la nostra Costituzione ci offre.

I principi fondamentali - soprattutto nei primi tre articoli - fanno emergere immediatamente tre elementi centrali dell’intera struttura costituzionale: la democrazia, il lavoro e l’uguaglianza. Essi trovano la loro sintesi nel principio personalista sul quale i padri costituenti hanno edificato quel non facile compromesso, tra fazioni politiche diverse se non opposte, grazie al quale la Costituzione ha potuto essere approvata e adottata.

“L’Italia è una Repubblica democratica […]” (art.1). In quanto tale la democrazia è la forma di potere che sostiene al meglio la centralità della persona umana e del cittadino. In uno Stato democratico - secondo Giorgio La Pira - tutti i cittadini non solo partecipano alla vita politica dello Stato, ma sono membri di una comunità plurale, formata da tante realtà di pari dignità e ugualmente rappresentate. La struttura pluralista risulta da una pluralità coordinata di organismi con struttura, fini, autonomia e diritto propri (1945:214). Uno Stato democratico implica la sovranità dei cittadini secondo tre criteri: l’irrinunciabilità alla sovranità, la proprietà della sovranità secondo quanto afferma la Costituzione e il possesso della sovranità per diritto naturale.

La Repubblica è fondata sul lavoro. Esso, afferma ancora La Pira, è un principio cristiano che in senso ampio costituisce lo status civitatis (1945:232), che definisce la comunità politica. Infatti, grazie alla possibilità di svolgere un lavoro che ama e per il quale è propriamente formata, la persona può procedere verso lo sviluppo e la piena realizzazione di sé: su questo si costruiscono le basi per una democrazia effettivamente attenta alla persona.

Ai fini della stesura della Costituzione, per tutte queste ragioni si è preferito decretare il fondamento della Repubblica sul lavoro, nonostante fosse stata proposta una versione diversa del primo articolo: “L’Italia è una Repubblica democratica dei lavoratori”. In questo caso sarebbe emersa una concezione classista della società italiana che esulava dall’atmosfera di compromesso tra le parti che ha reso unica la nostra Carta Costituzionale.

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge” (art.3). Questo articolo espone il principio dell’uguaglianza di tipo formale e sostanziale. Formalmente tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, sostanzialmente viene rifiutata ogni distinzione sulla base dei tratti che contraddistinguono la persona umana in quanto tale - il sesso, la razza, la lingua - e per le sue scelte - la religione, le opinioni politiche, le condizioni personali e sociali. Sulla base di ciò sorgono, negli articoli successivi, i principi relativi alle pari opportunità in ambito politico, l’uguaglianza tra coniugi, la parità dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, l’uguaglianza degli elettori e quindi del voto, il diritto indiscriminato di tutti di manifestare liberamente il proprio pensiero.

Ognuno di questi principi fa capo e trova il suo fondamento nel principio personalista. Tutta la Costituzione fa riferimento alla persona umana.

A questo riguardo è possibile fare una sintesi: i padri costituenti si trovano d’accordo sul fatto che la Repubblica riconosce di avere i compiti di educazione e tutela della persona in quanto tale e di ciò che la riguarda, soprattutto con riferimento alla vita pubblica che essa va a edificare.

La persona è tale perché lavorando si occupa del proprio sostentamento e svolge un servizio alla comunità, dunque al pieno sviluppo di sé e della società in cui vive. La persona è cittadina: essa è legata agli altri in funzione dell’appartenenza a un dato territorio e a una data comunità statale e, quindi, è rappresentata politicamente. Grazie a questa rappresentanza la persona-cittadino ha la possibilità di partecipare attivamente, mediante il voto e altre forme di partecipazione politica e sociale, alla vita del proprio Paese in funzione del pieno sviluppo della comunità politica e del bene comune.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociali e sono uguali davanti alla legge; hanno il diritto di lavorare, di riunirsi pacificamente, di associarsi, di professare la propria religione; godono dei diritti civili, sociali e politici; devono rispettare dei doveri che riguardano la vita nella società: lo Stato, la solidarietà, la pace sociale, la tutela dell’ordine. Dunque, abbandonano lo stato di natura per uno status di cittadini che spinge a tutelare l’ambiente sociale, la vita, il benessere, lo sviluppo proprio e degli altri.

Per tali fini la persona deve poter essere educata, formata e tutelata in quanto cittadina e sovrana.

Dunque, secondo i padri costituenti, e quindi secondo la Costituzione, l’ente superiore è la persona: su di essa si fondano le basi dello Stato, che regola e tutela la vita delle persone, senza le quali esso stesso non avrebbe ragione di esistere. Secondo La Pira vi sono due principi ben integrati: “la società e lo Stato per la persona e non la persona per la società e lo Stato” e “la persona è subordinata al vero bene comune sociale e politico che è sempre, in ultima analisi, il bene integrale della persona” (La Pira 1945:213).

Conoscere di più e meglio la nostra Costituzione potrebbe essere di aiuto per tornare a riflettere sulla centralità della persona e riscoprire che siamo direttamente responsabili - e quindi chiamati a impegnarci - del pieno sviluppo del nostro Paese.

 

[dottoressa in Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, studentessa PUG, Civita, Roma]

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.