Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La Chiesa di papa Francesco, di Luigi Mariano

La Chiesa di papa Francesco, di Luigi Mariano

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 01/06/2016 08:06
Una riflessione a margine del nuovo libro del nostro direttore Rocco D'Ambrosio: Francesco e la sfida della riforma ecclesiale...

 

Il libro “Ce la farà Francesco? La sfida della riforma ecclesiale” che Rocco D' Ambrosio ha pubblicato per le edizioni La Meridiana è un testo provocatorio già dal titolo. Accettando la sua provocazione sulla fattibilità della sfida bergogliana, proverò a fare alcune riflessioni.

La chiesa è divina ed umana. È di Dio ma affidata a persone.

Francesco vuole rinvigorire la dimensione spirituale del Popolo di Dio,andando ad attingere alle fonti del Vangelo e del Vaticano II. Il primato della scelta religiosa è l'essenza del suo pontificato.  Il filosofo D'Ambrosio evidenzia la “prospettiva dal basso” scelta come metodo dal papa sulle orme di Bonhoeffer. La chiesa delle beatitudini, del vangelo, della carità, delle periferie, dei poveri...è preferita alla chiesa dei privilegi, del diritto canonico, del potere, della centralità dogmatica e della ricchezza.

E per questo che papa Francesco deve affrontare una molteplicità di elementi negativi di un organismo troppo mondano, che il sociologo D'Ambrosio analizza usando il metodo da lui già affrontato in un precedente lavoro “Come pensano e agiscono le istituzioni”, quando devono perseguire il principio di sussistenza. In questo contesto gli argomenti delle battaglie dell'attuale pontefice possono essere suddivise in tre categorie: per tre volte no alle tre I.

No all' Istituzione: il suo modello ecclesiale è di com-unione, condivisione, sinodalità. Lo stile è francescano; il ruolo è di servizio maieutico ( “Chi sono io per giudicare?” è un paradigma bergogliano). All'esterno la chiesa è un “ospedale da campo” per l'umanità ferita.

No all' Ideologia:  il vangelo è amore, carità, dialogo; come è ben descritto nel manifesto pastorale del suo pontificato “Evangelii gaudium”. Rifiuto dello scontro di civiltà, delle battaglie politiche fondate sui “valori non negoziabili”.

No all' Idolatria: la condanna decisa ai due mali della chiesa, denaro e potere, sono il fondamento dell'impegno di Francesco a purificare una “chiesa sporca” (come l' aveva descritta Benedetto XVI prima di passargli il testimone): beni materiali, risorse finanziarie spesso illecite, benefici e privilegi statali.  Un terzo elemento viene aggiunto: la corruzione, spesso citata anche nei riguardi della politica e definita causa di ingiustizie prodotte da “strutture di peccato” (cfr. Giovanni Paolo II), da riconvertire in strutture di sviluppo umano integrale. Corruzione interna che riguarda la Curia Romana (forte il monito durante gli auguri natalizi 2015).

Gli avversari di Francesco hanno finora usato due strategie: la personalizzazione del conflitto (il papa non è adeguato, sta screditando l'istituzione ecclesiale) e l'etichettatura (ad esempio il papa è comunista perchè il modello economico a cui pensa è all'opposto del neoliberalismo). Tutto ciò per evitare la discussione sugli argomenti proposti capaci di provocare il cambiamento e il miglioramento della Chiesa. Per usare un suo modello linguistico “il vangelo è superiore al dogma”, “ l'uomo è superiore al sabato”.

In questa dialettica troviamo da un lato con Francesco il Segretario di Stato Card. Paroline e il C8 (consiglieri del papa per la riforma del governo della chiesa, presieduto dal Card. Maradiaga). Dall'altro lato il vecchio modello istituzionale del Vaticano (APSA, IOR) e di una parte della CEI ancora ruiniana.

