Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / La carità sopra le regole, di Maurizio Tarantino

La carità sopra le regole, di Maurizio Tarantino

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 28/04/2020 09:57
Sulla Nota CEI sulle messe interviene un parroco...

 

Non voglio fomentare polemiche inutili. Non lo so se sia giusto o no che ancora venga proibita la celebrazione dell’eucaristia con la gente. Non ho gli strumenti scientifici-tecnici per poter dare giudizi. Chi ha il compito di guardare globalmente la situazione (la Cei e il Governo) certamente hanno a disposizione criteri di giudizio che a me (a noi) sfuggono. 

Tre osservazioni, però,  le voglio condividere:
1. Non ci servono in questo momento (non servono alla Chiesa e non servono alla società civile) “crociati” né coloro che organizzano “crociate”.

2. Mi rammarica molto il fatto che il Presidente del Consiglio non abbia sentito l’esigenza di dire una parola sull’impegno del mondo del volontariato (laico e cattolico) in tutta questa emergenza.

3. Mi lascia perplesso l’ultima espressione del comunicato della Cei (“dovrebbe essere chiaro che l’impegno al servizio dei poveri, così significativo in questa emergenza nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”) non tanto per quello che significa da un punto di vista teologico-ecclesiale (sono un povero prete di campagna e non faccio alta teologia), ma perché potrebbe insinuare l’idea che si sia usato il servizio ai poveri come moneta di contrattazione. Ritengo che si sia trattato di una svista comunicativa, forse, dettata dalla fretta di dare immediatamente una risposta alla conferenza stampa del Presidente Conte. Se fosse così mi permetto di suggerire una rettifica per non ingenerare confusione nel popolo di Dio e in coloro che con generosità, nelle nostre Caritas diocesane, si stanno mettendo al servizio degli altri.

Quando ho letto la prima volta il comunicato della Cei dopo la conferenza stampa di Conte, mi sono tornate alla mente le parole di quel gigante della Carità che è san Vincenzo de Paoli:

“Il servizio dei poveri deve essere preferito a tutto. Non ci devono essere ritardi. Se nell'ora dell'orazione avete da portare una medicina o un soccorso a un povero, andatevi tranquillamente.
Offrite a Dio la vostra azione, unendovi l'intenzione dell'orazione. Non dovete preoccuparvi e credere di aver mancato, se per il servizio dei poveri avete lasciato l'orazione. Non è lasciare Dio, quando si lascia Dio per Iddio, ossia un'opera di Dio per farne un'altra. Se lasciate l'orazione per assistere un povero, sappiate che far questo è servire Dio. La carità è superiore a tutte le regole, e tutto deve riferirsi ad essa. E` una grande signora: bisogna fare ciò che comanda”.

[parroco, direttore Caritas, Otranto, Lecce]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.