Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il presepe, forma di annuncio urbano, di Matteo Losapio

Il presepe, forma di annuncio urbano, di Matteo Losapio

creato da Matteo L. ultima modifica 02/01/2020 12:50
La tradizione del presepe può essere ripensata nel nostro contesto plurale e urbano?

In questi giorni mi sono fermato molte volte a guardare il presepe. Una delle maggiori tradizioni, in perfetto stile Made in Italy, è proprio l’allestimento, attraverso statuette, case, strade, laghi, della nascita di Gesù. Anche papa Francesco ci ha ricordato, proprio prima del Natale, di continuare questa tradizione del presepe nelle case. Eppure, a mio modesto parere, non abbiamo ancora capito fino in fondo lo spessore di questa tradizione, la sua forza prorompente di annuncio e di denuncia.

Se guardiamo attentamente il presepe, infatti, ci accorgiamo che, seppur nelle diverse scuole e nelle diverse forme, ciò che viene allestita è una città. Case, strade, oggetti d’uso quotidiano, lavori, lampioni, luci che si accendono e si spengono per simulare il giorno e la notte. Tante e tante piccole accortezze per rendere l’immagine di una città, dove tutti sono indaffarati, dove tutti hanno qualcosa a che fare, dove nessuno è senza far nulla, a parte il classico dormiente. Se provassimo a chiudere gli occhi e ad immaginare cosa stesse accadendo all’interno del presepe, ascolteremmo voci, suoni, rumori, risa, sghignazzi e grida. Mentre da una parte, nel silenzio e nell’indifferenza di tutti, ecco che nasce Gesù. In un luogo che, per quanto centrale possa essere nella mappatura del presepe, rimane sempre e comunque un luogo ai margini. L’attenzione di tutti i personaggi del presepe, infatti, non è rivolta verso questo evento che, per noi cristiani, caratterizza il centro fondante di tutta la storia. Eppure il centro del presepe non è Gesù, ed è questo, in realtà, il grande scandalo del presepe. Perché l’evento centrale della nostra salvezza non viene vissuto da tutti allo stesso modo, anzi, la maggior parte delle persone sembra guardare a questo evento con una certa dose di indifferenza, tutti presi dalle loro faccende, tutti persi all’interno della città.

Se a tutto questo aggiungiamo, poi, il racconto evangelico della nascita di Gesù, ci accorgiamo che Maria è costretta a partorire in una stalla, la quale, per quanto possiamo addolcirla, rimane sempre e comunque un luogo in cui nessuna donna avrebbe partorito, in cui nessuno di noi avrebbe permesso che nascesse il Salvatore. Mentre Gesù è nato proprio così, nell’indifferenza più assoluta di una città che aveva da fare, di una città fatta di abitanti che non si accorgono della storia che li passa accanto perché troppo impegnati, troppo schiacciati dalle loro cose da fare. Inoltre, se al racconto evangelico della nascita di Gesù aggiungiamo che, nelle case di Betlemme, all’epoca della nascita di Gesù, la stalla era una grotta dove riposavano gli animali ed era considerata la zona più marginale della casa stessa, la zona non vivibile, allora comprendiamo come Gesù non nasca in una umanità esaltata ma in una umanità marginale, in una zona marginale, mentre tutto il mondo continua a girare.

Il presepe, allora, è il simbolo di una città che continua a vivere della propria produzione quotidiana, che non si accorge di ciò che realmente sta avvenendo. Solo i poveri sono coloro che si accorgono della realtà e, guarda caso, sono sempre i poveri pastori che vivono fuori dalla città e che, dalla città stessa, vengono giudicati come pericolosi sia perché nomadi sia perché con i loro greggi rovinavano i campi. Il presepe, allora, non è la condanna della città per il suo immoralismo, per la sua indifferenza, anzi. Il presepe denuncia e annuncia i luoghi da cui ripartire, da cui annunciare la Bella Notizia all’interno delle città. Infatti, la città di Betlemme diviene il simbolo di tutte le città plurali, di tutte le città in cui la fede non è più assimilata come societas christiana, ma vive e si sviluppa in contesti di dialogo e di confronto. Insomma, il presepe ci annuncia una fede che vive di spiritualità, di creatività, di impegno nuovo con altre persone che non hanno il nostro stesso credo, perché Gesù stesso è nato in un contesto marginale, in un contesto plurale, in un contesto anche ostile, insomma, in un contesto urbano. Dove la fede corre e respira aria nuova, una nuova spiritualità, non più inchiodata a sterili oscurantismi tradizionalisti.

[studente di teologia, redattore CuF, socio, Bisceglie, Bari]

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.