Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La nuova sfida, di Emanuele Carrieri

La nuova sfida, di Emanuele Carrieri

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 13:22
Il n. 79 di Cercasi un Fine sul tema Cultura e Società per ragioni di spazio, non ha potuto ospitare il seguente contributo. Siamo lieti di proporlo in prima pagina sul nostro sito web.

 

Un tempo la cultura si legava alle arti, al ceto colto, nell’epoca attuale, quando si parla di cultura, non si intende, invece, obbligatoriamente la cultura somma.

Può essere cultura anche un banale manufatto che rinvia a un preciso periodo storico e sociale, in cui è stato pensato, costruito, adoperato. Nel nostro tempo, è evidente un allargamento del concetto di cultura, l’insistenza sul fatto che ogni cultura ha una sua storia e una sua dignità e che va accettata su un piano paritario con quelle tradizionalmente più consolidate. Non più cultura intesa esclusivamente come arte, diritto, letteratura o filosofia, ma anche come vita quotidiana; ed è a partire da questa nuova angolazione che si è avuta una riconsiderazione, accanto alle culture fondate sulla scrittura, delle culture basate, invece, sull’oralità.

Si è capito che il mondo non è contenuto nelle frontiere dell’Occidente e comprenderlo vuol dire conoscere costumi e abitudini, abilità diverse. Ma una cosa è saperlo intellettualmente, altro è mettersi in movimento in base a questa convinzione, renderla viva, operante.

La cultura non è connaturata: la si apprende con l’educazione, attraverso l’esempio e con l’esperienza. Ci si adatta, in genere, alle richieste della società in cui si vive: si apprende la lingua, le abilità fondamentali, i modelli di comportamento, i segni, i simboli, i significati condivisi.

Crescendo all’interno di una cultura, si tende facilmente ad assolutizzare quanto appreso, a immaginare che i modelli culturali, i simboli e i valori propri siano normali e che non lo siano quelli di altri. E, in effetti, il confronto internazionale che deriva dai processi di globalizzazione e dalle migrazioni non è certo semplice: facilmente si nutrono preconcetti, si interiorizzano stereotipi negativi riguardo alle altre culture, che, a loro volta, possono ripagare della stessa moneta, generalizzando in modo indebito.

Ma se è vero che esistono differenze, è anche vero che possono esistere assonanze, analogie e che vivere in un mondo in cui esistono più culture può essere più stimolante che non vivere in un contesto monoculturale, sempre che si sia disponibili al confronto, che non ci si arrocchi preventivamente sulla pretesa di un inesistente primato o di una supposta superiorità culturale, che si sia disponibili a mettere in dubbio la posizione etnocentrica che ha caratterizzato larga parte del nostro passato.

Riconoscere che le culture sono tante, che hanno svolto una certa funzione, che deve essere riconosciuta loro dignità, diritto all’esistenza, non è facile. È vero che esistono, ancora oggi, culture egemoniche e culture subalterne. Ma perché? Perché il potere è ancora oggi e forse oggi più che mai, una merce rara, nelle mani di pochi. Chi non ha in mano le leve economiche del potere è escluso dalla fruizione di certi beni culturali, di certi modi di vita, viene spinto ai margini della storia: ma non si tratta di un dato naturale; le cause sono politiche e sociali.

Siamo in un contesto in cui vivono insieme diverse culture, alcune, millenarie, come quelle indiana o cinese, che in Italia sono poco conosciute e non si comprende che conoscere diverse culture, avere occasioni di confronto equivale ad avere maggiori occasioni di arricchimento, di crescita. Si cerca di respingere le culture altre, come ci fosse da difendere una supposta, monolitica e incerta cultura italiana: ma non siamo noi tutti il derivato di complesse vicende storiche e geografiche che hanno portato sul nostro territorio genti di paesi lontani e diversi, fin dall’epoca preromana?

La sfida di oggi consiste proprio nel sapere aprirsi al confronto con altre culture, dando vita a realtà sociali più ricche, in grado di valorizzare e trasmettere valori, modelli, capacità, abilità alle nuove generazioni.

[lavoratore dello Stato, redazione Cuf, Taranto]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.