L'autore prova a fare un bilancio, con due chiavi di lettura, di questi primi tre anni di pontificato. La prima è quella teologica dove si evidenzia la gioia nel vedere riprendere con determinazione la strada ben delineata da Giovanni XXIII: la primavera ecclesiale del Concilio (come amava ricordare  don Loris Capovilla): una chiesa pastorale e non dogmatica.

Il tema della Misericordia è centrale ed è la scommessa del Giubileo. Bergoglio riparte da Roncalli.

Notevole è la rivoluzione della figura del pontefice, in un'ottica di servizio. Ma questo è la cosa più facile, gli è naturale e deve rispondere solo alla sua volontà. Lascerà il segno!

L'altra lettura è sociologica e qui D'Ambrosio è realista e meno ottimista. Le forti resistenze della Curia Romana, della banca IOR, in Italia di una CEI bicefala, dei poteri forti collusi con la chiesa mondana. Basti pensare alla guerra all'interno dello IOR dove il vecchio modello di “lavatrice di danaro sporco” vorrebbe proseguire la sua attività, con ricavi ed utili per i gestori; mentre il papa

ne vuole fare una banca di servizi essenziali alle funzioni primarie, con trasparenza nei bilanci.

Ma una lettura sociologica di questo processo riformatore deve anche includere le molteplici risposte positive: chiese e conferenze episcopali di mondi lontani da Roma, tanti pastori e laici di buona volontà che ritrovano entusiasmo e forza per annunciare la Buona Notizia. Ma soprattutto è dall'esterno della chiesa cattolica che arrivano significativi apprezzamenti: ammirazione da parte di non credenti(i dialoghi con E. Scalfari, la frase finale di Marco Pannella “Francesco ti voglio bene”).

Il riconoscimento globale di autorità morale, unica e autorevole, in questo periodo storico critico.

Sui temi sociali (ad es. l'immigrazione e politiche inclusive :“Ponti e non muri”); ecologici (la cura della casa comune contro la distruzione del pianeta); ecumenici (il dialogo con i fratelli cristiani, gli ebrei, i musulmani proprio nel periodo più drammatico per l'attacco dell'Isis all' Occidente); nelle relazioni internazionali (in cui la Santa Sede è stata promotrice di accordi di pace tra Stati e popoli, un caso per tutti il disgelo tra  Stati Uniti e Cuba).

L'elenco delle cose buone è lungo e fa ben sperare nel superamento delle negatività che tutt'oggi continuano a sussistere soprattutto come criticità all'interno del Vaticano, seppur il pontefice abbia fatto compiere notevoli passi avanti all'organizzazione dell'istituzione ecclesiale.

Si può citare il metodo del sinodo dei vescovi a due tempi(per un miglior discernimento) nel discutere tematiche importanti sulla famiglia. Con il papa che era in mezzo a loro, che solo dopo ha raccolto le proposte, le ha rielaborate e incluse nella esortazione apostolica.

Don Rocco scrive che il papa gesuita usa gli strumenti di lavoro ignaziani: fede, pazienza, saggezza, tenacia e prudenza in ogni suo passo. E a pag. 54 cita una frase del pontefice riferita al suo rapporto con il Signore: “Eso a mì me da fuerza, solo Dios sabe”.

Mi piace concludere associando lo stile di Francesco al titolo di un bel libro di Arturo Paoli che nella sua esperienza latinoamericana di piccolo fratello incontrò Bergoglio nella sua terra argentina:
“Camminando s'apre cammino”.

 

[docente della PUG, Roma]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Paolo Iacovelli
Paolo Iacovelli :
03/06/2016 11:03
Pur non avendo letto il libro, trovo ottima la sintesi del prof. Mariano e mi complimento con il caro don Rocco su questo altro nuova opera su Papa Francesco . Nice job.
Paolo
direttore
direttore :
05/06/2016 09:35
Grazie Paolo! A presto... anche la tua lettura, cosl arricchiamo il dibattito. Bless you
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.