Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il parlamento che ci meritiamo, di Rocco D'Ambrosio

Il parlamento che ci meritiamo, di Rocco D'Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 29/09/2015 12:11
Iniziamo, da questo numero, a presentare l'editoriale del cartaceo in distribuzione. Vuole essere un invito a leggere l'intero numero, richiedendolo alla redazione... buona lettura e discussione!

 

Sembra un’opera quasi impossibile capire oggi la politica italiana, e partendo dal parlamento! Siamo andati a votare con un’ignobile legge elettorale: non abbiamo scelto parlamentari ma solo presunti leader che hanno assegnato seggi, spesso con criteri molto discutibili. Non ci resta che sperare (attivamente) in una nuova legge elettorale.

Intanto abbiamo un parlamento (di cui cerchiamo in questo numero
di fare una fotografia): legittimo, con diverse novità e molto vecchiume, sia di volti che di logiche.

Nella cultura popolare italiana esiste un detto molto diffuso: ogni popolo ha il governo che si merita. Lo stesso dicasi per il parlamento; la nefandezza della legge elettorale non diminuisce il valore dell’affermazione. Liberando, comunque, l’affermazione da qualsiasi connotato fatalistico e moralistico, resta in essa un nocciolo di verità.

Gli elettori proiettano molto sul partito e/o i leader che votano. Molto non vuol dire tutto, comunque proiettano.

Esiste, quindi, una continuità tra la qualità etica e tecnica degli elettori e quella degli eletti, lo stesso dicasi degli aspetti negativi. Ecco giustificato il detto: ogni popolo ha il governo che si merita.

La linea di continuità, comunque, non va vista come un sicuro automatismo: le eccezioni ci sono e ci saranno sempre. Il parlamento italiano non è l’Italia, ma ben la rappresenta, l’esprime. Si tratterebbe, allora, di ripercorrere tutti i motivi antropologici ed etici, i risvolti formativi per capire come sono gli italiani oggi e, di conseguenza, come è questo parlamento.
In particolare monitorare il grado di formazione e maturità
personale ed etica quanto la loro consapevolezza civica e politica.

Declinando meglio il famoso detto, si può dire che ogni popolo più
che avere il governo che si merita, ha il governo che favorisce, determina, approva, desidera, ritiene più simile a sé oppure quello che
fa scegliere ad altri.

Scrive Quaglino riguardo alla vita delle organizzazioni quanto si può applicare anche al rapporto tra cittadini e classe politica: “I motivi si inseguono e si riproducono configurando ambiguità e ambivalenze, collusioni e resistenze, proiezioni e identificazioni, negazioni e razionalizzazioni.

I motivi costituiscono altrettante scene di vita organizzativa, alimentano copioni, sostengono personaggi, definiscono protagonisti e comparse”.

Per dirla in soldoni: non solo ci sono leader (per lo più a destra) che si servono di questo Paese per i propri interessi, loschi e non. Ci sono anche tantissimi italiani che li adottano come modelli umani e politici. Non solo: ci sono leader (per lo più a sinistra) che fanno finta di essere per la buona politica, ma intanto spartiscono, in maniera subdola e consociativa, con i precedenti.
E, anche per loro, ci sono tantissimi italiani che li adottano come modelli umani e politici.

Poi ci sono i M5S ossia la nuova versione del puritanesimo politico. Ci vorrebbe tempo per dimostrare come, alla fine, consapevoli o no, i M5S fanno il gioco della cattiva politica.

Tutto questo non per dire che i parlamentari eletti sono tutti uguali. Anzi. Ci sono persone mature, oneste e competenti in tutti e tre i settori individuati.

Ci auguriamo che si affermino sempre più, obbedendo solamente alla propria coscienza e al mandato popolare.
Come ha ben testimoniano Oscar Luigi Scalfaro.

Il discorso precedente, in sintesi, vuol solo ridire con forza che la
crisi in Italia è prima di tutto culturale e morale, poi, come conseguenza,
politica. Non è solo il parlamento limitato o malato o corrotto; lo sono prima di tutto molti italiani.
Di là dobbiamo iniziare.

È quanto ricordava Charles Peguy: “la rivoluzione sociale, o sarà
morale, o non sarà”.

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.