Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il papa e alcuni oppositori, di Alejandro De Marzo

Il papa e alcuni oppositori, di Alejandro De Marzo

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 02/05/2019 14:41
"Il Papa sta zitto e non dovrebbe", oppure "il Papa parla in ritardo". Lo si sta dicendo troppo ultimamente, e a sproposito. Anche perché comunque ha parlato. Capiamo una cosa, anzi due...

Sul papa che parla o meno cerchiamo di capire una cosa, anzi due.

1. Ognuno ha facoltà di comunicare ciò che crede e quando vuole, e soprattutto le figure istituzionali sanno farlo secondo parametri e ragioni supermeditate frutto di una riflessione specifica e di un lavoro immerso in una collettività di collaboratori e consiglieri. Quindi non sottovalutate il Papa e piuttosto siate meno banali. Non è che il Papa deve sottostare a tempistiche impulsive, automatiche e prevedibili (quand'anche giuste e condivisibili) come molti stupidamente o malignamente stanno scrivendo per criticarlo. Non è che deve commentare ogni strage quotidiana (visto che ce ne sono di gravi sempre e tutte sono importanti, e non fa differenza un morto più un morto in meno) pur di non risultare indifferente alle stesse e compiacere l'immagine che avete di lui e l'idea che volete del papato.

2. Non è che il silenzio è sintomo di menefreghismo (lo sanno bene i musicisti e gli attori quanto significato vi sia in esso!) anzi è la risposta più cristiana di fronte al male (Gesù nulla replicava a chi lo voleva cogliere in fallo, ai sommi sacerdoti e Ponzio Pilato che lo accusavano, a chi pretendeva da lui di esibire la sua divinità per dimostrarsi Dio) bensì il metodo da usare per fronteggiare Satana e le sue manifestazioni (da quando è Papa infatti Bergoglio non smette di spiegare questo suo metodo ed invitarci ad applicarlo) per cui a me non stupisce affatto che dia prova esemplare di come reagire e i frutti che se ne possono cogliere (anzitutto liberare l'umanità da un comportamentismo psicologico che ci rende schiavi dei fatti anziché lucidi nell'intervenire per cambiarne cause e responsabili). Tra l'altro molte vicende (atti terroristici, offese, incidenti o eventi dolosi) sono costruite apposta per sollecitare le relative reazioni, quindi è da ingenui ritenere di dover istintivamente assecondarli fornendo immediati responsi con comunicati o reazioni. "Porgi l'altra guancia" significa spiazza il nemico con ciò che non si aspetta e non con quello che ha programmato di ricevere, e non si risponde al male con il male. Abbiamo tutto da imparare dal Papa, non solo i contenuti catechistici della nostra Fede ma anche le forme della interazione e della testimonianza nella vita reale. La battaglia spirituale si trova su un livello di intelligenza che certi giornalisti e detrattori della Chiesa e di Bergoglio non arrivano a capire.

[docente di comunicazione, Bari]

 

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.