Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / L’Europa, non i populisti, di Rocco D'Ambrosio

L’Europa, non i populisti, di Rocco D'Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 13:17
Editoriale del giornale n. 89 di Cercasi un Fine sull'Europa. Numero dedicato a Altiero Spinelli (1907-1986), politico, europarlamentare, testimone di crescita, democrazia e unità tra i popoli.

E' una vecchia storia: andiamo a votare alle elezioni europee troppo concentrati sulla situazione italiana.
Purtroppo ai populismi anti Europa di Bossi e Berlusconi si sono aggiunti quelli di Grillo e compagni. Ennesimo segno di un popolo democraticamente immaturo e di una classe politica miope e ripiegata su di sé, in affari e malaffari.

Dell’Europa, nel sentire comune, finora, sono passate poche cose. Sull’Europa siamo sostanzialmente ignoranti e il primo populista che arriva attrae e seduce i più ignoranti.
Esempio:
Lega e M5S maledicono l’euro, ritenuto responsabile del carovita e dimenticano volutamente che il caro-euro è responsabilità del precedente governo Berlusconi, con le sue disastrose politiche economiche e con il non aver ordinato i controlli necessari, nel passaggio dalla lira all’euro, per contenere gli abusi, come è stato fatto altrove. 
Ma l’Europa è ben di più dei populismi. 
Ma questo a Lega e M5S non interessa.
Persino Renzi indugia
al populismo sull’Europa: ora per lui le prossime elezioni sembrano essere semplicemente un test elettorale.

L’Europa è altro, grazie a Dio. Speriamo che i populismi non ce lo facciano dimenticare del tutto. È il sacrificio di tanti fondatori, uomini e donne di diverse culture e religioni, che hanno creduto in una casa comune.

È lo sforzo di rinvigorire radici comuni, religiose e non, per assicurare pace, prosperità e sicurezza a tanti popoli. È volontà di conoscere, dialogare, camminare insieme e considerare la diversità come arricchimento. È guardare al mondo intero non per dominarlo, ma per aiutarlo ad essere sempre più casa per tutti, specie per gli ultimi e i poveri.

Scriveva Altiero Spinelli: nella battaglia per l’unità europea è stata ed è tuttora necessaria una “concentrazione di pensiero e di volontà per cogliere le occasioni favorevoli quando si presentano, per affrontare le disfatte quando arrivano, per decidere di continuare quando è necessario".

L’Europa è qualcosa che ci interessa da vicino, più di quello che le corte vedute burocratiche o il teatrino politico nazionale ci fanno credere.

Ci sta a cuore che i nostri giovani imparino l’inglese e le altre lingue, che viaggino, studino e lavorino sempre più all’estero, non per abbandonare l’Italia, ma per ritornarci e contribuire seriamente al suo sviluppo.

L’Europa è una risorsa per tutti, anche per il nostro sud. Non aiutano lo scontro di civiltà, le crociate per le radici cristiane, l’alzare muri e barriere, specie verso coloro che vengono dal sud del mondo.
E per fare
tutto ciò abbiamo sempre più di riflettere su quanto la vita sociale, politica e culturale europea appartenga a tutti gli uomini e donne che vivono in Europa, provenienti da etnie, fedi religiose e culture, diverse tra loro, ma che nella Costituzione europea possono e devono ritrovarsi, facendo derivare, da questi, le risposte alle tante emergenze attuali.

Così si esprimeva Altiero Spinelli, in un discorso al parlamento europeo nel 1983: "Avete tutti letto il romanzo di Hemingway in cui si parla di un vecchio pescatore che, dopo aver pescato il pesce più grosso della sua vita, tenta di portarlo a riva. Ma i pescicani a poco a poco lo divorano, e quando egli arriva in porto gli rimane la lisca.

Quando voterà fra qualche minuto, il Parlamento avrà catturato il pesce più grosso della sua vita, ma dovrà portarlo fino a riva, perché ci saranno sempre degli squali che cercheranno di divorarlo. Tentiamo di non rientrare in porto con soltanto una lisca”.

di Rocco D’Ambrosio

 

Numero dedicato a 
Altiero Spinelli (1907-1986), politico, europarlamentare, 
testimone di crescita, democrazia e unità tra i popoli

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.