Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il ritorno delle scuole di formazione politica, di Agnese Moro

Il ritorno delle scuole di formazione politica, di Agnese Moro

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 09/01/2017 08:51
Un intervento di Agnese Moro, pubblicato dal quotidiano La Stampa, sul tema della formazione politica e le scuole di Cercasi un fine

 

Il referendum sulla Costituzione ha dato la possibilità di vedere una faccia dell’Italia che sembrava scomparsa, quella del piacere della partecipazione politica. Si è vista nella voglia di informarsi, di conoscere i temi in campo con la presenza di tanti agli eventi informativi organizzati in vista della consultazione, ma soprattutto nell’alta affluenza al voto, mossa non solo dal bisogno di mostrare un dissenso, ma anche - o soprattutto? - dalla voglia di esserci e di contare.

Forse non dovrebbe sorprendere. In questi anni di crisi dei partiti e delle organizzazioni politiche tante persone hanno cercato di formarsi o di formare alla passione per la democrazia e per l’impegno civile, grazie a organizzazioni che perseguono queste finalità. Tra queste c’è Cercasi un fine www.cercasiunfine.it/ che è contemporaneamente un periodico, un’associazione e una rete di scuole di formazione politica, animate da docenti competenti, che offrono gratuitamente la loro opera. Si rivolge a donne e uomini di diverse culture e religioni, "accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella". Dal 2002 hanno attivato più di 30 scuole in altrettante città della Puglia (prevalentemente), della Campania e del Lazio.

Sono percorsi impegnativi. Ci sono corsi triennali sui fondamenti dell’impegno sociale e politico; su territorio, autonomie locali, organizzazioni sociali, partecipazione attiva dei cittadini e promozione della solidarietà e della giustizia; su globalizzazione e impegno per globalizzare la dignità umana e la solidarietà. Ci sono anche corsi biennali (24 sessioni), annuali (12 sessioni su un tema specifico) e cicli di conferenze.

Ho chiesto a don Rocco D’Ambrosio, animatore dell’esperienza, di darmi qualche dato: “In alcuni casi -  mi dice - le scuole sono state attive ininterrottamente dalla loro fondazione, come Andria e Minervino; in altri casi si sono attivate per due o tre anni e poi basta. Se dovessi fare una media direi che nei periodi migliori abbiamo avuto 4 o 500 corsisti all’anno, negli anni di magra 2 o 300. Il tipo di persone che partecipa ai corsi è molto vario: per lo più si tratta di giovani o giovani adulti; la fascia più presente è quella tra i 20 e i 40 anni. Per quanto riguarda il livello di istruzione ci sono sia diplomati che universitari o laureati. C’è anche una minoranza di non diplomati, di operai o di disoccupati”.

 

fonte: La Stampa del 18 dicembre 2016

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.