Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Il CIE di Bari: un riscatto civile e morale, di Matteo Magnisi

Il CIE di Bari: un riscatto civile e morale, di Matteo Magnisi

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 16/08/2017 10:07
Il nostro socio Matteo Magnisi, impegnato da tempo nel campo della promozione dei diritti umani, ci ha inviato questo articolo che condividiamo e pubblichiamo, facendo nostro il suo appello...

 

La condanna del Tribunale di Bari alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’ Interno per le condizioni disumane con le quali sono stati trattati o migranti dal 2005  nel CIE (Centri di identificazione e di espulsione) di Bari, protagonisti di tragiche proteste e atti di grave autolesionismo,  restituisce ai migranti e agli attivisti dei diritti  umani, laici e credenti, giustizia civile e morale dopo anni di lotte, presidi, “cerchi del silenzio” e Vie crucis, organizzati dalla Rete cittadina per la Giustizia e la Pace cui hanno aderito i credenti attivisti di Bari. Agli  avvocati Paccione e Carlucci il grande  merito, attraverso una class action  di essersi sostituiti con convinzione e  tenacia  alla totale  inerzia del Comune di Bari  nella condanna  formale  a sostegno della  battaglia legale..

L'inerzia  dell’ istituzione Comune in questo decennio non e stata l’ unica. A fare buona compagnia e stata anche la Chiesa locale con il suo Arcivescovo che al silenzio ha anche aggiunto l’ assoluta mancanza di sostegno spirituale  in tutti i momenti delle Vie Crucis  organizzati dai credenti attivisti di Bari, inibendo la vicaria competente ad essere presente e lasciando a sacerdoti, che si sono contati su poche dita di una mano, il coraggio di esporsi nel  guidarle davanti al CIE.

La condanna del Tribunale di Bari investe le Istituzioni e lascia indenni committenti e gestori e in particolare chi in questi anni, sotto l’ immagine di organizzazioni del privato sociale umanitario,   è anche diventato carceriere  inconsapevole del CIE a supporto del Battaglione San Marco, modificando la logica secondo la quale il lavoro   non ha certamente    nobilitato  l uomo.

Oggi il Comune di Bari per paradosso è diventato il  destinatario dei 30.000 euro quale cifra simbolica  a titolo di risarcimento per la sua stessa 'immagine negativa di cui si è macchiato e di cui dovrà riscattarsi anche con gesti istituzionali simbolici .

Come Attivista dei diritti umani credo che la condanna giuridica al CIE non debba farci abbassare la guardia  in considerazione del trasformismo legislativo recente che vede i CIE ormai tutti chiusi ma pronti, compreso quello di Bari, ad  assumere le sembianze dei CPR (Centri per il rimpatrio) nei quali la sostanza del trattamento umano dei migranti sarà ancora tutta da verificare.

 

Matteo Magnisi, Attivista dei diritti umani.

Bari, 12 agosto 2017

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.