Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il presidente Mattarella incontra i rappresentanti del Forum di Etica Civile

Il presidente Mattarella incontra i rappresentanti del Forum di Etica Civile

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 16/03/2017 11:22
La delegazione era composta da Don Lorenzo Celi, Fondazione Lanza, p. Giacomo Costa SJ e p. Giuseppe Riggio SJ, di Aggiornamenti Sociali, Nicoletta Purpura, direttrice Istituto Arrupe, don Rocco D’Ambrosio, presidente Associazione Cercasi un fine, Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV, Piero Tani, presidente Associazione Incontri...

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale una delegazione dei promotori del secondo Forum nazionale di Etica civile, in programma a Milano l'1-2 aprile.

A nome degli 8 soggetti promotori del Forum è intervenuto anzitutto padre Giacomo Costa, direttore di Aggiornamenti Sociali, per presentare al Presidente Mattarella il senso del progetto del Forum di Etica civile: «Alla base dell'iniziativa vi è la constatazione che in Italia non mancano esperienze, riflessioni e buone pratiche, che hanno un’indubbia dimensione civica ed etica e sono l’espressione concreta dei valori a fondamento del nostro vivere insieme. Ma quanta consapevolezza ne abbiamo a livello collettivo? E come queste iniziative concorrono a costruire una casa comune? Il Forum si propone di aiutare a realizzare il passaggio da una ricchezza frammentata di buone pratiche all’elaborazione di prospettive condivise, da realizzare insieme».

Padre Costa ha poi illustrato la riflessione che ha originato il titolo scelto per il Forum: «L’orizzonte civile invita a ripensare la cittadinanza non solo nel suo riferimento politico, ma anche in dialogo con le religioni; da qui un’esigenza educativa che tocca l’intreccio di economia e ambiente, così come la dimensione della comunicazione. In questa prospettiva si comprende appieno il titolo: “Etica civile: cittadinanza… ed oltre?”».

Don Lorenzo Celi, presidente della Fondazione Lanza di Padova, ha illustrato il percorso in cui si inserisce il Forum dell'1-2 aprile, ricordando la prima edizione, svoltasi nel 2013 su iniziativa della sola Fondazione Lanza: «Abbiamo scelto di portare avanti la riflessione sull’Etica civile insieme ad altri soggetti, piuttosto che procedere in maniera autonoma, perché crediamo nel valore aggiunto costituito dalla collaborazione».

Infine, Nicoletta Purpura (direttrice dell'Istituto Arrupe di Palermo) ha presentato al presidente della Repubblica il programma del Forum di Milano (Auditorium San Fedele, Via Hoepli 3/b), due giorni «pensati per favorire il coinvolgimento più ampio possibile di quanti sono interessati e per valorizzare i contributi ricevuti. La sintesi del percorso fatto a partire dalla call for paper (120 adesioni e 90 paper ricevuti) e dai 4 seminari sul territorio nazionale (a cui hanno partecipato circa 500 persone) sarà il punto di avvio del Forum, perché quanto fin qui elaborato non vada smarrito. Sarà poi dato spazio agli interlocutori che abbiamo invitato per arricchire il dibattito con punti di vista internazionali (il cardinale Peter A. Turkson, la politologa Cristina De La Cruz di Bilbao), della società civile (l'ex magistrato Gherardo Colombo e Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli), del mondo imprenditoriale (Valter Bresso) e accademico (il filosofo Antonio Autiero). Il confronto tra i partecipanti sarà largamente favorito negli ampi spazi in assemblea e nei gruppi di lavoro, e amplificato poi dalla diretta streaming».

A completare il programma del Forum, sabato sera, sarà la prima nazionale dello spettacolo di teatro civile "Blue revolution. L'economia ai tempi dell'usa e getta", nuova produzione dell'associazione Pop Economix, da un'idea di Nadia Lambiase, Alberto Pagliarino e Paolo Piacenza.

Nel rispondere ai delegati, il Presidente Mattarella ha mostrato di apprezzare in modo particolare alcuni punti della proposta del Forum di Etica civile: l’importanza di ritrovare le ragioni etiche dello stare insieme; il tentativo di far incontrare segmenti di società che di solito agiscono in maniera separata; lo sforzo di andare oltre i compartimenti stagni per vivere quella circolarità senza la quale non si crea comunità. Il Presidente ha incoraggiato i promotori a dare sostanza a questo percorso affinché possa orientare e indirizzare verso la crescita di un impegno comune e condiviso. Per Mattarella le realtà positive non sempre affiorano nella comunicazione, però producono tessuto civile. Ci sono tante esperienze di persone che lavorano per migliorare la vita altrui. Farlo percepire ha anche una importante valenza educativa, soprattutto nei confronti dei giovani. .

***

La delegazione era composta da Don Lorenzo Celi, Presidente della Fondazione Lanza, p. Giacomo Costa SJ e p. Giuseppe Riggio SJ, rispettivamente Direttore e Caporedattore di Aggiornamenti Sociali, Nicoletta Purpura, direttrice Istituto Arrupe, don Rocco D’Ambrosio, presidente Associazione Cercasi un fine, Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV-Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario, Piero Tani, presidente Associazione Incontri, (assenti all'incontro, ma tra i promotori del Forum, la rivista Il Regno di Bologna e il Centro Studi Bruno Longo di Torino).

 

Scarica le immagini dell'incontro

Scarica il programma completo del Forum di Etica civile

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.