Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il consenso a ogni costo e l'etica politica, di Rocco D'Ambrosio

Il consenso a ogni costo e l'etica politica, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 28/11/2018 09:35
Un intervento del nostro direttore sugli aspetti etici del consenso politico, pubblicato da Repubblica-Bari

 

In inverno ci si ammala. Anche la politica si ammala. In Italia girano i virus del populismo e del sovranismo. In Puglia si aggrega quello del consociativismo, cioè il non avere strategie chiare e limpide con i colleghi di governo, ma di mantenere sempre un’agenda segreta per incontri e affari. Oddio, l’agenda non è poi cosi segreta, visto che, a livello nazionale come locale, dal presidente della Regione fino a sindaci e consiglieri in campagna elettorale, si sprecano proposte di alleanze e corteggiamenti politici. Il tutto magari smentito il giorno dopo. E tutti e tre i mali adorano un solo dio: il consenso. Cosa non si farebbe per il consenso. Il consenso prima, durante e dopo i pasti elettorali. Medicina potentissima o malanno eterno? Che brutta bestia il consenso. Specie quello ricercato a ogni pie’ sospinto. Specie quello che dichiara “amici” chi porta acqua al mio mulino di consensi e nemici quelli che magari, facendo il proprio lavoro (come i giornalisti) si permettono di ricordare le cose più semplici, ma anche più vere. Quali? Per esempio che esiste un’etica politica, ma non quella dei convegni dove molti retoricamente esaltano i La Pira, Moro, Berlinguer, Falcone e così via, ma poi, magari seduta stante, con un sms, stanno tramando per affari, se non illeciti certamente riprovevoli eticamente. L’etica politica esige responsabilità: rispondere di quello che si dice e si fa. Ogni potere “proviene da altro, che può essere un’altra persona, la tradizione, la legge, il consenso elettorale, il carisma personale o, per i credenti, la persona divina. E, alla fonte del suo potere, ognuno deve rendere conto: sempre, comunque, in itinere e alla fine del suo mandato. Altrimenti si ammala di populismo, sovranismo, consociativismo e correlati vari. L’etica politica esige chiarezza: l’ambiguità è l’anticamera della politica più nefasta. Chi dice Si o No, a seconda dei casi o del maggior consenso, non merita fiducia e fa male, molto male. L’etica politica esige un No fermo a ogni tipo di machiavellismo: non c’è nessun fine che giustifichi qualsiasi mezzo. C’è solo il dovere, come dice Hannah Arendt di sostenere “parole e azioni a vicenda, dove le parole non sono vuote e i gesti non sono brutali, dove le parole non sono usate per nascondere le intenzioni ma per rivelare realtà, e i gesti non sono usati per violare e distruggere, ma per stabilire nuove relazioni e creare nuove realtà”.

Rocco D'Ambrosio

fonte: Repubbica-Bari del 27 nov 2018, p. I

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.