Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il referendum: senza o con la fede? di Leonardo Resta

Il referendum: senza o con la fede? di Leonardo Resta

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 12:57
Alcune riflessioni sugli aspetti di fede inerenti al prossimo referendum costituzionale...

 

Vorrei esprimere qualche riflessione non tanto sull'argomento quanto sulle vicende che incrociano le vite dei fedeli, in prossimità del referendum costituzionale. Innanzitutto non ci si può meravigliare che esistano "cristiani" per il sì e "cristiani" per il no. E' stato così fin dall'inizio, quando si scontravano cristianesimi plurali, come li chiama Ehrmann, sin dentro le comunità. Essendo la nostra religione basata su una fede evenemenziale e sull'anomia non ci si può meravigliare di posizioni diverse. Perciò ci sono " cristiani" che hanno deciso di abbassare il livello critico e di affidarsi all'"uomo solo al comando". Nel secolo scorso gli "ufficiali" (ovvero quelli che nelle alte sfere si preoccupano sempre della posizione ufficiale) hanno sempre preferito rivolgersi ad un solo interlocutore certo, lo chiamavano "uomo della Provvidenza", ne hanno individuato più di uno e questi grandi benemeriti non sono finiti bene (il che vuol dire che non tutte le benedizioni hanno effetto). Del resto anche quel simpaticone di Aristotele, nel bel mezzo dell'abile ragionamento della sua Politica, guardando al suo pupillo Alessandro, se ne esce con l'espressione: "ma se sorge un uomo che sembra simile a un Dio...", dichiarazione vistosamente al di fuori della logica del trattato. Sarebbe interessante rileggere quanto scrive Machiavelli nei suoi Discorsi: qualora per la corruzione delle leggi, una parte politica o "un giovine nobile" tendesse a prevaricare nella repubblica non è consigliabile osteggiarli perché questo ne può aumentare il potere, ma occorre temporeggiare e cercare di togliere loro i mezzi per la  conquista.  Ora se la corruzione della costituzione è pericolosa, il referendum è una buona occasione per togliere loro i mezzi. Molti pensano che la modernità necessiti di decisioni immediate e ardite, perché la globalizzazione bla bla bla. Se qualcuno si ricorda la ingenuità dei "cristiani" di qualche anno fa che speravano di "globalizzare i diritti/solidarietà" deve ben capire che si è globalizzata solo la finanza. Questo è quanto denuncia Francesco nella Laudato sii. Molti sono corsi a esaltarlo, ma moltissimi oggi hanno derubricato quell'enciclica a un bel libro di poesie magari da tirar fuori oggi sulla spiaggia. I "cristiani" che da 20 anni hanno sostenuto quello che dice Francesco sono stati isolati e neutralizzati nelle comunità ecclesiali.

Sempre per via della fede evenemenziale, altri " cristiani" scelgono la via più difficile del confronto democratico, ingegnandosi a proporre un impegno che rischia di slittare tra le persone rozze che intorno a noi pensano che non valga la pena. Sempre il Machiavelli ci ricorda che "la moltitudine è più saggia del principe" e che tutto sommato vale la pena imbarcarsi in una sfida in cui si percorre una strada di uomini liberi, anche di fronte alla peggiore informazione distorta.

Sempre come soggetti contrassegnati dall'anomia, non solo ci si divide su campi diversi, ma poi ci si accapiglia sul tema: chi parla a nome di chi? Come fanno i " cristiani" a parlare in nome dei " cristiani"? Se ci riuniamo come " cristiani" per il no, vogliamo dire che parliamo in nome della Chiesa o che vogliamo influenzare gli altri " cristiani"? Come ci si permette di contrastare l'altro che é per il sì?

Sublime! Degno del massimo conformismo corinziano! Ha fatto molto bene qualcuno a spiegare che il riunirsi per dibattere per discutere sul referendum deve servire a favorire un dibattito anche tra cattolici. Ma anche questa dichiarazione rischia di essere letta come un understatment, come la riunione di soggetti che non sono capaci di portare avanti un confronto da posizioni alte, non subalterni agli "ufficiali", dimenticando che nella chiesa i non-ufficiali sono i veri esperti delle cose del secolo e che tutto sommato ci sono dei Christifideles che hanno letto la Laudato sii come un trattato di pastorale non come un libro di poesie.

 

[docente universitario, Bari]

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.